IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > A ottobre lieve calo per la domanda di energia

A ottobre lieve calo per la domanda di energia

Crescono geotermico, eolico, idroelettrico. Fotovoltaico in negativo

Terna ha pubblicato il rapporto mensile sul sistema elettrico da cui emerge che nel mese di ottobre 2015 l’energia elettrica richiesta dal Paese ha raggiunto i 25.913 GWh, in calo dell'1,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, -0,7% se depurata dagli effetti di temperatura (trascurabili) e di calendario con un giorno lavorativo in meno.
La domanda è stata soddisfatta per l'83,4% del totale attraverso fonti di produzione interna e per la parte rimanente dal saldo con l’estero.

 

A ottobre si è registrato un sensibile aumento la produzione idrica (+11,8%) e quella eolica (+21,3%). In negativo il fotovoltaico - 8%, che ha però coperto il 5,5% della domanda complessiva. Segno - per il saldo di energia con l’estero (-4,7%).

A livello territoriale, la variazione tendenziale di ottobre 2015 risulta ovunque negativa sul territorio nazionale: -2,4% al Nord, -1,0% al
Centro e -1,2% al Sud.

 

La richiesta di energia elettrica in Italia nel mese di ottobre

 

Per quanto riguarda la richiesta di energia dall'inizio dell'anno, il valore della richiesta di energia elettrica con 263.315 GWh fa segnare nel periodo un’aumento dell’1,5% rispetto al 2014. Crescono geotermico (+4,5%), eolico (+4,1%) e fotovoltaico (+8,1%), che nei primi 10 mesi dell'anno ha coperto l'8,2% della domanda. In negativo l'idroelettrico (-20,7%).


La richiesta di energia elettrica in Italia dall’inizio dell’anno

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/01/2017

Dalla diffusione della micro-cogenerazione benefici economici e ambientali

Uno studio pubblicato dalla società Althesys analizza i benefici a livello economico, di risparmio energetico e diminuzione delle emissioni in ambiente che deriverebbero dalla crescita della microcogenerazione       La ...

17/01/2017

Lo smog soffoca le città italiane

L'ultimo Report di Legambiente lancia l'allarme, sono 32 le città in cui è stata superata la soglia di polveri sottili consentita dalla legge. Serve un piano nazionale che aiuti gli amministratori a intervenire ...

05/01/2017

Crescono le rinnovabili, diminuisce la dipendenza energetica

L'Istat ha pubblicato l'edizione 2016 dell’Annuario statistico italiano che traccia una fotografia dei principali settori in Italia, tra cui ambiente ed energia.     L’Istat ha pubblicato l’edizione 2016 dell’Annuario ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

23/12/2016

Progetto #greenlight, per l'efficienza energetica nelle gallerie

Investimento da 155 milioni di euro per il risparmio energetico nelle Gallerie gestite da Anas e l'aumento della sicurezza       Illuminazione efficiente, risparmio energetico e aumento della sicurezza nelle Gallerie della rete stradale di ...

23/12/2016

Via libera al piano energetico delle Marche che spinge sulle rinnovabili

Obiettivo del piano è la diminuzione del consumo regionale di energia del 20% e di portare al 25.8% il contributo delle energie rinnovabili     Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR ...

16/12/2016

Bill Gates lancia un fondo per le energie rinnovabili da 1 miliardo di dollari

Promosso da Bill Gates, insieme ad altri imprenditori illuminati, un fondo di investimento da un miliardo di dollari dedicato alle nuove tecnologie green  
Le due facce degli Stati Uniti rispetto alle energie rinnovabili e al futuro del ...

16/12/2016

Firmata una nuova direttiva UE per limitare le emissioni

La direttiva europea adottata fissa limiti più rigorosi per i cinque principali inquinanti ed entrerà in vigore il 31 dicembre 2016     Entrerà in vigore il prossimo capodanno la nuova direttiva europea, elemento ...