IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Schermature solari e brise soleil: il corretto benessere abitativo

Schermature solari e brise soleil: il corretto benessere abitativo

Proteggere la propria abitazione dai raggi solari è fondamentale: scopriamo le caratteristiche di una corretta schermatura solare

A cura di: Fabiana Valentini

 

Se finalmente è arrivato per voi il momento di acquistare casa e volete essere pienamente sicuri di ottenere un ambiente in cui il comfort abitativo è di alta qualità, allora dovete sicuramente porre particolare attenzione alla scelta delle schermature solari.

 

Potrebbe sembrare scontato e facile, in realtà la corretta scelta delle schermature non solo consente di garantire privacy agli abitanti della casa, ma soprattutto concorre al benessere termico e, dettaglio non irrilevante, permette di risparmiare sulla bolletta energetica sfruttando appieno la luminosità in particolare nel periodo invernale in cui si necessita di illuminazione artificiale per molte ore al giorno.

 

Una casa con delle ampie finestre sulla facciata sicuramente ha un design caratteristico e unico; maggiore è l’apertura e maggiore è l’illuminazione a cui è sottoposto l’ambiente casalingo. Ciò risulta molto interessante in inverno, quando, come detto in precedenza, occorre sfruttare al massimo l’irraggiamento solare, ma in estate può creare problemi in termini di comfort termico. Come risolvere questo problema? Affidandosi ai giusti sistemi di oscuramento, che siano fotosensibili e che permettano di evitare che le stanze della casa più esposte al sole siano quelle più penalizzate.

 

In generale i tre elementi da tenere in considerazione sono clima e le sue variazioni, il sole e la conoscenza della sua traiettoria e infine le caratteristiche dell’edificio come la sua ubicazione e dimensione. A partire da questi elementi andremo a valutare le soluzioni più interessanti nel campo delle schermature solari. 

Schermature solari: le differenze

Numerose sono le caratteristiche per poter distinguere le schermature solari: si parla infatti di schermature orizzontali o verticali, esterne o interne e fisse o dinamiche.  Questa tipologia di classificazione viene fatta sulla base di criteri diversi: nel primo caso parliamo di forme e dunque di geometrie, nel secondo della posizione che andranno a ricoprire nell’abitazione e infine è possibile classificarle ragionando sulla loro funzionalità e gestione.

 

In particolare andiamo a porre l’attenzione sulle schermature solari fisse e mobili, ragionando sulla loro funzionalità in termini di comfort termico dell’abitazione privata o di un edificio pubblico.

 

 Schermature solari fisse: posizionate esternamente sono realizzate in materiali robusti e necessitano di poca manutenzione.

 

Per quanto riguarda le schermature solari fisse, come è specificato nel nome stesso, sono elementi integrati con l’edificio, spesso sono degli elementi decorativi presenti sulla facciata dell’abitazione. Per quanto riguarda questa tipologia di schermature la caratteristica principale è quella della robustezza: essendo degli elementi solidali con la struttura vantano grande resistenza agli agenti atmosferici e di conseguenza durano di più nel tempo.

 

Tra le tipologie di schermature fisse parliamo di logge e porticati, elementi architettonici integrati agli edifici, i setti verticali, ma anche i balconi e le logge.

 

Le schermature fisse sono interessanti anche dal punto di vista del risparmio economico: avendo una buona resistenza alle intemperie non necessitano di grande manutenzione. Per quanto riguarda le caratteristiche negative questa tipologia di schermature esse non sono orientabili a seconda del movimento solare, quindi meno efficaci per proteggere gli ambienti della casa.

 

 Le schermature mobili sono maggiormente indicate per la loro peculiare caratteristica di seguire i raggi solari.

 

Più performanti sono sicuramente le schermature mobili: questi sistemi dinamici riescono maggiormente ad evitare il surriscaldamento della casa grazie alla loro caratteristica intrinseca di essere molto sensibili alla luce, proteggendo l’ambiente anche dal vento.

 

Maggior controllo della gradazione del livello d’illuminazione solare e di diffusione negli ambienti domestici: fanno parte di questa categoria di schermature i frangisole, spesso definiti come brise soleil. 

Molte sono le caratteristiche positive che portano a scegliere ad esempio i brise soleil: la loro capacità di orientarsi seguendo la luce permette di garantire la gradazione di illuminazione che si vuole ottenere. Tra le caratteristiche negative dobbiamo citare la loro manutenzione, più costante dei sistemi fissi: gli elementi meccanici di cui sono composte necessitano infatti di essere pulite per funzionare correttamente. 

Come posizionare le schermature solari

Le schermature solari possono essere posizionate sia esternamente che internamente.  Qualora si optasse per inserirle all’esterno occorre ricordare che questo tipo di sistemazione è sì utile contro le forti luci, ma concorre al surriscaldamento degli ambienti: questa scelta è problematica perché vi porterebbe a spendere molto per ottenere un’area ben climatizzata.

 

Efficacia maggiore viene garantita dalle schermature esterne: posizionando all’esterno le schermature esse bloccano i raggi solari prima che raggiungano il vetro. In questo modo abbiamo evitato il problema dell’effetto serra e creato un clima confortevole.

 

Per quanto riguarda la posizione delle schermature solari, è bene ricordare che risulta importante studiare l’incidenza dei raggi solari sulla zona che viene colpita da essi.

 

Possiamo orientare le schermature ad esempio indirizzandole a sud: in questo modo è possibile proteggere la casa negli orari centrali ossia quando il sole è in posizione più alta. La casa beneficerà solamente della luce diffusa e resterà al riparo nelle ore più calde. In questo caso la tipologia di sistema di schermatura da scegliere è quello a lamelle orizzontali (brise soleil ad esempio). 

 

Design, ricerca e protezione solare: i frangisole di METRA sono in grado di assicurare il massimo del risparmio energetico e della protezione dal surriscaldamento.

 

Tale tipologia di prodotti viene studiata al fine di avere una buona inclinazione ed evitare l’abbagliamento. Si può scegliere sia un sistema fisso, ad esempio in legno, oppure un sistema mobile in grado di cambiare posizione seguendo quella solare.

 

La situazione è diversa se decidiamo di posizionare i sistemi di ombreggiamento rivolgendoli ad est oppure ad ovest.  In questo caso bisogna fare maggiore attenzione e scegliere la giusta struttura di schermatura: i raggi del sole la mattina e il pomeriggio sono più inclinati e colpiscono la casa in maniera diretta. Come rimediare a questo fastidioso problema? Adottando un sistema a lamelle verticali, un ottimo strumento per risolvere i problemi di abbagliamento. 

Brise soleil: le caratteristiche e le funzionalità

Abbiamo parlato in precedenza di come sia importante ragionare sulla stagione, sul clima e sull’esposizione dell’edificio ai raggi solari. Le facciate, per quanto dotate di splendide vetrate, non possono da sole sostenere il carico termico; si richiede dunque l’utilizzo di una schermatura che eviti di creare un fastidioso effetto serra con il conseguente surriscaldamento delle aree abitative.

 

Come è realizzato il brise soleil

 

La scelta in termini di design e di funzionalità ricade sicuramente sui brise soleil, uno degli elementi più interessanti da valutare per la protezione solare di una struttura senza rinunciare allo stile.

 

brise soleil sono costituiti da una serie di listelli che vengono disposti parallelamente tra di loro: questo sistema di schermatura più complessa protegge in modo ottimale la struttura dai raggi del sole senza però andare a privarla dell’aria. Le lamelle di cui sono costituiti questi frangisole possono essere mobili e dunque orientarsi a seconda del sole oppure fisse ed essere già orientate seguendo un’angolazione definita.

 

 

Il sistema di pale frangisole in alluminio Wicsolaire di Wicona assicura di controllare e modulare l’ingresso della luce naturale riducendo l’eccessivo calore dei raggi solari

 

Per quanto riguarda i supporti fissi essi vengono disposti generalmente sopra le finestre in modo tale da schermare i piani più bassi dalla luce: questa soluzione è una delle più utilizzate non solo in virtù di una buona ombreggiatura, ma anche come elemento di design per arricchire in maniera elegante una facciata. Tra la soluzione fissa e quella mobile la prima garantisce minore difesa dai raggi luminosi, ma riporta il grande pregio di poter schermare la casa da fastidiosi rumori esterni.

 

Brise soleil di grande impatto realizzato in legno: un modo per coniugare design e protezione dal calore.

 

Tra i sistemi fissi vediamo come materiali il metallo che ha come caratteristica quella di essere ottimo per rapporto qualità- prezzo, oppure possono essere realizzati in cotto o legno. Infine ottimo materiale risulta essere il PVC, in grado di durare a lungo e di necessitare di poca manutenzione.

  

La massima resa viene garantita dai sistemi mobili e orientabili: in questo caso la protezione scelta garantirà il massimo in termini di protezione in qualsiasi orario del giorno. Le strutture mobili sono caratterizzate da lamelle e da sistemi girevoli che garantiscono anche una buona ventilazione all’edificio.

 

In conclusione, è bene affidarsi ad un esperto che guiderà gli utenti nella scelta delle giuste soluzioni di schermatura per rendere la vostra casa un luogo dal comfort ideale.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
22/02/2018

Un nuovo simbolo per l'architettura e l'efficienza energetica

Il nuovo masterplan di Xiantao Big Data Valley  in Cina diventerà un distretto completamente autonomo destinato ad uso uffici, e integrato da appartamenti SOHO, spazi commerciali, scuole, un albergo di lusso e altre strutture, spazi verdi, ...

21/02/2018

Un grattacielo in legno di 70 piani

W350 Plan, che sarà costruito a Tokyo nei prossimi 20 anni, con i suoi 350 metri di altezza sarà il più alto grattacielo in legno mai realizzato, pensato con l'obiettivo di creare città rispettose dell'ambiente e che sfruttino una ...

12/02/2018

Un laboratorio riqualificato NZEB

TeicosLab è il primo edificio di Milano a uso laboratorio riqualificato come Nzeb e classificato in categoria A4+  

E’ stato inaugurato nei giorni scorsi a Milano TeicosLab, la nuova sede operativa di Teicos Group, ...

08/02/2018

Un hotel galleggiante ed ecofriendly sta per sorgere in Svezia

Ispirato all’epoca in cui il legno degli alberi veniva trasportato sui fiumi, l’hotel galleggiate “Artic Bath” promette paesaggi mozzafiato e impatto quasi zero sull’ambiente.     In Svezia, sul fiume Lule, sta per ...

07/02/2018

Gli edifici NZEB, caratteristiche e prestazioni

Venerdì 9 febbraio parte il TOUR sugli edifici NZEB, che necessitano di poca energia e vantano alte prestazioni, promosso e partecipato da SOLARTEG in collaborazione con l'ente organizzatore AssForm     Solarteg, in ...

06/02/2018

RiceHouse: il riso come risorsa edilizia del futuro

L’innovativa idea di Tiziana Monterisi ha vinto il premio speciale dell’Agenzia CasaClima nell’edizione 2018 di Klimahouse Startup Award, competizione incentrata sull’innovazione green e i giovani imprenditori del ...

31/01/2018

Un futuristico grattacielo in grado di ridurre lo smog

Il grattacielo green Tao Zhu Yin Yuan in Taiwan progettato dall’eco-architetto Vincent Callebaut pensato per diminuire le emissioni di CO2     Le metropoli asiatiche si sviluppano e crescono a vista d’occhio, proiettate sempre di ...

25/01/2018

Un eco resort che unisce design e ecologia

Naman Retreat Hay Hay è il resort eco-friendly di Vo trong Nghia Architects in corso di realizzazione nel cuore del Vietnam     Il Vietnam offre alcune delle spiagge più belle al mondo: qui sorge il resort lussureggiante che ...