IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Il riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento a pavimento costituisce una valida opzione per la termoregolazione delle nostre case. Valutiamo le tipologie, i costi e il funzionamento

 

Noto come sistema a pannelli radianti, il riscaldamento a pavimento è un’alternativa valida per avere temperature confortevoli nelle nostre case in inverno. A seconda che sia ad acqua o elettrico, il riscaldamento a pavimento si compone di una serie di tubazioni a circuito chiuso o di resistenze elettriche. Entrambi questi sistemi sfruttano temperature relativamente basse, circa 35°C, mentre i radiatori tradizionali si attestano ad una temperatura di circa 70°-80°C. Tra i vantaggi c’è sicuramente l’utilizzo di energie rinnovabili, la libertà nella scelta degli spazi essendo il riscaldamento a pavimento nascosto e una quantità ridotta di polveri circolanti.

Il riscaldamento a pavimento ad acqua ed elettrico 

 

Posto al di sotto del pavimento, questo tipo di riscaldamento irradia calore dal basso verso l’alto, consentendo una distribuzione del tutto uniforme. Il riscaldamento a pavimento ad acqua consta di una serie di tubazioni all’interno delle quali circola dell’acqua riscaldata da pannelli solari, una caldaia o una pompa di calore. Questa opzione è utile anche d’estate per rinfrescare l’ambiente utilizzando dell’acqua alla temperatura di 16°-17°C. Il riscaldamento a pavimento di tipo elettrico sfrutta, invece, un sistema di resistenze elettriche che dissipa energia sotto forma di calore.

Costi e informazioni utili

 

Sebbene i costi di installazione siano abbastanza alti se comparati con quelli per i tradizionali radiatori, il consumo del riscaldamento a pavimento è certamente più economico (con un risparmio che oscilla tra il 10% e il 25%).

Le informazioni da tenere in conto al momento della pianificazione di un impianto di tale tipo sono: il piano in cui verrà installato, lo spessore del rivestimento che verrà utilizzato, le caratteristiche della costruzione e la quantità di calore che si riterrà necessaria.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
22/02/2018

Un nuovo simbolo per l'architettura e l'efficienza energetica

Il nuovo masterplan di Xiantao Big Data Valley  in Cina diventerà un distretto completamente autonomo destinato ad uso uffici, e integrato da appartamenti SOHO, spazi commerciali, scuole, un albergo di lusso e altre strutture, spazi verdi, ...

21/02/2018

Un grattacielo in legno di 70 piani

W350 Plan, che sarà costruito a Tokyo nei prossimi 20 anni, con i suoi 350 metri di altezza sarà il più alto grattacielo in legno mai realizzato, pensato con l'obiettivo di creare città rispettose dell'ambiente e che sfruttino una ...

12/02/2018

Un laboratorio riqualificato NZEB

TeicosLab è il primo edificio di Milano a uso laboratorio riqualificato come Nzeb e classificato in categoria A4+  

E’ stato inaugurato nei giorni scorsi a Milano TeicosLab, la nuova sede operativa di Teicos Group, ...

08/02/2018

Un hotel galleggiante ed ecofriendly sta per sorgere in Svezia

Ispirato all’epoca in cui il legno degli alberi veniva trasportato sui fiumi, l’hotel galleggiate “Artic Bath” promette paesaggi mozzafiato e impatto quasi zero sull’ambiente.     In Svezia, sul fiume Lule, sta per ...

07/02/2018

Gli edifici NZEB, caratteristiche e prestazioni

Venerdì 9 febbraio parte il TOUR sugli edifici NZEB, che necessitano di poca energia e vantano alte prestazioni, promosso e partecipato da SOLARTEG in collaborazione con l'ente organizzatore AssForm     Solarteg, in ...

06/02/2018

RiceHouse: il riso come risorsa edilizia del futuro

L’innovativa idea di Tiziana Monterisi ha vinto il premio speciale dell’Agenzia CasaClima nell’edizione 2018 di Klimahouse Startup Award, competizione incentrata sull’innovazione green e i giovani imprenditori del ...

31/01/2018

Un futuristico grattacielo in grado di ridurre lo smog

Il grattacielo green Tao Zhu Yin Yuan in Taiwan progettato dall’eco-architetto Vincent Callebaut pensato per diminuire le emissioni di CO2     Le metropoli asiatiche si sviluppano e crescono a vista d’occhio, proiettate sempre di ...

25/01/2018

Un eco resort che unisce design e ecologia

Naman Retreat Hay Hay è il resort eco-friendly di Vo trong Nghia Architects in corso di realizzazione nel cuore del Vietnam     Il Vietnam offre alcune delle spiagge più belle al mondo: qui sorge il resort lussureggiante che ...