Advertisement Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > L’efficienza energetica in Europa: stato dell’arte e prospettive di sviluppo

L’efficienza energetica in Europa: stato dell’arte e prospettive di sviluppo

Le possibilità di business dei mercati europei dell'efficienza energetica, la maturità della filiera, la normativa, i diversi sistemi di incentivazione, il ruolo delle ESCO

Oltre alla stima degli investimenti necessari al raggiungimento dell’obiettivo prefissato per ciascun Paese, l’Energy Efficiency Report 2015 si pone l’obiettivo di valutare l’effettiva possibilità che questo potenziale di mercato si concretizzi, guardando alle caratteristiche dei diversi Paesi. In particolare, l’analisi ha preso in considerazione 3 dimensioni (la maturità della filiera, la maturità del quadro regolatorio e finanziario ed il potenziale di mercato) grazie a cui è stato possibile raggruppare i differenti Paesi europei.

 

Il primo gruppo è composto da mercati dell’efficienza energetica con potenzialità di business molto interessanti (14.000 mln €/anno tra il 2015 ed il 2020), presentando infatti una buona maturità della filiera e, soprattutto, un’elevata maturità del quadro regolatorio e finanziario. In Paesi quali il Belgio, la Finlandia, la Danimarca, la Svezia, la Croazia, l’Irlanda, la Bulgaria e la Danimarca non esistono particolari ostacoli nel reperimento di risorse finanziare per la realizzazione degli interventi di efficienza energetica ed i sistemi di incentivazione risultano mediamente efficaci e stabili nel tempo. Ad esempio in Belgio è un vigore un sistema di sussidi volti a promuovere interventi di efficienza termica ed audit energetici nel residenziale, nel terziario e nell’industria. Questi Paesi sono caratterizzati da un numero limitato di operatori (le ESCo attualmente attive sono in media inferiori a 50) che, tuttavia, presentano un offerta «abbastanza» evoluta, offrendo ai propri clienti un’ampia gamma di interventi e contratti basati tipicamente sulla garanzia del raggiungimento di determinati livelli di risparmio.

 

Il secondo gruppo è composto da mercati caratterizzati da un’elevata maturità del quadro regolatorio e finanziario e buone potenzialità di business (20.000 mln €/anno tra il 2015 ed il 2020), ma con un’elevata maturità della filiera e, quindi, un elevata competizione interna. In Paesi quali la Germania, l’Olanda e l’Austria non esistono particolari ostacoli nel reperimento di risorse finanziare per la realizzazione degli interventi di efficienza energetica. I sistemi di incentivazione risultano molto efficaci e stabili nel tempo, basandosi essenzialmente su ingenti finanziamenti pubblici a supporto della diffusione degli interventi di efficienza energetica, soprattutto per le Piccole Medie Imprese. Questi mercati dell’efficienza energetica sono caratterizzati da un elevato numero di operatori (le ESCo attualmente attive sono in media superiori a 100) che offrono ai propri clienti un’ampia gamma di interventi e contratti basati tipicamente sulla garanzia del raggiungimento di determinati livelli di risparmio energetico, facendosi tipicamente carico anche del rischio finanziario del progetto.

 

Il terzo gruppo è composto da mercati caratterizzati notevoli potenzialità di business (39.000 mln €/anno tra il 2015 ed il 2020), ma con un’elevata maturità della filiera, quindi, un elevata competizione interna e, soprattutto, con ostacoli all’ottenimento di risorse finanziarie per gli interventi di efficienza energetica, nonostante la presenza di numerosi sistemi di incentivazione. In Paesi quali l’Italia, la Francia, la Gran Bretagna, la Spagna e il Portogallo esistono ostacoli nel reperimento di risorse finanziare a causa della scarsa propensione degli istituti di finanziamento a concedere prestiti per interventi di efficienza energetica e della complessità burocratica nell’accesso ai fondi pubblici. I sistemi di incentivazione sono molteplici e si basano sia soprattutto sul sistema dei Certificati Bianchi o Titoli di Efficienza Energetica (in Italia, Francia, UK) e sull’erogazione di finanziamenti per progetti di razionalizzazione dei consumi su edifici. Questi Paesi sono caratterizzati da un elevato numero di operatori (le ESCo attualmente attive sono in media superiori a 100) che offrono ai propri clienti un’ampia gamma di interventi e contratti basati tipicamente sulla garanzia del raggiungimento di determinati livelli di risparmio energetico.

 

Il quarto ed ultimo gruppo è composto da mercati caratterizzati da un basso livello di maturità della filiera, da forti barriere normative e finanziarie alla diffusione dell’efficienza energetica e basse potenzialità di business (1.400 mln €/anno tra il 2015 ed il 2020). In Paesi quali l’Estonia, la Lituania, la Lettonia esistono notevoli ostacoli nel reperimento di risorse finanziare ed i sistemi di incentivazione non sono sostanzialmente definiti. Questi mercati dell’efficienza energetica sono caratterizzati da esiguo numero di operatori (le ESCo attualmente attive sono in media inferiori a 20) che offrono ai propri clienti solo alcune tipologie di soluzioni tecnologiche e contratti basati molto spesso sulla vendita «chiavi in mano».

 

Presentazione Energy Efficiency Report 
18 Giugno 2015 ore 14.30 Politecnico di Milano

La partecipazione è gratuita ma è necessario iscriversi

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
19/06/2018

Grazie all'Ecobonus 3,7 mld di investimenti nel 2017

L'Enea ha presentato questa mattina il 7° Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica: nel 2017 l’ecobonus ha mosso investimenti di oltre 3,7 miliardi di euro per la realizzazione di ...

29/05/2018

23 milioni di euro per l’efficienza energetica di edifici e impianti a Milano

Pubblicato sul sito del comune di Milano il bando per accedere ai finanziamenti per interventi di efficienza energetica degli edifici privati   Promosso dal Comune di Milano un bando che mette a disposizione dei cittadini 23 milioni di euro a fondo ...

29/05/2018

Solo 4 tecnologie per l'energia pulita sono sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi climatici

L'Agenzia internazionale per l'energia ha pubblicato una nuova analisi sulla transizione energetica che rivela che nel 2017 solo 4 delle 38 tecnologie sono state in linea con gli obiettivi climatici, accesso all'energia e inquinamento ...

19/04/2018

Aggiornata la direttiva EU sull’efficienza energetica

Entro il 2050 edifici a energia quasi zero, riduzione delle emissioni in UE dell’80-85%. Misure per la mobilità elettrica, nuovi strumenti per edifici smart     Il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva, nella seduta del ...

18/04/2018

Disponibile la nuova versione del software DOCET per la certificazione

ENEA e CNR hanno predisposto la versione aggiornata del software per la certificazione energetica che permette la trasmissione degli APE ai sistemi informativi predisposti dalle Regioni attraverso il file di interscambio generato Enea e Istituto per le ...

30/03/2018

Casa passiva grazie all'integrazione edificio-impianto

Tra i progetti vincitori del concorso Viessmann 2017 la realizzazione di un nuovo edificio residenziale passivo, in cui sono stati integrati gli impianti a fonti rinnovabili e ad alta efficienza    Il progetto “Casa passiva con serra ...

29/03/2018

Energy Management Conference 2018

Il prossimo 11 aprile Padova ospiterrà l'evento organizzato da Soiel e dedicato all'importante e attuale tema dell'efficienza energetica nelle aziende      Soiel propone l'11 aprile a Padova la conferenza Energy Management, dedicata ...

22/03/2018

Bozza decreto per l’efficienza energetica e le rinnovabili

In approvazione il decreto che definisce le linee guida che disciplinano modalità operative e procedure autorizzative per l’installazione di impianti per l’efficienza energetica e lo sfruttamento delle rinnovabili, attrraverso ...