IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > L'integrazione delle tecnologie di efficienza energetica e l'importanza dell'Energy Manager

L'integrazione delle tecnologie di efficienza energetica e l'importanza dell'Energy Manager

Il ruolo dell'esperto in gestione energetica, i consumi energetici in Italia, le opportunita dei sistemi fotovoltaici integrati e dell'autoconsumo

Uno dei compiti strategici per promuovere il concetto di sostenibilità e risparmio energetico è quello dell'Esperto in Gestione dell'Energia, figura professionale definita dall'art. 16 del DLgs 115/2008 e ripresa dall'Energy Manager di cui alla norma UNI CEI 11339:2009. L'Esperto in gestione dell'Energia è il "soggetto che ha le conoscenze, l'esperienza e la capacità necessarie per gestire ciò che riguarda l’energia all’interno di un’azienda o di un edificio, verificando i consumi, ottimizzandoli e promuovendo interventi mirati all’efficienza energetica e all’uso di fonti rinnovabili".

Sempre più necessario sembra quindi essere un soggetto che riesca ad integrare gli interventi di efficienza energetica e gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili in un'unica soluzione tecnica, a fronte di un rientro economico interessante.

 

A questo riguardo, il  18 aprile 2014 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 102/2014  che recepisce la direttiva europea 27/2012. Il decreto prevede necessariamente la figura di un soggetto che intervenga negli edifici del territorio nazionale al fine di:

  • effettuare interventi sugli immobili della Pubblica Amministrazione Centrale, in grado di ottenere un risparmio energetico cumulato nel periodo 2014-2020 di almeno 0,04 Mtep,
  • eseguire ogni 4 anni, a partire da dicembre 2015, una diagnosi energetica sulle grandi imprese volta a fornire informazioni sui dati di consumo, ma soprattutto, sui potenziali risparmi.

I soli soggetti che potranno effettuare tali interventi sono:

1.    Esperti in gestione dell’energia (EGE)

2.    Società di Servizi Energetici (ESCo)

3.    Auditor Energetici


Le 3 tipologie di soggetti certificati saranno gli unici a consentire l’accesso ad aiuti economici per l’implementazione delle azioni di miglioramento dell’efficienza energetica

 

ALCUNI DATI DELLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

In base ai dati pubblicati in marzo 2013 nella Strategia Energetica Nazionale, l’attuale consumo finale lordo di energia in Italia è pari a circa 127,5 MTep, in particolare:

  • il calore (inteso come uso finale di energia ai fini di riscaldamento e raffrescamento) rappresenta la quota più importante, pari a circa il 45% del totale,
  • i consumi nei trasporti, rappresentano poco più del 30%,
  • i consumi elettrici si attestano a circa il 23%.

Consumi energetici in Italia, fonte dati: Strategia Energetica Nazionale

 

Guardando gli usi dal punto di vista settoriale i trasporti sono il settore a più alto consumo di energia finale (32%), seguito dagli usi industriali (26%) e residenziali (23%) e dai servizi (12-13%), mentre la Pubblica Amministrazione rappresenta il 2-3%.

Come evidenziato dal grafico di seguito, l'Italia ha un elevato potenziale di risparmio energetico non sfruttato, con numerosi interventi che offrono un ritorno economico positivo per il Paese, e per il singolo consumatore (per esempio, un edificio costruito secondo standard di efficienza energetica consente una riduzione dei consumi fino al 70% rispetto ad un edificio tradizionale).

 

Potenzialità degli interventi di efficienza energetica in Italia (Costo medio in €/tep), fonte dati: Strategia Energetica Nazionale

 

Numerose azioni di efficienza energetica hanno un ritorno economico positivo, con un "curva di costo" negativa ovvero con un investimento che viene ripagato dai risparmi economici conseguiti. Non si deve dimenticare, inoltre, che l'Italia vanta una consolidata tradizione industriale in molti settori fortemente interessati dalla diffusione dell’efficienza energetica, quali ad esempio elettrodomestici e domotica, illuminotecnica, caldaie, motori, inverter e smart grid, oltre ovviamente all’edilizia e all’automotive.

Gli stessi dati della Stategia Elettrica Nazionale indicano che tali azioni, che in una logica di investimenti dovrebbero realizzarsi spontaneamente, sono però ostacolate da numerose barriere all’adozione di tecnologie per l’efficientamento, diverse in base al settore. In particolare, molte barriere, oltre che in alcuni casi alla mancanza di capitale iniziale e quindi di ritorno dell'investimento, spesso sono dovute:

  • alla poca consapevolezza dei potenziali risparmi, soprattutto in ambito residenziale,
  • alla mancanza di competenze interne specializzate, in particolare in ambito industriale e dei servizi.

In questo senso è necessaria la presenza di un tecnico che riesca a valutare, attraverso un audit energetico quali siano i consumi del cliente finale e successivamente proporre gli interventi possibili, in termini di fattibilità tecnica e quelli ottimali in termini di risparmio energetico e rientro economico.

 

IL RUOLO RILEVANTE DELLA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA INTEGRATA AD ALTRI IMPIANTI

Produrre energia in proprio è diventata una necessità di risparmio energetico ed economico e la tecnologia fotovoltaica, ormai matura in Italia, è protagonista sia in ambito residenziale, che industriale e dei trasporti. Se un edificio è dotato di un impianto fotovoltaico, spostare i consumi da altri vettori all'elettricità consente di massimizzare l'autoconsumo e migliorare notevolmente la convenienza economica dell'investimento.

Ad oggi l’impianto fotovoltaico non deve essere più visto come puro investimento speculativo, ma come un beneficio economico sul consumo elettrico dell’utente. Chi investe su un impianto fotovoltaico oggi si assicura contro gli imprevisti del mercato energetico di domani, attenuando gli effetti delle oscillazioni dei costi del kWh prelevato.

Se poi all'impianto fotovoltaico si aggiunge una gestione intelligente dei carichi, arrivando ad un aumento dell'autoconsumo dal 30% al 70%, il tempo di rientro dell'investimento può diminuire di ben 2 anni. Altra applicazione innovativa è quella di integrare l'impianto con l'uso di pompe di calore che apportano un netto risparmio sul consumo di gas.

L'edificio è ormai un'integrazione tra involucro ed impianto ed il risparmio e l'efficienza energetica sono elementi imprescindibili.

Il sistema edificio-impianto si configura quindi come un sistema che permette di:

  • Autoconsumare tutta l’energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico
  • Ridurre i consumi di gas integrando pompe di calore e impianto fotovoltaico
  • Accumulare energia termica ed elettrica attraverso sistemi  connessi alla rete
  • Alimentare i veicoli elettrici sfruttando l’energia prodotta
  • Risparmiare  grazie agli sgravi fiscali.

 

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilit con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

18/07/2017

8 milioni in Toscana per lefficienza energetica degli edifici pubblici

Sarà pubblicato entro fine luglio un bando destinato all’efficientamento energetico di Enti locali e ASL della Toscana   Sono 8 i milioni messi a disposizione dal nuovo bando della Regione Toscana, che verrà pubblicato entro la ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

11/07/2017

1 milione di interventi in efficienza energetica in 3 anni

Grazie agli ecobonus in 3 anni sono stati realizzati un milione di interventi per oltre 9,5 miliardi di euro di investimenti. Annunciata una task force dedicata all’efficienza energetica della PA     Enea ha presentato a Roma ...

07/07/2017

Efficienza energetica al centro delle politiche fino al 2030

Per ogni euro di spesa pubblica investito in efficienza energetica si possono generare 1,5 euro di occupazione, energia risparmiata e benefici ambientali     Presentato da Confindustria il 4 rapporto Efficienza energetica che propone una ...

06/07/2017

In Emilia 47 milioni a sostegno di innovazione ed efficienza energetica

Dal 10 luglio le imprese dell'Emilia Romagna potranno inviare le domande per accedere al fondo per startup e innovazione energetica     Sono 47 i milioni di euro messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna per il credito ...

30/06/2017

Efficienza energetica scuole, prorogata la scadenza del fondo Kyoto

Prorogata al 30 giugno 2018 la scadenza per accedere al Fondo Kyoto per interventi di efficientamento degli istituti scolastici     Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti rende noto che è stato posticipato di un anno, ovvero al 30 ...

21/06/2017

Efficienza energetica ed energia sostenibile. L'Italia c'!

La battaglia contro il cambiamento climatico si vince uniti. Efficienza energetica, revamping e rinnovabili rappresentano un’incredibile occasione di sviluppo per il nostro paese     Ad aprire i lavori di "Restart: rispetto e coscienza ...