IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > 32 miliardi di Euro dall'eolico per le casse dell'Europa

32 miliardi di Euro dall'eolico per le casse dell'Europa

In occasione di Ewea 2012 (European Wind Energy Association), la manifestazione annuale punto di riferimento per il mondo dell'energia eolica, è stato presentato lo studio ''Green Growth'' che sottolinea i vantaggi dell'utilizzo dell'energia eolica.
Nel triennio fra il 2007 e il 2010 il contributo dell'industria eolica al prodotto interno lordo (PIL) dell'UE è cresciuto del 33%. Nel 2010 il settore ha registrato una crescita doppia rispetto a quella del PIL complessivo dell'Unione Europea, facendo confluire nelle casse di un'Europa economicamente affaticata qualcosa come 32 miliardi di Euro.
 
Ecco alcuni dei dati più significativi fra quelli contenuti nel rapporto sulla "Crescita Verde" emanato dall'EWEA:
• nel 2010, il settore dell'eolico ha contribuito al PIL dell'EU per 32 miliardi di Euro.
• Fra il 2007 e il 2010 il contributo del settore al PIL dell'UE è cresciuto del 33%. 
• Fra il 2007 e il 2010 il settore ha creato un 30% di nuovi posti di lavoro, sfiorando quota 240.000, mentre la disoccupazione all'interno dell'UE è salita del 9,6%. Si calcola che entro il 2020 gli addetti del settore eolico saranno 520.000.
• Nel 2010 il settore ha esportato merci e servizi per un valore netto di 5,7 miliardi di Euro.
• Nel 2010 il settore ha contribuito a ridurre i costi del combustibile per una cifra pari a 5,71 miliardi di Euro. 
• Il settore ha investito il 5% del proprio fatturato in R&D - il triplo rispetto alla media UE -, percentuale che nel caso dei produttori di turbine eoliche arriva a sfiorare il 10%.
 
"Quella dell'energia eolica è un'industria che contrasta la recessione perché, anno dopo anno, dà impulso all'attività economica, crea nuovi posti di lavoro e stimola le esportazioni in seno a un'Europa che combatte contro una crisi economica resa ancora più gravosa per i cittadini dalla crescente quantità di combustibile importato a costi sempre maggiori", ha dichiarato Arthouros Zervos, Presidente dell'EWEA.
 
E l'industria dell'eolica è decisa ad alzare ulteriormente il tiro: nel 2020 il suo contributo al PIL sarà quasi il triplo - se fosseuno stato dell'Unione Europea, in quell'anno si collocherebbe al 19° posto nella graduatoria dei contribuenti, prima della Slovacchia e subito dopo l'Ungheria. Stando al rapporto dell'EWEA anche i posti di lavoro legati al settore eolico sono destinati ad aumentare - di oltre il 200%, raggiungendo così quota 520.000 entro il 2020 e forse addirittura quota 795.000 nel 2030.

Tuttavia, al fine di assicurare che l'energia eolica continui ad apportare anche in futuro sempre maggiori benefici economici alla collettività, vanno rispettati alcuni presupposti: 
• quadri di riferimento stabili, a livello dei vari stati, per quanto riguarda le energie rinnovabili, e decisa implementazione, sempre a livello nazionale, dei requisiti posti per il 2020.
• Una politica energetica post-2020 con obiettivi vincolanti in rapporto alle fonti rinnovabili per il 2030.
• Una rete di distribuzione congiunta e un mercato energetico unitario a livello europeo.
• Un più ambizioso obiettivo (-30%) di riduzione dei gas serra per il 2020.
• Adeguate sovvenzioni da parte dell'UE alla ricerca sull'energia eolica.
 
"Il nuovo rapporto dell'EWEA dimostra che l'industria eolica rappresenta un significativo fattore di crescita economica e creazione di posti di lavoro in Europa", ha commentato Felix Ferlemann, CEO di Siemens Wind Power.

 

Rapporto "Green Growth" (in inglese)

TEMA TECNICO:

Eolico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
26/07/2017

Rinnovabili non fotovoltaiche, on line il bollettino GSE

Pubblicato il documento con l'aggiornamento al 31 dicembre 2016 sui meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili diversi dal fotovoltaico.        Il GSE ha pubblicato sul proprio sito il ...

10/07/2017

Le rinnovabili tornano a crescere: +66% nei primi 5 mesi del 2017

Grazie agli impianti di grande taglia le FER nel periodo gennaio/maggio raggiungono 432 MW. L’Osservatorio Anie Rinnovabili    
Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto Osservatorio sulle energie rinnovabili elaborato su dati ...

29/06/2017

A Maggio 2017 fotovoltaico a + 10%

Crescono dell’1,1% i consumi di energia elettrica, fotovoltaico a + 10% copre l'11% della domanda, ma le rinnovabili nel complesso calano.      Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale ha pubblicato, in ...

12/06/2017

Italia sempre pi rinnovabile: in 10 anni realizzati un milione di impianti green

Aumentano in Italia i comuni 100% rinnovabili, le fonti pulite hanno contributo a soddisfare il 34,3% dei consumi elettrici complessivi. Ora si deve accelerare       Pubblicato da Legambiente il Dossier Comuni Rinnovabili 2017, ...

01/06/2017

Crescono dell11% le rinnovabili in Italia nel primo quadrimestre 2017

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'osservatorio FER dedicato al periodo gennaio/aprile: le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico raggiungono complessivamente circa 204 MW        Un buon primo quadrimestre per le ...

22/05/2017

Gruppo Lego 100% rinnovabile 3 anni prima del previsto

Dopo 4 anni e un investimento di 6 miliardi di Corone in due parchi eolici offshore, il Gruppo ha raggiunto l'ambizioso obiettivo e per festeggiare ha costruito la più grande turbina eolica fatta di mattoni       Dal 2012 la Lego ha ...

15/05/2017

Dal rinnovamento del parco eolico 6,6 miliardi di euro di risparmi entro il 2030

Benefici per i consumatori e l’ambiente dal rinnovamento del parco eolico in Italia. Senza nuovi incentivi invece la potenza eolica potrebbe scendere a 7mila MW       Nel corso del recente convegno dell’ANEV e di I-Com, Istituto ...

12/05/2017

Aggiornato il contatore rinnovabili non fotovoltaiche

Il Gestore ha pubblicato l'aggiornamento a fine marzo 2017 del contatore delle rinnovabili non fotovoltaiche, a 5,407 miliardi di euro       Il GSE ha pubblicato sul proprio sito l'aggiornamento al 31 marzo 2017 del contatore del costo ...