IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > I sistemi “Cool Roof” per il risparmio energetico in edilizia

I sistemi “Cool Roof” per il risparmio energetico in edilizia

Installare un sistema “cool roof” in copertura permette di diminuire la temperatura interna, assicurando comfort ambientale, risparmio energetico, diminuzione dell’inquinamento e risparmio in bolletta

A cura di: Raffaella Capritti

 

Il "cool roof", letteralmente tetto fresco, è un sistema impermeabilizzante per le coperture che si caratterizza per l’elevata capacità di riflettere l'irradiazione solare incidente emettendo contemporaneamente energia termica nell'infrarosso, mantenendo basse temperature superficiali, anche quando sono soggetti a forte irraggiamento solare diretto.
Si tratta di una soluzione efficace al problema del surriscaldamento estivo dei singoli edifici e delle grandi aree urbane, particolarmente adatta per installazioni nei paesi molto soleggiati, caratterizzati da elevate temperature estive, che mantiene fresca la superficie del tetto, assicurando un risparmio energetico e sui costi di climatizzazione estiva.

Surriscaldamento di coperture

I tetti scuri assorbono troppo calore solare, che viene rilasciato sia di giorno che di notte, con effetti nocivi per l’ambiente e la salute, a partire dall’eccessivo aumento della temperatura dell’interno degli edifici ma anche negli spazi urbani circostanti.
Si crea in questo modo l’effetto “isola urbana di calore“ tipico dei centri urbani che arrivano a temperature fino a 4-5°C superiori rispetto alle zone periferiche e alle campagne circostanti, con un conseguente aumento degli inquinanti e delle emissioni CO2, a causa anche del massiccio uso dei condizionatori per contrastare l’eccessivo calore. 

 

 

Per impedire l’effetto dell’isola di calore le città dovrebbero dotarsi di aree verdi che potrebbero limitare gli effetti negativi dell'eccessiva cementificazione.
Si può intervenire anche sulla pavimentazione del manto stradale, scegliendo le pavimentazioni ad alta riflettanza, realizzate con materiali naturali, permeabili e con proprietà di riflessione solare.

 

Ferrari BK propone specifiche pavimentazioni in grado di ridurre l'isola di calore.

I masselli Ferrari BK caratterizzati dal marchio SOLAR PLUS hanno elevati valori di SRI che garantiscono una maggiore riflessione solare e di conseguenza un minor accumulo di calore.

Caratteristiche Cool Roof

Il sistema cool roof contrasta gli effetti delle isole di calore e il surriscaldamento degli edifici perché riflette la radiazione solare in un’alta percentuale mantenendo una temperatura più fresca all’interno degli edifici.
Il tetto freddo è caraterizzato da un valore elevato dell'albedo, cioè della capacità di riflettere l'irradiazione solare incidente sulla superficie, combinato con un elevato valore dell'emissività termica nell'infrarosso, che permette al tetto di restituire in atmosfera, attraverso irraggiamento termico, la maggior parte della frazione assorbita dell'irradiazione solare.


Tra i vantaggi aiuta a risolvere il problema del surriscaldamento estivo degli edifici, con i suoi effetti negativi sul benessere termoclimatico, e quello dell'isola di calore urbana, si riducono inoltre le emissioni di gas a effetto serra e le le spese di manutenzione e di rifacimento dei tetti grazie alla loro maggior durata nel tempo.
Ma non solo, le coperture cool roof assicurano una temperatura più confortevole nei locali, richiedono un minor utilizzo dei sistemi di condizionamento, per garantire il raffrescamento ed il comfort termico degli ambienti, con conseguenze positive sul risparmio energetico.

 

MAPEPLAN T M Smart White di Polyglass è una linea di manti sintetici per impermeabilizzazioni che riduce di oltre il 50% la temperatura superficiale del tetto, rispetto a una copertura di colore scuro. La colorazione Smart White è realizzata nella massa del materiale ed è parte integrante dello stesso, portando vantaggi rispetto a trattamenti successivamente applicati. 

 

Considerando che il patrimonio edilizio è responsabile del consumo di circa il 40% dell'energia, è necessario intervenire sul patrimonio esistente per migliorare l’efficienza energetica tramite interventi che coinvolgano l’involucro e gli impianti, prevedendo magari l’integrazione dell’uso di rinnovabili. Le coperture riflettenti assicurano infatti una maggiore resa degli impianti fotovoltaici.


Il cool roof risponde a questa esigenza di risparmio energetico in edilizia, chiesta anche a livello normativo dal decreto del 26/06/2015 sul calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici che rende obbligatoria la verifica dell'efficacia, in termini di rapporto costi-benefici, dell'utilizzo di materiali a elevata riflettanza solare per le coperture (cool roof), assumendo per questi ultimi un valore di riflettanza solare non inferiore a- 0,65 nel caso di coperture piane; — 0,30 nel caso di copertura a falde; o tecnologie di climatizzazione passiva, come la ventilazione o le coperture a verde.

Un tetto cool roof può essere ottenuto con l’applicazione sulla superficie del tetto di uno strato superficiale esterno di colore molto chiaro, preferibilmente bianco, e con carattere non metallico.

Membrane riflettenti

Tra i sistemi in grado di diminuire la temperatura degli edifici rientrano le membrane riflettenti che assicurano minor accumulo di calore.
DERBIBRITE NT è la membrana impermeabile di Derbigum, che grazie all’esclusivo coating “ceramizzato”, vanta altissimi valori di riflettività o riflettanza solare (81%) ed emissività (81%). 

 

Ciò significa che DERBIBRITE NT riflette la maggior parte dei raggi solari che riceve e riemette la maggior parte della piccola quantità di calore che assorbe. L'SRI (Solar Reflectance Index, calcolato secondola ASTM E 1980-01) è infatti pari a 100.

 

Polyglass produce molteplici sistemi impermeabili cool roof, tutti testati dal EELab - Energy Efficiency Laboratory dell’Università di Modena e Reggio Emilia. 

POLYSINT SUN REFLECT è una membrana liquida fibrata in emulsione acquosa di colore bianco, formulata con particolari resine sintetiche, ad alta riflettanza solare (83%) ed emissività termica (91%), con indice di riflettanza solare (SRI) 105, per calcestruzzo e per membrane bitume distillato polimero. 

La membrana viene applicata a finire su sistemi impermeabili, crea una barriera ad alta riflettanza ai raggi U.V., abbassa la temperatura d’esercizio dell’intera stratigrafia, proteggendo il pacchetto isolante e garantendo così il miglior risparmio energetico. POLYSINT SUN REFLECT ottimizza inoltre l’efficienza e la resa di impianti di produzione di energia elettrica realizzati con pannelli fotovoltaici.

I tetti verdi

Anche i tetti verdi installati in copertura possono contribuire abbassare la temperatura dell'edificio, favorendo la produzione di ossigeno. Il tetto verde inoltre restituisce l'acqua piovana all'atmosfera e migliora il clima abitativo e dell'ambiente. E’ però importante scegliere il giusto sistema impermeabilizzante che assicuri qualità, resistenza nel tempo e basso consumo di energia.


I manti Sarnafil di Sika possiedono un unico ed elevato profilo ecologico. Sono manti sintetici, flessibili, per l’impermeabilizzazione di tetti resistente ai raggi UV, formulati per l’utilizzo in tutte le condizioni climatiche.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilità con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

21/07/2017

Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente     E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence ...

20/07/2017

Riqualificazione efficiente secondo il protocollo CasaClima R

Il progetto vincitore del concorso Viessmann 2016 per la riqualificazione energetica e il miglioramento del comfort abitativo interno di un edificio a Riccione       Lo Studio Tecnico Associato Newton è stato premiato lo ...

20/07/2017

Tour Maraîchère, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Per le situazioni di emergenza la casa è rinnovabile e autosufficiente

LIFEHAUS è un progetto che sviluppa abitazioni neutrali a basso consumo energetico e autosufficienti, partendo da materiali di riciclo.
     L'architetto libanese Nizar Haddad ha realizzato il progetto LIFEHAUS ovvero ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

12/07/2017

Casa Smart Plus a emissioni quasi 0

Un sistema costruttivo innovativo che assicura contenimento dei consumi, risparmio in bolletta e utilizzo esclusivo di energie rinnovabili     Presentato recentemente a Casale sul Sile, in provincia di Treviso, il primo cantiere aperto Casa ...