IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Caldaie a condensazione: risparmio energetico e alte prestazioni

Caldaie a condensazione: risparmio energetico e alte prestazioni

Scopriamo in questa guida il funzionamento della caldaia a condensazione, un apparecchio tecnologico ed ecologico

A cura di: Fabiana Valentini

 

Tecnologica, funzionale e intelligente: la caldaia a condensazione è un’ottima soluzione per chi cerca un apparecchio che abbia alte prestazioni e allo stesso tempo che rispetti l’ambiente.

 

Vediamo da vicino il funzionamento di questa tipologia di caldaia e perché si tratta di una tecnologia a basso impatto ambientale. La caldaia a condensazione viene realizzata per sfruttare l’energia prodotta dai fumi di scarico durante la combustione. Il calore latente prodotto in questa fase non è disperso, bensì è convogliato in uno scambiatore che ne consente la condensazione.

 

Il processo di condensazione avviene mediante l’uso di uno scambiatore che va a sottrarre il calore latente dai fumi di scarico portandoli allo stato liquido. In questo modo la caldaia riesce a recuperarne il calore e sfruttarlo per riscaldare l’acqua di ritorno che viene mandata nelle tubature.

 

Nell’immagine è possibile vedere nel dettaglio la struttura e il funzionamento della caldaia a condensazione

 

Tale apparecchio, dunque, sfrutta meno combustibile per produrre acqua calda e proprio per questo motivo diventa una soluzione intelligente per avere un prodotto con un buon rendimento e in grado di non incidere negativamente sull’ambiente.

 

Questo tipo di impianto richiede una manutenzione periodica a norma di Legge al fine di garantirne il massimo delle prestazioni e l’efficienza nel tempo. Una volta l’anno rivolgetevi a un esperto del settore che attui la pulizia dell’apparecchio e inoltre, a 4 anni dall’uso della caldaia, deve essere effettuata la prova fumi ossia un’operazione che ne verifichi la temperatura fumi e i valori di tiraggio. 

Il rendimento di una caldaia a condensazione

Un apparecchio a condensazione è una soluzione “smart” pensata per il risparmio energetico: si tratta, infatti, di una caldaia progettata per sfruttare il calore che altrimenti andrebbe dissipato nell’ambiente. Ne consegue che la caldaia a condensazione riesce a riscaldare di più rispetto a un impianto classico, sfruttando il processo di condensazione.

 

Le caldaie a condensazione hanno un rendimento migliore se lavorano con un impianto a basse temperature, questo perché per recuperare i fumi mediante condensazione devono lavorare con una temperatura bassa di circa 56 gradi.

 

La caldaia murale a condensazione VICTRIX SUPERIOR 32 PLUS ErP di Immergas abbinata a un bollitore può offrire prestazioni idrauliche molto elevate con la possibilità di collegarsi a impianti solari termici.

 

Il rendimento di questa macchina aumenta anche in base a radiatori di grande superficie, proprio per questo motivo la caldaia a condensazione ha un ottimo rendimento se associata ai pannelli radianti del riscaldamento a pavimento. Inoltre concorre al buon rendimento anche il livello di isolamento termico della casa: se l’ambiente è ben coibentato allora non si verificheranno inutili perdite di calore. 

Perché scegliere la caldaia a condensazione 

A differenza di una caldaia “tradizionale”, scegliendo un modello con tecnologia a condensazione è possibile ottenere un significativo risparmio energetico

Ciò è dovuto alla particolare struttura della caldaia a condensazione la quale, nel processo di combustione, va a riutilizzare tutta l’energia del gas sfruttando anche il calore che solitamente si disperde con un prodotto tradizionale.

 

A Serie Eco di Atag è una caldaia a condensazione per uso residenziale che assicura ottimo risparmio energetico e meno CO2 nell'ambiente.

 

Un apparecchio tradizionale produce il calore riscaldando l’acqua presente nella serpentina: la conseguenza di questo processo è la formazione di vapore acqueo che va disperso nell’atmosfera. La caldaia a condensazione, invece, presenta un’apposita camera dove il vapore converge e può essere utilizzato per produrre maggior calore.

Si tratta di un sistema “intelligente” che riesce a consentire alte performance e al tempo stesso evitare sprechi inutili.

 

Esistono anche soluzioni ibride come Pigma hybrid flex in link di Chaffoteaux, il nuovo sistema ibrido a incasso con servizio di connettività di serie.

 

Ottimizzazione è la parola chiave per le caldaie a condensazione: grazie all’uso ridotto di gas è possibile garantire un risparmio nei consumi fino al 30%, impattando poco sull’ambiente. Questa tecnologia avanzata comporta un abbattimento significativo delle sostanze nocive prodotte dai gas: il sistema di bruciatura è efficiente e d’avanguardia, pensato per un consumo critico delle risorse energetiche.

 

Grazie all’aiuto di un professionista potrete progettare una coibentazione efficiente dell’edificio, in modo tale da massimizzare le prestazione della vostra caldaia e assicurarvi un ambiente confortevole. 

Costi e detrazioni fiscali

La caldaia a condensazione è un’ottima soluzione per garantire il comfort termico della casa, ma quanto costa acquistare questo apparecchio tecnologico? I prezzi di una caldaia partono generalmente dai 500 euro per arrivare anche a 2000-3000 euro per i modelli con più kW.

 

Grazie alla caldaia a condensazione potrete però ammortizzare il costo di spesa in quanto si tratta di prodotti in grado di sfruttare meno gas e consentire un risparmio in bolletta che arriva fino al 30%.

 

Vitodens 222-W è una caldaia a condensazione a gas murale di Viessmann con sistema carico bollitore di dimensioni compatte

 

Al fine di incentivare l’acquisto di soluzioni più green per la casa, lo Stato, con la Legge di Bilancio, ha prorogato l’Ecobonus fino al 31 dicembre 2017: è possibile, infatti, ottenere un’agevolazione del 65% per l’acquisto di soluzioni per la riqualificazione energetica (pannelli solari, caldaie a condensazione ecc) ottenendo fino a 30.000 euro per la sostituzione dei vecchi impianti di riscaldamento con quelli ad alta efficienza.

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
18/01/2018

Alzato dal PE il target su efficienza energetica. Rinnovabili dal 27% al 35%

Alzata dal Parlamento Europeo al 35% la quota di rinnovabili nel mix energetico e il target per efficienza energetica, 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti      Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, ha votato la ...

12/01/2018

Detrazioni fiscali e incentivi per lefficienza energetica

Il presente articolo vuole fare il punto della situazione sulle opportunità legate agli interventi di efficienza energetica sugli edifici, tenendo conto che possono essere diversificate anche a livello regionale e locale.   Possiamo ...

03/01/2018

Firmato il Decreto per il fondo Nazionale per l'efficienza energetica

Ministero dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente, con il concerto del Ministro dell'Economia, hanno firmato lo scorso 27 dicembre il decreto di costituzione del Fondo nazionale per l’efficienza energetica.     Con quasi tre ...

22/12/2017

4 milioni di euro per l'efficienza energetica delle carceri lombarde

Approvata una delibera per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico nelle principali strutture penitenziarie della Regione     L'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile della regione Lombardia ha annunciato ...

14/12/2017

Efficienza energetica: con Blumatica Energy tutto pi semplice!

Per la realizzazione dell'APE, documento necessario ad attestare le caratteristiche energetiche del proprio immobile, sono necessari strumenti completi e professionali, quale il software Blumatica Energy     L’Attestato di ...

11/12/2017

Una banca dati per monitorare le politiche di efficienza energetica

IEA ha realizzato un database utilizzando una serie di indicatori per misurare l'efficienza energetica nei vari paesi nei settori residenziale, trasporti, servizi e industria manifatturiera    Per monitorare l'efficacia delle politiche di ...

07/12/2017

Bando in Toscana per l'efficienza energetica degli immobili

C'è tempo fino al 28 febbraio 2018 per partecipare al bando per i progetti di efficientamento energetico degli immobili delle imprese     Nell'ambito del Programma operativo regionale FESR 2014/2020, la Toscana ha pubblicato il nuovo ...

06/12/2017

Nella SEN priorit a efficienza energetica

Daniela Petrone, Vice Presidente ANIT, ci propone un'interessante analisi della SEN, considerando obiettivi e priorità di azione mirati al 2030, con particolare riguardo ai temi dell'efficienza energetica     La Strategia Energetica ...