IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > I sistemi ibridi per la climatizzazione: un’efficienza che conviene

I sistemi ibridi per la climatizzazione: un’efficienza che conviene

L’efficientamento energetico è raggiungibile coniugando responsabilizzazione dell’utente finale, adeguate politiche di incentivazione e, chiaramente, nuove tecnologie: i sistemi ibridi, che combinano tecnologie e fonti energetiche diverse con un controllo intelligente, sono un’ottima soluzione

A cura di: Arch. Gaia Mussi

Sistemi ibridi per la climatizzazione

 

Il tema della sostenibilità e del risparmio energetico è stato affrontato a livello europeo e poi nazionale, stabilendo chiari obiettivi. L’Italia, che ha già raggiunto il traguardo sulle fonti rinnovabili per il 2020, rinnova il proprio impegno con la Strategia Energetica Nazionale approvata lo scorso novembre. Dopo quasi un anno di lavori, si sono fissati nuovi obiettivi tra cui l’aumento delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, con una riduzione dei consumi finali. 

Il consumo energetico per la climatizzazione degli edifici

L’energia impiegata per il funzionamento degli edifici è molta e dobbiamo prendere atto di situazioni quali vetustà degli impianti, cattiva gestione e abitudini scorrette degli utenti finali. Nel settore civile, la climatizzazione e la produzione di acqua calda rappresentano l’85% dei consumi totali. Secondo i dati esposti in occasione di un recente meeting a Roma organizzato da Enea e Assotermica, in Italia sarebbero in funzione ben 19 milioni di caldaie, di cui 7 milioni senza il certificato CE. Se in Europa il 65% degli impianti di riscaldamento è inefficiente, in Italia la situazione è ancora peggiore.

 

I sistemi di climatizzazione spesso consumano e sprecano energia

 

Ciò a dimostrazione dell’importanza delle nuove soluzioni in grado di rispondere alle esigenze di risparmio energetico e innovazione, ma anche di economia e funzionalità. Nel ventaglio di tecnologie disponibili, un esempio decisamente interessante è il sistema di climatizzazione ibrido.

Cos’è il sistema di climatizzazione ibrido

Il sistema di climatizzazione ibrido degli edifici combina due tipologie di impianto differenti: una caldaia a condensazione e una pompa di calore sono integrate in un unico sistema, che permette il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria.

 

Come funziona un sistema di climatizzazione ibrido

Una centralina digitale controlla il sistema e sceglierà costantemente quale fonte energetica sarà la più conveniente. Sfruttando la sua indipendenza dal clima esterno, quando le temperature sono molto rigide – con un aumento della richiesta per il riscaldamento – si utilizzerà la caldaia, poiché in queste condizioni l’efficienza della pompa di calore cala, ma questo secondo impianto subentra con l’aumentare della temperatura esterna.

Per la climatizzazione estiva è possibile invertire il ciclo della pompa di calore e si devono prevedere dei terminali adeguati.

 

 

ATAG AHP-A2 sistema di climatizzazione ibrido

ATAG AHP-A2 sistema compatto ibrido per la climatizzazione invernale ed estiva con produzione contemporanea di ACS

 

Per la produzione di acqua calda sanitaria è possibile integrare dei collettori solari e, con l’obiettivo di ridurre al minimo l’uso di gas, la pompa di calore pre-riscalda l’acqua, che viene poi – se necessario – mandata a temperatura e distribuita dalla caldaia.

Perché scegliere un sistema di climatizzazione ibrido

Questo sistema di climatizzazione permette un notevole risparmio energetico, arrivando anche a dimezzare i consumi domestici di energia e riducendo al minimo le emissioni inquinanti. Un bene per l’ambiente, ma anche per le nostre tasche, grazie ai tagli sulle bollette che ne conseguono. Infatti, conoscendo i costi per kWh di energia elettrica e per metro cubo di gas, il sistema può scegliere quale sia il funzionamento più economico, ma sempre con la massima efficienza. Ecco perché si parla di regolazione dell’impianto intelligente. Inoltre, possono essere collegati direttamente all’impianto esistente, senza la necessità di dover per forza installare nuovi terminali.

 

I sistemi ibridi assicurano risparmio energetico e in bolletta

 

 

Viessmann propone un’offerta interessante con i due sistemi ibridi Vitocal 250-S e Vitocaldens 222-F, con la funzione di “Manager energetico”. Il primo, una pompa di calore reversibile split che gestisce un generatore esterno, è indicato in quegli interventi in cui si vuole ottimizzare l’uso di una caldaia già installata. Vitocaldens 222-F, invece, comprende pompa di calore aria/acqua reversibile, caldaia a condensazione e accumulo sanitario da 130 litri, con riscaldamento dell’acqua davvero rapido. Può prevedere l’integrazione col fotovoltaico anche se installato successivamente. In entrambi, sarà l’Hybrid Pro Control a monitorare e gestire il sistema nel modo più efficiente. L’intero impianto è gestibile da mobile con l’apposita app Vitotrol App.

 

I due sistemi ibridi Vitocal 250-S e Vitocaldens 222-F

I produttori rilevano una crescita del mercato negli ultimi due anni, un segnale positivo che sottolinea l’importanza di corrette politiche a favore di questo andamento. D’aiuto, una corretta elaborazione della politica in tema di incentivi per l’efficienza energetica, così da superare anche gli ostacoli economici. Molte imprese operanti nel settore hanno lavorato allo sviluppo di questa tecnologia e i prodotti sul mercato ora sono diversi.

 

Immergas, studiando prodotti sempre più efficienti e innovativi, è partita lavorando sulle caldaie a condensazione e propone oggi soluzioni compatte per riscaldamento raffrescamento e produzione di ACS, come Magis Combo. Sostituendo il proprio impianto, oltre a usufruire delle agevolazioni fiscali previste per l’efficientamento energetico, si risparmierà grazie alla tecnologia inverter che riduce i consumi elettrici. È previsto l’abbinamento a un bollitore separato, con la possibilità di integrare il solare termico. Alti rendimenti stagionali, elettronica intelligente integrata, compattezza e silenziosità di funzionamento sono le principali caratteristiche di questo impianto, che assicura un comfort elevato. 


Sistema ibrido Magis Combo di Immergas

Se lo spazio a disposizione è contenuto, una buona soluzione è LibraVario di Paradigma, che unisce in un solo blocco la pompa di calore e l’accumulo. Anche questo prodotto garantisce riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria. La pompa di calore può funzionare anche in autonomia, ma è predisposta per la combinazione ad una caldaia a condensazione, ottenendo quindi un impianto ibrido. La versione LibraVario Acqua, include anche un collettore sottovuoto Paradigma STAR 19/33.

 

Sistema ibrido LibraVario di Paradigma, unisce pompa di calore e accumulo

 

 

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
18/01/2018

Alzato dal PE il target su efficienza energetica. Rinnovabili dal 27% al 35%

Alzata dal Parlamento Europeo al 35% la quota di rinnovabili nel mix energetico e il target per efficienza energetica, 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti      Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, ha votato la ...

12/01/2018

Detrazioni fiscali e incentivi per l’efficienza energetica

Il presente articolo vuole fare il punto della situazione sulle opportunità legate agli interventi di efficienza energetica sugli edifici, tenendo conto che possono essere diversificate anche a livello regionale e locale.   Possiamo ...

03/01/2018

Firmato il Decreto per il fondo Nazionale per l'efficienza energetica

Ministero dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente, con il concerto del Ministro dell'Economia, hanno firmato lo scorso 27 dicembre il decreto di costituzione del Fondo nazionale per l’efficienza energetica.     Con quasi tre ...

22/12/2017

4 milioni di euro per l'efficienza energetica delle carceri lombarde

Approvata una delibera per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico nelle principali strutture penitenziarie della Regione     L'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile della regione Lombardia ha annunciato ...

14/12/2017

Efficienza energetica: con Blumatica Energy è tutto più semplice!

Per la realizzazione dell'APE, documento necessario ad attestare le caratteristiche energetiche del proprio immobile, sono necessari strumenti completi e professionali, quale il software Blumatica Energy     L’Attestato di ...

11/12/2017

Una banca dati per monitorare le politiche di efficienza energetica

IEA ha realizzato un database utilizzando una serie di indicatori per misurare l'efficienza energetica nei vari paesi nei settori residenziale, trasporti, servizi e industria manifatturiera    Per monitorare l'efficacia delle politiche di ...

07/12/2017

Bando in Toscana per l'efficienza energetica degli immobili

C'è tempo fino al 28 febbraio 2018 per partecipare al bando per i progetti di efficientamento energetico degli immobili delle imprese     Nell'ambito del Programma operativo regionale FESR 2014/2020, la Toscana ha pubblicato il nuovo ...

06/12/2017

Nella SEN priorità a efficienza energetica

Daniela Petrone, Vice Presidente ANIT, ci propone un'interessante analisi della SEN, considerando obiettivi e priorità di azione mirati al 2030, con particolare riguardo ai temi dell'efficienza energetica     La Strategia Energetica ...