IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > ENEA: Rapporto Fonti Rinnovabili 2010

ENEA: Rapporto Fonti Rinnovabili 2010

Realizzato in collaborazione con:
Logo ENEA
ENEA:  Rapporto Fonti Rinnovabili 2010

Ricerca e Innovazione per un futuro low-carbon

L'ENEA ha presentato in Confindustria il Rapporto Fonti Rinnovabili 2010 per fornire agli imprenditori un'ampia e approfondita analisi del settore delle rinnovabili in Italia, che comprende previsioni di scenario a livello nazionale e internazionale ed una panoramica delle tecnologie più promettenti. Scopo della presentazione è di coinvolgere gli imprenditori interessati al settore delle rinnovabili con l'obiettivo di contribuire alla costituzione di una vera e propria filiera industriale delle energie rinnovabili in Italia.
L'Ing. Giovanni Lelli, Commissario ENEA, ha evidenziato: "Il Rapporto sulle Rinnovabili  testimonia l'impegno dell'ENEA in supporto al sistema Paese per sostenere le scelte di investimento degli operatori industriali in termini di tecnologie energetiche e per favorire il trasferimento dell'innovazione tecnologica nelle loro realtà produttive. A questo proposito, ENEA e Confindustria hanno sottoscritto un Protocollo d'Intesa che promuove un rapporto più stretto tra il sistema della ricerca e il sistema industriale, con l'obiettivo di  accelerare l'introduzione di innovazione nei settori industriali delle fonti rinnovabili, dell'efficienza energetica e delle tecnologie low-carbon, come opportunità per favorire l'internazionalizzazione e la competitività  delle imprese italiane in linea con le istanze di sviluppo economico sostenibile del sistema energetico."
Il Prof. Giampaolo Galli, Direttore Generale di Confindustria, ha commentato: "Per consentire il massimo rendimento delle energie rinnovabili  nel minor tempo possibile è essenziale investire nell'attività di ricerca e sviluppo tecnologico, serve dunque un'azione sinergica tra il mondo scientifico e quello industriale per sviluppare nuove tecnologie in grado di rispondere alle esigenze della domanda nazionale proveniente dagli sviluppatori degli impianti e di reggere la sfida concorrenziale con i produttori internazionali, legando così lo sviluppo delle fonti rinnovabili con la crescita industriale ed occupazionale del settore. E' in quest'ottica che Confindustria ed ENEA hanno recentemente sottoscritto un importante protocollo d'intesa volto a consolidare una già avviata collaborazione strategica finalizzata da un lato a sviluppare la ricerca industriale e dall'altro a elaborare e condividere scenari previsioni e d'impatto sul sistema paese della normativa nazionale e comunitaria in materia energetica".
 
Crisi economica, aumento dei costi e delle incertezze legate all'approvvigionamento energetico, crescita delle emissioni e rischio cambiamenti climatici sono le sfide urgenti che il settore energetico deve affrontare: le fonti rinnovabili, assieme ad un uso più razionale dell'energia, sono la chiave per superare questi ostacoli e andare verso uno sviluppo economico di tipo sostenibile.
Nell'ultimo decennio si è assistito ad una crescita straordinaria a livello internazionale dell'offerta di energia da rinnovabili che, secondo i dati dell'Agenzia Internazionale dell'Energia, è arrivata a coprire nel 2007 il 12,4% dell'offerta totale di energia primaria e il 17,9% di elettricità. In particolare l'energia da fonte solare ed eolica, è cresciuta rispettivamente, dal 1990 al 2007, a tassi medi annui del 9,8% e del 25%, di gran lunga superiori al tasso di crescita dell'offerta mondiale di energia primaria (1,9%).
Anche nell'Unione Europea il progresso delle rinnovabili si sta consolidando. Secondo Eurostat, la capacità installata per la produzione elettrica è salita del 54% dal 1997 al 2007 e l'elettricità da rinnovabili è arrivata a coprire nel 2008 una quota pari al 16,4% del totale (EurObserv'ER 2010). E' indicativo di questo successo il fatto che, tra il 2008 e il 2009, in UE la nuova capacità installata in impianti alimentati a fonti rinnovabili abbia costituto il 61% del totale della nuova capacità istallata, contro una quota che nel 1995 era del 14%.
Nel nostro paese, grazie anche all'elevata remunerazione del sistema incentivante, alcune fonti hanno raggiunto sviluppi molto incoraggianti. Nel settore fotovoltaico la nuova capacità installata nel solo 2009 (574 MWp) è stata largamente superiore a quella cumulata complessivamente fino all'anno precedente (458 MWp), facendo superare la soglia di 1 GWp. Quanto all'eolico, l'Italia risulta il terzo paese in Europa nel 2009, sia per nuova potenza installata (1.113 MW) che per potenza cumulata (4.850 MW).
La corsa alle rinnovabili è cominciata anche per l'Italia, ma la strada da percorrere è ancora lunga. Sussiste infatti ancora un notevole ritardo in altri settori delle rinnovabili, in particolare nei settori del solare termico e della biomassa, in cui il nostro Paese è ancora ben lontano dallo sfruttare il potenziale disponibile. Un caso eclatante è costituito dal solare termico, in cui l'Italia è posizionata al quattordicesimo posto tra i paesi UE, con una potenza installata di 23,4 kWth ogni 1.000 abitanti rispetto ai 362 kWth dell'Austria.
 
Come prospettato negli scenari dell'ENEA, il raggiungimento degli obiettivi assunti in ambito comunitario (17% di energia da rinnovabili sul totale dei consumi finali) implica una forte diffusione delle tecnologie esistenti e l'introduzione accelerata di quelle ancora in fase di sviluppo. Uno scenario di accelerazione verso uno sviluppo delle tecnologie low-carbon segnerà un cambiamento di rotta in direzione di uno sviluppo più sostenibile del nostro sistema energetico e potrà costituire una opportunità per una più rapida uscita dalla crisi economica in corso.
Nello scenario ENEA di "accelerazione tecnologica" il ricorso all'efficienza energetica e alle rinnovabili consentirà nel lungo periodo (2040) di dimezzare le emissioni di CO2 rispetto ai livelli del 2005 e, già nel medio periodo (2020), quasi un quarto dell'abbattimento totale sarà possibile grazie alle rinnovabili, principalmente biocombustibili e rinnovabili elettriche.
 


La forte spinta alla produzione di energia da fonti rinnovabili ha dato luogo a livello internazionale ad uno straordinario aumento del tasso di crescita degli scambi di prodotti manifatturieri relativi a queste tecnologie, in particolare nei settori eolico e solare. A partire dal 2002 buona parte dei paesi europei ha risposto iniziando un proprio percorso di "rinnovamento tecnologico" basato su adeguate politiche industriali per stimolare gli investimenti in nuova capacità produttiva nazionale di tecnologie per le rinnovabili.
L'Italia, seppure in linea con l'Europa nel ricorso alle tecnologie per le rinnovabili, presenta ancora un forte ritardo nell'adeguamento della propria capacità produttiva, che ha generato negli ultimi anni un aumento delle importazioni di quasi il 50% rispetto al 12% dell'UE.
 
  

Si assiste quindi ad una fase di dipendenza energetica per il cui superamento sarà fondamentale sviluppare le capacità e le competenze presenti nel tessuto industriale italiano, orientandole verso investimenti innovativi in grado di recuperare una leadership tecnologica e migliorare il nostro posizionamento strategico in segmenti di mercato emergenti, a diversi livelli di maturità tecnologica.
Alle potenzialità connesse alle molte tecnologie promettenti per il nostro paese (dalle rinnovabili termiche, solare e biomasse in primis, al fotovoltaico e ai biocarburanti di nuova generazione, al solare a concentrazione) vanno poi associate le opportunità di investimento nel settore delle infrastrutture di trasporto e distribuzione dell'energia, dal cui sviluppo dipende un'ampia diffusione delle rinnovabili, e che necessita di investimenti per lo sviluppo di sistemi per la gestione "intelligente" dei flussi d'energia (Smart Grid).
In un'ottica complessiva di forte innovazione tecnologica, l'Agenzia ENEA è impegnata - a fianco del decisore pubblico e degli operatori industriali - a sostenere, con le competenze e le esperienze sviluppate nei suoi laboratori scientifici, quelle scelte di investimento che sono alla base di un sistema energetico ambientalmente ed economicamente più sostenibile.
 
Rapporto Fonti Rinnovabili 2010

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
31/10/2014

Moduli fotovoltaici bianchi e colorati per la massima integrazione

Non più solo pannelli fotovoltaici scuri, non sempre adatti all’integrazione architettonica, il CSEM centro svizzero di elettronica e microtecnica, ha infatti trovato il modo per personalizzare i pannelli fotovoltaici, grazie a un rivestimento ...

Moduli fotovoltaici bianchi e colorati per la massima integrazione
30/10/2014

Entro il 2030 l'energia eolica potrebbe produrre il 20% di elettricità

Greenpeace International e Global Wind Energy Council (GWEC) hanno pubblicato lo studio biennale Global Wind Energy Outlook 2014 dedicato alla situazione del settore eolico e alle prospettive future.
Le previsioni evidenziano che, dopo qualche anno ...

Entro il 2030 l'energia eolica potrebbe produrre il 20% di elettricità
30/10/2014

PV Investment Grade: i SEU e le opportunità di sviluppo sostenibile del mercato

I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) sono configurazioni di rete costituite da uno o più impianti di produzione di energia elettrica con potenza nominale complessiva non superiore a 20 MW e installati sullo stesso sito, alimentati da impianti a fonte ...

PV Investment Grade: i SEU e le opportunità di sviluppo sostenibile del mercato
29/10/2014

Ecosistema Urbano: necessario ripensare le priorità per la vivibilità ambientale

Non è un bel quadro quello che emerge dalla ventunesima edizione di Ecosistema Urbano, il rapporto di Legambiente sulla vivibilità ambientale dei capoluoghi di provincia italiani, realizzato in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 ...

Ecosistema Urbano: necessario ripensare le priorità per la vivibilità ambientale
24/10/2014

SEU e nuove opportunità per il fotovoltaico, se ne parla al convegno PV Investment Grade

Il 5 novembre il Campus Bovisa del Politecnico di Milano ospita la seconda edizione del convegno PV Investment Grade organizzato da SMA ed Energy & Strategy Group del Politecnico, sponsorizzato anche da Conergy Italia, Ilum e SunEdison e dedicato ad ...

Convegno SMA: SEU e nuove opportunità per il fotovoltaico, se ne parla al convegno PV Investment Grade
24/10/2014

UE, intesa su pacchetto energia e clima. Si poteva fare di più?

I capi di Stato e di governo dei 28 dell’UE hanno raggiunto l'accordo sul clima che prevede la riduzione entro il 2030, vincolante per gli Stati membri, del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990, una quota di produzione di ...

UE, intesa su pacchetto energia e clima. Si poteva fare di più?
23/10/2014

Nel 2013 oltre 550.000 gli impianti fotovoltaici in esercizio

Il GSE - Gestore dei Servizi Energetici – ha pubblicato sul proprio sito il Rapporto Attività 2013 che raccoglie i risultati dei diversi servizi offerti, con particolare attenzione ai costi e ai ricavi collegati ai vari meccanismi ...

GSE: Nel 2013 oltre 550.000 gli impianti fotovoltaici in esercizio
22/10/2014

Dalle rinnovabili nel 2013 6 miliardi di fatturato

Greenpeace ha presentato i risultati del rapporto, realizzato da Althesys, che stima le ricadute economiche e occupazionali per l’Italia legate allo sviluppo delle fonti rinnovabili. Emerge che l’impatto possibile delle rinnovabili in Italia ...

grrenpeace, Dalle rinnovabili nel 2013 6 miliardi di fatturato
Partnership