IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Allarme eolico, nel 2010 -25%

Allarme eolico, nel 2010 -25%

Anev annuncia che nel 2010 si è registrato per la prima volta un crollo del 25% delle installazioni dell'eolico italiano. A detta dell'Anev causa principale di questa situazione è il crollo dei certificati verdi avvenuto negli ultimi anni e che nel 2010 è sceso sotto il livello minimo necessario a consentire gli investimenti. L'Anev nel fornire i dati del 2010, primo anno di blocco nella crescita dell'eolico con 948 mw installati, e una corrispondente riduzione del 25% della potenza annua rispetto agli anni passati, auspica un tempestivo intervento del governo a ripristinare un quadro utile alla prosecuzione degli investimenti per il tramite della modifica e pubblicazione del d. Lgs. Rinnovabili.
Il dato di riduzione delle installazioni del 25% nel 2010 è molto preoccupante perché riflette un diffuso malessere tra gli operatori e, in prospettiva, mette a serio rischio il raggiungimento degli obiettivi comunitari al 2020 e allo stesso tempo l'occupazione a quella data, secondo uno studio congiunto ANEV-UIL, dei 67.000 addetti nel settore ipotizzati, ed è conseguente ad una normativa che nel corso del 2010 ha fortemente penalizzato l'eolico nazionale per il calo drastico degli incentivi.
Infatti, il crollo del 40% del valore dei Certificati Verdi, ha determinato apprensione e sfiducia sia degli investitori che del sistema finanziario, poco propensi a investire e finanziare ingenti risorse in un settore che fino all'anno scorso aveva potuto contare su un sistema incentivante funzionale con determinati punti di riferimento che garantivano agli operatori seri e preparati il ritorno degli investimenti effettuati, ma che ora si trova a confrontarsi con un quadro di grande incertezza e preoccupazione sui prossimi provvedimenti.
La potenza cumulativa raggiunta di 5.797 MW al 31 dicembre 2010 potrebbe ancora consentire il raggiungimento dei valori necessari per ottemperare all'obbligo comunitario, ma solo mediante un tempestivo adeguamento della normativa, che deve coniugare l'esigenza di pervenire alla crescita imposta ed accettata della percentuale di contributo delle rinnovabili sino al 17% di energia primaria, con la messa in opera degli strumenti idonei ed efficaci per il raggiungimento di tale obiettivo.
L'ANEV segnala la gravità della situazione, certificata dai dati ufficiali relativi al 2010, e auspica che il Governo intervenga tempestivamente con la modifica e l'emanazione tempestiva del il D. Lgs. di recepimento della Dir. Com. 2009/28 al fine di far ripartire il comparto eolico che è esportatore di tecnologia e che può contribuire al rilancio e alla ripresa industriale del nostro Paese, oltre ai noti benefici ambientali e occupazionali connessi. Le recenti modifiche dei procedimenti autorizzativi che garantiscono la trasparenza del percorso amministrativo, il Protocollo di legalità sottoscritto dall'ANEV, il Piano di Azione Nazionale inviato a Bruxelles lo scorso agosto e le Linee Guida pubblicate sempre da questo esecutivo dopo sette anni di attesa hanno finalmente creato un quadro certo entro cui gli investitori seri possono operare senza intasare di domande gli enti preposti e bloccando le possibili speculazioni.
A questo punto è assolutamente necessario far ripartire il settore con decisione.

TEMA TECNICO:

Eolico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
22/05/2017

Gruppo Lego 100% rinnovabile 3 anni prima del previsto

Dopo 4 anni e un investimento di 6 miliardi di Corone in due parchi eolici offshore, il Gruppo ha raggiunto l'ambizioso obiettivo e per festeggiare ha costruito la più grande turbina eolica fatta di mattoni       Dal 2012 la Lego ha ...

15/05/2017

Dal rinnovamento del parco eolico 6,6 miliardi di euro di risparmi entro il 2030

Benefici per i consumatori e l’ambiente dal rinnovamento del parco eolico in Italia. Senza nuovi incentivi invece la potenza eolica potrebbe scendere a 7mila MW       Nel corso del recente convegno dell’ANEV e di I-Com, Istituto ...

12/05/2017

Aggiornato il contatore rinnovabili non fotovoltaiche

Il Gestore ha pubblicato l'aggiornamento a fine marzo 2017 del contatore delle rinnovabili non fotovoltaiche, a 5,407 miliardi di euro       Il GSE ha pubblicato sul proprio sito l'aggiornamento al 31 marzo 2017 del contatore del costo ...

11/05/2017

Nuova SEN: rinnovabili e uscita dal carbone entro il 2025

Presentata dal ministro dello Sviluppo economico la bozza della nuova SEN, strategia energetica nazionale, che punta su energie rinnovabili, sostegno alle auto elettriche e uscita anticipata dal carbone.    
Il ministro dello Sviluppo ...

05/05/2017

Potenzialit del revamping e futuro delle rinnovabili

Il 24 maggio Milano ospita la presentazione della 3a edizione del Renewable Energy Report 2017, interessante occasione per fare il punto su andamento del settore e potenzialità future nel nostro paese     L'Energy&Strategy ...

04/05/2017

Eolico, nel 2016 installati + di 54 GW nel mondo

Pubblicato il nuovo rapporto dal Global Wind Energy Council che evidenzia la crescita del settore eolico, nel 2016 la capacità cumulativa è cresciuta del 12,6% toccando i  486,8 GW.       Il nuovo Rapporto ...

26/04/2017

Crescono i piccoli impianti rinnovabili

In Italia il 97,6% dell’energia elettrica prodotta dagli impianti di piccola generazione è di origine rinnovabile, il fotovoltaico batte tutti     L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico ...

21/04/2017

Qual il potenziale delleolico italiano per raggiungere il target 2030 per il clima?

Uno studio a firma Anev fornisce uno strumento utile alla definizione di un piano energetico nazionale considerando il potenziale dell’eolico nazionale       Anev ha realizzato uno studio dedicato al ruolo dell’eolico on-shore e ...