IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Il mercato 2015 del fotovoltaico

Il mercato 2015 del fotovoltaico

Un mercato in crescita negli Usa, Cina, India e Giappone e sofferente in gran parte dell'Europa. In Italia previsioni per il 2015 di 500 MW circa

Il mercato del solare fotovoltaico ha registrato nel 2014 un aumento del volume delle installazioni globali superiori del 21% rispetto al 2013, con l’Asia ed il Nord America a trainare l’intero settore.

 

 

 

Come è possibile osservare dal grafico, la crescita della potenza installata ha raggiunto un valore di circa 45 GW in tutto il mondo e questo è stato possibile grazie al consolidamento del mercato statunitense, in linea con i valori del 2013, e la continua crescita di quello asiatico. I principali paesi installatori nel 2014 sono stati la Cina, leader di mercato con oltre 12,9 GW di potenza nel solo 2014, seguita dal Giappone con quasi 7 GW e dagli Stati Uniti con 4,5 GW.
La Top Five dei paesi installatori viene completata dalla Germania con circa 3,3 GW e dall’India con 2,7 GW installati.

Quello che emerge rispetto agli scorsi anni è il passaggio dell’Europa da continente leader, guidata dalla Germania e dall’Italia in primis, ad un ruolo di secondo piano dove, nel 2014, le installazioni sono pesate poco più del 20% del volume complessivo (significativamente inferiore rispetto al 40% registrato nel 2013).
La causa di questa contrazione è legata al raggiungimento della maturità del mercato europeo e la riduzione delle tariffe incentivanti in molti paesi, portando alla drastica riduzione delle installazioni in paesi come, ad esempio, la Francia (passata da 1 GW nel 2013 a circa 600 MW nel 2014) e la Spagna (con poche decine di MW nell’ultimo anno). Uno dei mercati europei in grado di crescere significativamente nel 2014 è stato quello della Gran Bretagna, segnando un incremento delle installazioni del 15% rispetto all’anno precedente.


Mentre nel breve periodo i paesi target saranno Stati Uniti, Cina, India e Giappone (che da soli hanno pesato per il 60% circa del mercato), secondo gli operatori a medio termine giocheranno un ruolo di prim’ordine i paesi in via di sviluppo come la Turchia, il Brasile, il Sud Africa e il Cile. Su quest’ultimo c’è una grande aspettativa perché il fotovoltaico ha già raggiunto la gridparity e ci si attende già quest’anno, il superamentodi 1 GW di potenza installata.


Per quanto riguarda l’Italia, il mercato ha vissuto una battuta d’arresto delle nuove installazioni, passando da oltre 1 GW nel 2013 a circa 385 MW nel 2014[1], ben al di sotto delle stime di inizio 2014. Questa contrazione del mercato è dovuta principalmente a tre cause: in primo luogo, è stato il primo anno in cui non è stato possibile accedere al Conto Energia per l’incentivazione di nuovi impianti; in secondo luogo, la definizione dello Spalma Incentivi, con la conseguente revisione della tariffa e della durata dell’incentivo, ha generato una percezione di instabilità normativa che ha scoraggiato gli investimenti nel settore; infine la delibera sui SEU, arrivata solo ad agosto 2014 e di fatto ha congelato fino a quel momento la possibilità di implementare queste soluzioni.

Analizzando la ripartizione della potenza installata in Italia, è possibile osservare come la fascia fino ai 20 kW ha coperto il 59% circa del mercato (valore inferiore solo al 66% registrato nel 2006) mentre gli impianti compresi tra i 20 ed i 200 kW hanno assorbito il 25% delle installazioni complessive. La restante quota invece può essere suddivisa tra gli impianti fino a 1 MW (pari al 12%) e gli impianti superiori al MW (per il 4%). Questa forte spinta del settore residenziale è stata dovuta alla possibilità di accesso alla detrazione fiscale al 50%, soluzione utilizzata praticamente dalla totalità degli impianti fino ai 20 kW. Per i grandi impianti invece, a causa dell’impossibilità di accedere al C.E., si è potuto assistere ad un crollo delle installazioni complessive passando in un solo anno dai circa 200 MW del 2013 ai circa 15 nel 2014.

 

Per quanto riguarda il 2015, il mercato potrà contare principalmente su tre fattori:

  • La solidità del settore residenziale, dal quale è lecito attendersi un mantenimento dei circa 200 MW installati nel 2014 grazie alla conferma della detrazione IRPEF al 50% per tutto il 2015;
  • Lo sviluppo dei SEU: grazie alle delibere 426/2014/R/eel, riguardante la definizione finale degli stessi, e la 609/2014/R/eel, volta a stabilire le regole sull’applicazione dei corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema sull’energia consumata, è ora possibile investire in queste soluzioni con regole definite, consentendo così alle imprese di studiare correttamente i business plan per la realizzazione degli stessi;
  • La definizione dei sistemi di storage: grazie alla delibera 574/2014/R/eel vengono chiarite le modalità di integrazione dei sistemi di accumulo dell’energia con gli impianti di generazione e viene definita la possibilità di accesso alla detrazione fiscale al 50% per tutto il 2015 per questi sistemi.

Grazie a questi tre fattori, è possibile attendersi per il 2015 un volume di installazioni compreso tra i 400 ed i 500 MW, dove il segmento residenziale rappresenterà circa il 50% della potenza complessivamente installata, mentre la restante parte interesserà principalmente gli impianti con taglia inferiore ad 1 MW grazie al consolidamento dei SEU. Per lo storage, ci si attende una crescita del mercato a partire dalla seconda metà del 2015 grazie alla continua contrazione dei prezzi delle batterie che renderanno sempre più interessanti questi dispositivi.

 

Il settore dove c’è grande attesa in Italia per il 2015 è quello del revamping. Grazie al considerevole parco installato nel nostro paese, sta diventando sempre più critico poter intervenire sugli impianti fotovoltaici esistenti per mantenere elevate le performance operative e, conseguentemente, quelle economico-finanziarie. Gli interventi che possono essere implementati sono principalmente di due tipologie: correttivi, per risolvere criticità legate ad errori di progettazione, di costruzione o malfunzionamenti dei componenti dell’impianto; migliorativi, per allineare le performance effettive con quelle teoricamente ottenibili dal sistema. Gli interventi migliorativi maggiormente implementati riguardano: l’introduzione dei sistemi di raffreddamento, così da evitare l’innalzamento delle temperature d’esercizio dei moduli; l’utilizzo di sistemi di ottimizzazione per eliminare le perdite di mismatch; lo sviluppo dei sistemi di monitoraggio e controllo per il miglioramento complessivo dell’impianto. Gli interventi correttivi sono costituiti principalmente dalla sostituzione di inverter, cavi, quadri di campo e sistemi di isolamento con l’obbiettivo di aumentare l’efficienza dei componenti ausiliari dell’impianto e limitarne il deterioramento nel tempo, con miglioramenti prestazionali dal 5 al 10%. Ad oggi, i benefici ottenibili da entrambe le tipologie di interventi sono nell’ordine del 5 – 20% e gli interventi di revamping maggiormente sviluppati sono di natura correttiva e sono la sostituzione o l’aggiornamento dell’inverter, dovuto anche ad adeguamenti normativi, e la sostituzione della componentistica elettronica, così da ridurre l’incidenza sulle prestazioni dei componenti del sistema.


________________________________________

[1] Valore della potenza allacciata alla rete stimata dal sistema Gaudì Terna

 

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...

14/12/2016

Leggero calo per le nuove installazioni FER, bene il fotovoltaico

Pubblicato l'osservatorio Anie Rinnovabili: - 4% per le nuove installazioni FER rispetto al 2015, il fotovoltaico segna un + 26%     Nel complesso nel periodo gennaio-ottobre 2016 le nuove installazioni di eolico, fotovoltaico e idroelettrico ...