IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > 850mila impianti rinnovabili nei comuni italiani. Primato nella produzione di energia FV

850mila impianti rinnovabili nei comuni italiani. Primato nella produzione di energia FV

Presentato il Rapporto Comuni Rinnovabili 2016, in 39 comuni raggiunto il 100% di energia da fonte pulita

 

Investimenti, innovazioni tecnologiche e politiche internazionali per la lotta ai cambiamenti climatici, a partire dall'Accordo sul Clima di Parigi, stanno cambiando lo scenario energetico internazionale e le fonti rinnovabili hanno un ruolo leader in questa trasformazione. I paesi asiatici e del Centro America stanno accelerando la loro crescita nelle energie pulite con numeri a due cifre e le fonti rinnovabili coprono già oggi oltre il 90% dei consumi in Costa Rica o Norvegia, senza che vi siano problemi di black out della rete elettrica.

 

In Italia la crescita del fonti rinnovabili in dieci anni, malgrado il rallentamento soprattutto del fotovoltaico degli ultimi anni, ha portato il contributo rispetto ai dei consumi elettrici dal 15% al 35,5% e di quelli complessivi dal 5,3 al 17% attraverso un modello distribuito nel territorio che oggi conta con 850mila impianti da Nord a Sud, tra termici ed elettrici, dalle aree interne alle grandi città. Dopo 10 anni di crescita per la prima volta il dato è in calo rispetto allo scorso anno, a causa dell’idroelettrico che ha avuto una riduzione del 25% nella produzione (44,7 TWh contro i 59,5 del 2014). In dieci anni la produzione da energie pulite è passata da 51,9 a 109 TWh.

Il Bel Paese inoltre è il primo al mondo per incidenza del solare rispetto ai consumi elettrici (davanti a Grecia e Germania), con l’8,1%, pari al fabbisogno di 9,1 milioni di famiglie, davanti a Grecia e Germania, evitando l’immissione in atmosfera di oltre 14,8 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

Il contributo delle rinnovabili rispetto ai consumi elettrici in Italia

 

E' quanto emerge dal Rapporto presentato questa mattina da Legambiente "Comuni Rinnovabili 2016" che sottolinea che sia possibile arrivare a coprire il 50% dei consumi da rinnovabili prima di fine legislatura, come auspicato dal premier Matteo Renzi, liberandoci dalle importazioni dalle fonti fossili dall’estero, grazie al miglioramento delle tecnologie green e alla riduzione dei costi, che rendono le rinnovabili sempre più competitive.  

 

Il Rapporto è realizzato elaborando informazioni e dati ottenuti attraverso un questionario inviato ai Comuni, incrociando le risposte con i dati del GSE, con numeri e rapporti che provengono da TERNA, Enea, Itabia, Fiper, ANEV e con le informazioni provenienti da Regioni, Province e aziende

 

I numeri del Rapporto 

In dieci anni il numero di Comuni in cui è installato almeno un impianto da fonti rinnovabili è cresciuto da 356 a 8047, in tutti i Comuni italiani è installato almeno un impianto fotovoltaico. Come negli anni scorsi ma a un ritmo minore, anche nel 2015 è aumentata la diffusione per tutte le fonti - dal solare fotovoltaico a quello termico, dall’idroelettrico alla geotermia ad alta e bassa entalpia, agli impianti a biomasse e biogas integrati con reti di teleriscaldamento e pompe di calore – e per tutti i parametri presi in considerazione.

 

La crescita dei Comuni Rinnovabili

 

Sono 39 i Comuni “100% rinnovabili”, dove le energie pulite soddisfano tutti i consumi e riducono le bollette di cittadini e imprese sia per gli usi termici che per quelli elettrici grazie a soluzioni sempre più innovative e integrate, con smart grid, mobilità elettrica, accumulo.

In 2.660 Comuni l’energia elettrica pulita prodotta supera quella consumata.

 

Per quanto riguarda il fotovoltaico, il Rapporto di Legambiente, partendo dai dati Terna segnala che nell'ultimo anno sono stati realizzati 305,3 nuovi MW, con una netta riduzione rispetto al passato, dovuta a fine del conto Energia e a norme retroattive e viene segnalato il crollo degli interventi di bonifica dei tetti in amianto, per i quali gli investimenti sono proibitivi senza il sistema in conto energia. 

Sono 1.420 i Comuni dove grazie alla tecnologia  fotovoltaica la produzione di energia elettrica supera il fabbisogno delle famiglie residenti. Medaglia d'oro al piccolo Comune di San Bellino (RO) che con 71,3 MW di fotovoltaico assicura il maggior contributo rispetto ai consumi medi delle famiglie residenti.

 

La crescita delle rinnovabili (MW)

 

 

Il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini commentando i dati ha dichiarato che è possibile raggiungere raggiungere l’obiettivo del 50% da rinnovabili annunciato dal Premier Renzi, ma è necessario sostenere un modello energetico sempre più distribuito, pulito, innovativo. Si tratta di uno scenario a portata di mano grazie grazie alla riduzione del costo degli impianti e alle innovazioni nella gestione delle reti. Però perchè questo processo decolli è necessario sostenere l'autoproduzione, oggi penalizzata dalla riforma delle bollette, permettere  la distribuzione locale di energia da fonti rinnovabili negli edifici e nei distretti produttivi, ad oggi vietata, eliminare le barriere e le tasse che "impediscono investimenti che sarebbero a costo zero, e per questo occorre introdurre regole semplici e trasparenti per l’approvazione dei progetti, spingendo gli investimenti attraverso innovazioni nel mercato elettrico e negli incentivi, nelle reti energetiche".

I vantaggi di questa transizione sono confermati dai numeri che evidenziano una diminuzione di elettricità proveniente da impianti termoelettrici inquinanti: in dieci anni la produzione è passata da 258,3 TWh agli attuali 180,8, con una riduzione del 30%. Ma anche meno importazioni di gas, petrolio, carbone. Nel 2015 è inoltre diminuito il costo dell’energia nel mercato elettrico, grazie anche alla produzione di solare e eolico.

Purtroppo in Italia sono aumentate nell'ultimo anno le emissioni di CO2, anche per effetto della riduzione degli investimenti nelle rinnovabili. Ma Legambiente sottolinea che l'Italia ha tutte le potenzialità per far ripartire gli investimenti nelle fonti rinnovabili grazie alle risorse presenti in tutto il nostro territorio. Bisogna partire dalla semplificazione normativa e burocratica, dal sostegno all'autoconsumo, bisogna rendere facile l'installazione di impianti domestici, si dovrebbero eliminare tutti i sussidi diretti e indiretti alle fonti fossili, e rivedere la tassazione energetica sulla base delle emissioni di CO2 per imprimere una formidabile spinta a rinnovabili e efficienza.

 

Scarica il rapporto Comuni Rinnovabili 2016

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...

20/07/2017

Tour Marachre, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

19/07/2017

Eco materiali per edifici pi efficienti e sani

Un progetto europeo mostra il potenziale ancora non sfruttato dei materiali ecologici naturali per migliorare la qualità interna degli ambienti     Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è prioritario nelle ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

17/07/2017

Il GSE sospende gli effetti delle verifiche per impianti fv non certificati

Per gli impianti fotovoltaici di potenza compresa tra 1 e 3 kW, il GSE ha sospeso gli effetti dei provvedimenti di verifica, in attesa del completamento dell’iter parlamentare del DDL “Legge annuale per il mercato e la ...

14/07/2017

Il Sud Italia brucia, i danni per lambiente forse irreparabili

Una tragedia per la biodiversità, per lo più opera di piromani, con danni ancora non quantificabili per il territorio e gravi conseguenze per l’economia e le aziende     Dal Lazio fino alla Sicilia, il Sud Italia in questi ...

13/07/2017

Cresce il comparto delle case in legno, belle ed efficienti

Nel 2015 una casa su 14 in legno, Italia al 4° posto in Europa, il made in Italy sempre più apprezzato anche all'estero     Il Centro Studi Federlegno Arredo Eventi ha presentato il 2° Rapporto Case ed Edifici in Legno che mostra ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...