IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Tetti in legno: come coniugare ottima resa estetica e risparmio energetico

Tetti in legno: come coniugare ottima resa estetica e risparmio energetico

Il tetto in legno offre numerosi vantaggi rispetto a quello realizzato in muratura: scopriamo le interessanti proprietà di questo materiale

A cura di: Fabiana Valentini

 

È uno degli elementi fondamentali delle abitazioni: parliamo del tetto, ossia la parte adibita a proteggere l’edificio e a garantire il mantenimento del comfort interno.

 

Con l’edilizia ecosostenibile sono stati fatti dei grandi passi avanti per quanto riguarda la progettazione di un edificio più “green”: grazie all’intervento e ai progetti degli architetti è stato possibile ripensare il modo di costruire delle strutture che mantengano le condizioni di benessere degli abitanti, senza impattare negativamente sull’ambiente.

 

Elegante, dal colore brillante e dalla grande resistenza: il tetto in legno è una risorsa per chi desidera una casa altamente performante.

 

È proprio a questo proposito che si è andata riscoprendo l’importanza di utilizzare il legno nella realizzazione del tetto: un materiale esteticamente molto impattante e molto versatile.

 

La bellezza e l’eleganza che il legno sa conferire ad un ambiente è cosa nota: un tetto in legno rende immediatamente la casa elegante e accogliente, donando leggerezza e luminosità agli ambienti.

 

Ma la bellezza del legno non risiede solo nelle sue caratteristiche visive; parliamo, infatti, di un materiale molto versatile, in grado di contenere la dispersione termica e garantire così un clima piacevole sia d’inverno che d’estate.

 

Tetto in legno realizzato in abete: la ricerca stilistica si sposa con un materiale ben termoisolante.

 

Grazie al tetto in legno è possibile contenere l’escursione termica: scegliendo questo tipo di soluzione sarà infatti possibile avere degli ambienti freschi d’estate e gradevolmente caldi d’inverno. Questo avviene perché una delle caratteristiche del legno è quella di essere un materiale fortemente isolante.


Il risparmio energetico che ne deriva è evidente: isolando bene l’edificio non occorrerà utilizzare in maniera massiccia i sistemi di riscaldamento. Una scelta conveniente che, a lungo andare, influirà positivamente sul bilancio economico e ambientale.


Affronteremo dunque le caratteristiche di un tetto in legno, focalizzando l’attenzione sulle sue proprietà isolanti e sull’impatto positivo che comporta a livello di risparmio energetico.

Le proprietà del tetto in legno

Eco sostenibilità ed economia s’incontrano nel caso del tetto in legno: questo materiale, prima utilizzato come semplice copertura, è diventato uno dei più richiesti in quanto molto economico e al tempo stesso molto performante.

Nella storia edilizia è stato uno dei materiali più utilizzati, questo perché è caratterizzato da notevoli aspetti interessanti. In primis va menzionata la sua resistenza alla flessione: il legno è un materiale molto flessibile, ma anche molto elastico e di conseguenza resistente.

 

Un tetto realizzato in legno è un tetto dotato di resistenza alla trazione e alla compressione: queste caratteristiche unite alla grande modellabilità e alle proprietà antisismiche ne fanno uno dei materiali privilegiati e una valida scelta al tetto in muratura.

 

 

Il tetto in legno garantisce una grande durata e costi di manutenzione bassi.

 

Ma perché questo tipo di copertura andrebbe privilegiata rispetto a quelle convenzionalmente più utilizzate? Si tratta di una risorsa bio sostenibile in grado di garantire efficienza energetica ed economica, due delle voci da considerare se si desidera realizzare un’abitazione più green possibile.

 

Il legno è un materiale leggero, non richiede armature per la posa e di conseguenza vi farà risparmiare non poco al momento nel calcolo del budget. Le proprietà isolanti ne fanno la scelta più intelligente se si desidera garantire una condizione di benessere termico evitando le dispersioni di calore.

Da sottolineare inoltre che il legno garantisce un ambiente sempre asciutto, è dunque un fattore determinante per quanto riguarda la formazione di muffe e allergeni.

La grande tenuta strutturale è infine l’ulteriore fattore positivo: il tetto in legno vi garantirà grande resistenza, soprattutto contro grandine e intemperie.

Tipologie di tetto in legno

Il tetto in legno presenta diverse tipologie che variano a seconda della struttura, andiamo dunque ad elencare le più importanti e le tipologie di legnami principali.

 

Per prima cosa occorre specificare che i tetti in legno possono essere o piani o inclinati; tendenzialmente si preferisce optare per la soluzione inclinata in quanto non favorisce la formazione del fenomeno del ristagno dell’acqua, tipico invece del tetto piano.

 

Nell’immagine è possibile vedere la struttura di un tetto in legno monofalda e uno bifalda.

 

Tra le tipologie di tetto in legno vanno menzionate quello monofalda, a due falde e a più falde. Tra i legni che vengono prediletti nella realizzazione dei tetti vanno invece menzionati il larice, il castagno e l’abete.

Se state cercando un legno tenero e resistente agli attacchi di agenti esterni allora dovrete optare per il larice, il quale ha una resa estetica davvero interessante. D’altra parte l’abete garantisce alta resistenza ed è eccellente nel combattere funghi e insetti; dal secolare abete passiamo al castagno e ad un legno semiduro ottimo anch’esso per la resistenza.

Il tetto in legno ventilato

Al momento della realizzazione di un edificio è opportuno chiedersi quale sia il materiale migliore per realizzarne la copertura. È possibile scegliere un materiale eco sostenibile, di ottimo pregio e resistente? Nel caso del legno la risposta è affermativa: esso presenta numerose caratteristiche positive legate a resistenza, isolamento e protezione che ne fanno un materiale d'eccellenza.

Il pannello per l'isolamento termico AIREK ECO WOOD di RE.PACK, particolarmente adatto per le coperture ventilate, è costituito da uno strato isolante in fibra di legno ad alta densità ed è indicato per coperture a falda inclinata di sottotetti abitati.

 

Il risultato sarà quello di dotare la casa di una copertura resistente e dalle alte proprietà igrometriche e isolanti, perfetta per quanti desiderano realizzare una casa "intelligente" riducendo gli sprechi.

 

Materiale ecologico e risultato altrettanto ecologico: con il tetto in legno ventilato è possibile coniugare queste caratteristiche, realizzando una copertura a prova di intemperie con impatto 0 sull'ambiente.

L'obiettivo per chi rinnova casa oppure per chi la progetta, è quello di poter contare su una copertura che resista il più possibile ad ogni tipo di agente atmosferico, senza lesionarsi e in generale senza perdere la sua originaria resistenza.

Quanto più il tetto sarà performante tanto meno saranno necessari lavori di manutenzione. Il tetto in legno ventilato previene anche fastidiosi problemi come quelli relativi all'umidità, la sua particolare struttura consente infatti di non rendere l'aria stagnante.

Dal punto di vista igienico e strutturale questa caratteristica del legno è importante: esso impedisce la formazione di umidità, portandola verso l'esterno dell'abitazione, e di conseguenza di muffe e batteri che potrebbero essere un problema per la salute degli abitanti.

 

Performance e risparmio energetico, questi sono i motivi per cui il tetto in legno ventilato è una tipologia di copertura da considerare.

Il tetto in legno ventilato è così definito perché vi è un'intercapedine di aria posta tra lo strato isolante esterno e la copertura interna. Vi è dunque movimento di aria nell'intercapedine e scambio tra interno ed esterno, da qui la dicitura "ventilato". 

 

L’intercapedine posta tra i due supporti favorisce la circolazione dell’aria.

 

Scegliere questo tipo d’isolamento vi permetterà di avere una copertura altamente performante e vi consentirà dunque di godere di condizioni di comfort termico perfette, garantendovi inoltre un ambiente privo di umidità

Manutenzione del tetto in legno

La bellezza estetica del legno, unita alla funzionalità e al basso impatto ambientale ne fanno uno dei materiali più interessanti per quanto riguarda l'edilizia eco sostenibile.

Ma, una volta installata questa copertura, sono previsti molti lavori di manodopera? Ci troviamo di fronte ad un materiale duraturo nel tempo e resistente, motivo per cui i lavori di manodopera da mettere a budget sono davvero pochi.

Anche se il legno dovesse lesionarsi, l'opera di sostituzione sarà pratica: è possibile infatti andare a lavorare sulla singola parte o sostituirla, ed essendo un materiale economico la spesa per un eventuale rinnovo non sarà eccessivamente elevata.

Resa estetica e risparmio energetico: un mix vincente

Sentitevi liberi di immaginare la casa dei vostri sogni e di progettarla: confortevole, calda ed elegante, caratteristiche che il legno ha per definizione.

Scegliete dei prodotti certificati, il cui legname è controllato; i professionisti del settore sapranno indicarvi la tipologia di legname che meglio si adatta agli usi e agli ambienti della vostra abitazione.

Chiedete che il vostro tetto venga realizzato con legname ottenuto senza sfruttare le foreste: in questo modo compirete una scelta etica a favore della preservazione degli alberi.

 

Se il valore estetico è elevato, altrettanto elevata è la sua capacità di garantire risparmio energetico. Questo è dovuto alla caratteristica del legno di essere un ottimo materiale termico.

Perché parliamo di risparmio energetico? Il tetto in legno ha proprietà termoisolanti e fonoisolanti: scegliendo questo tipo di copertura vi garantirete calore ed eviterete fastidiosi rumori provenienti dall'esterno.

Risparmiare e rispettare madre natura diventa una realtà: i tetti in legno creeranno un ambiente termicamente isolato in inverno, non permettendo al calore di uscire e all'aria fredda di entrare.

In estate il tetto sfrutterà l’inerzia termica mantenendo la struttura fresca, basti pensare alle baite di montagna che rimangono fresche durante il periodo estivo. Non dovrete, infatti, utilizzare così spesso i riscaldamenti: il costo iniziale della realizzazione del tetto sarà quindi ammortizzato dal risparmio in bolletta che esso vi garantirà.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
22/03/2017

Zero Plus project laboratorio per edifici ad energia quasi 0

Palermo ha ospitato l'incontro tra i partner del progetto europeo Zero Plus project per la realizzazione di edifici a energia positiva e consumo prossimo allo zero   Per raggiungere gli obiettivi fissati dalla normativa europea in termini di ...

17/03/2017

Villa bifamiliare in classe energetica A e certificazione involucro Arca

La villa bifamiliare realizzata in struttura portante in X-Lam e in classe energetica A è il primo edificio ad aver ottenuto l'attestato Involucro Arca     E' stata realizzata da Nordhaus a Sanzeno, in provincia di Trento la casa ...

16/03/2017

Una Chiesa green e con tetto fotovoltaico

Un edificio religioso all’avanguardia, passivo e CO2 neutral, realizzato con approccio ecosostenibile e circondato da 10.000mq di parco     Sarà realizzato in tempi brevi a Salerno, nei quartieri Torrione e Sala Abbagnano che ...

10/03/2017

Progetto innovativo di riqualificazione scolastica

Sostenibilità ed efficienza energetica sono il cuore del progetto di recupero e di adeguamento sismico della scuola materna comunale del centro irpino di San Sossio Baronia     Un progetto ad alta efficienza energetica e ...

24/02/2017

Il Social housing si fa green e sostenibile

Officinae Verdi e Gruppo Manni lanciano GMH4.0 un nuovo modulo per il green social housing, che permette di ridurre consumi, costi ed emissioni.     In Italia più della metà degli immobili di edilizia residenziale pubblica, ...

22/02/2017

Finestre fotovoltaiche più efficienti grazie alle nanosfere di silicio

Grazie alla nuova tecnologia sviluppata dai ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca, che utilizza nanosfere di silicio, si avvicina l'industrializzazione delle finestre ...

21/02/2017

Riqualificazione di un impianto sportivo nel segno della sostenibilità

L'intervento di riqualificazione della vecchia pista di pattinaggio ad Andria è realizzato nel segno dell'eco sostenibilità. I vecchi proiettori sono stati sostituiti con supporti visivi a LED, nel totale rispetto ...

15/02/2017

Nuove residenze universitarie energeticamente efficienti

Pubblicati due decreti del MIUR per la progettazione di nuove residenze universitarie o la riqualificazione delle esistenti ad alta efficienza energetica     Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale n° 33 del 9 febbraio 2017 due decreti ...