IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L’edificio in legno, riciclabile, che si monta come un puzzle

L’edificio in legno, riciclabile, che si monta come un puzzle

“Accupoli” è un edificio realizzato da un gruppo di studenti del Politecnico di Torino, facile da montare, pensato per le popolazioni del centro Italia colpite dal sisma

 

Ad Accumoli sorge Accupoli edificio in legno riciclabile ed antisismico 

 

Un gruppo di studenti del Politecnico di Torino guidati dall’architetto Lorena Alessio presentano Accupoli, un edificio la cui tecnologia è stata sviluppata da un sistema costruttivo giapponese, che si monta come un puzzle, è riciclabile ed è destinato alle popolazioni del centro Italia colpite dal sisma del 24 agosto 2016.

 

In particolare il progetto vanta una collaborazione fra il Politecnico di Torino e il Kobayashi Lab di Tokyo e ha perfezionato, adeguandola alla normativa italiana, la tecnologia giapponese firmata da Hiroto Kobayashi dopo il terremoto del Tohoku del 2011, che prevede la realizzazione di un modulo sperimentale, aperto all’acoglienza e alla condivisione.
La collaborazione si è sviluppata attraverso la tesi di laurea seguita da Lorena Alessio e firmata da Carola Novara, architetto ed ex studentessa del Politecnico di Torino, vicepresidente di H.E.L.P. 6.5.

 

L’edificio sarà realizzato ad Accumoli comune particolarmente colpito dal sisma del 2016, grazie all’impegno di H.E.L.P. 6.5, acronimo di Housing in Emergency for Life and People, associazione fondata a luglio 2017 dall’architetto Lorena Alessio, con il contributo della Compagnia di San Paolo e di Acri e con il supporto di Aniem Piemonte. La realizzazione della struttura per un valore di circa 300mila euro è stata resa possibile grazie anche all’impegno praticamente gratuito messo a disposizione da un team di ingegneri strutturisti, termoidraulici ed elettrici.

 

Accupoli sarà realizzato in circa 2 mesi su un terreno del Comune, donato all’amministrazione municipale e ospiterà un centro aggregativo polifunzionale e flessibile, che accoglierà eventi culturali, incontri e iniziative sociali per la collettività. Dopo la posa delle fondazioni dello scorso agosto, è già stato avviato il cantiere per il montaggio della struttura. Saranno gli stessi studenti ad assemblare gli elementi della struttura, che si caratterizza per assoluta facilità di montaggio, simile a quella di un puzzle.

 

Si tratta del primo edificio in Italia realizzato, nelle parti portanti, con una serie di elementi autoportanti prefabbricati in legno compensato, antisismici, ad alta resistenza al fuoco e agli agenti atmosferici e ad alta durabilità.

La struttura è composta da due corpi di fabbrica affiancati longitudinalmente, il primo composto da un modulo costruttivo più grande, destinato alle attività per la collettività. Il secondo, più piccolo, ospita i servizi di accoglienza e cucina.

 

L’ossatura lignea dei portali sorregge un guscio di policarbonato semitrasparente ad alte prestazioni, che filtra l’illuminazione naturale durante il giorno. Di notte l’ambiente si trasforma in una lanterna, che illumina l’ambiente esterno della nuova piazza cittadina.

La struttura per la facilità di montaggio che la caratterizza si presta ad essere riciclata o riutilizzata. 

 

L’architetto Lorena Alessio spiega che il progetto garantisce buona qualità architettonica, pur dovendo adattarsi a una certa economicità. "Gli allestimenti interni sono stati lasciati in legno a vista. Tutti gli elementi estetici e di finitura hanno anche un ruolo strutturale o funzionale, così da ridurre al minimo il numero di componenti e la complessità del manufatto. Il tutto, sommato anche a uno studio mirato a produrre il minor numero di scarti possibile, giova al costo totale dell’opera”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2018

L’arcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...

27/06/2018

Occitanie Tower, la torre di 40 piani con la spirale verde

Nella zona est di Tolosa sorgerà il primo grattacielo della città. Con i suoi 150 metri di altezza, l’edificio avrà una forma a spirale interrotta solo da un giardino pensile continuo che contrasta con il colore silver delle ...

25/06/2018

A Vancouver il grattacielo di legno più alto al mondo

L’archistar Shigeru Ban firma Terrace House, ambizioso progetto eco-friendly a Vancouver: un grattacielo ibrido di 71 metri in legno, vetro e acciaio   a cura di Fabiana Valentini     Le città del futuro saranno sempre ...

11/06/2018

Ecolibera, un nuovo progetto immobiliare che fa risparmiare

Ecolibera è un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. Ecolibera è la tappa ...