IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > 100 milioni di euro per collegare le reti europee dell'energia

100 milioni di euro per collegare le reti europee dell'energia

Finanziare progetti di infrastrutture energetiche transeuropee

La piena interconnessione del mercato è una delle principali priorità della Commissione europea che, in quest’ottica, ha stanziato 100 milioni di euro invitando a presentare proposte per finanziare  progetti di infrastrutture energetiche transeuropee nell’ambito del meccanismo per collegare l’Europa (CEF).
 
Questi fondi saranno resi disponibili per progetti finalizzati all'eliminazione dell'isolamento energetico e delle strozzature nel settore dell'energia, nella prospettiva del completamento del mercato interno dell'energia.
Le domande devono essere presentate entro il 29 aprile 2015, la decisione sulla selezione delle proposte da finanziare si svolgerà a metà luglio.
Il Commissario responsabile per l’azione per il clima e l’energia Miguel Arias Cañete ha dichiarato: "L’esistenza di reti energetiche affidabili e ben collegate è di vitale importanza per il raggiungimento di un’Unione dell’energia resiliente.  Servono notevoli investimenti per rendere le nostre reti di energia pronte per le esigenze del futuro. Questo finanziamento è un’opportunità d’investimento per costruire un mercato dell’energia competitivo, sostenibile e sicuro e, in ultima analisi, per portare i benefici nelle nostre case e nelle nostre imprese».
Per poter richiedere una sovvenzione, un progetto deve essere inserito nell’elenco dei «progetti di interesse comune». Un primo elenco di questi è stato adottato dalla Commissione europea nell’ottobre 2013 e contiene 248 progetti chiave di infrastrutture energetiche che, una volta completate, garantiranno vantaggi significativi per almeno due Stati membri, rafforzeranno la sicurezza dell’approvvigionamento, e contribuiranno all’integrazione del mercato, a una maggiore concorrenza e alla sostenibilità. L’elenco verrà aggiornato alla fine di quest’anno.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia