IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Anev: l'83% degli italiani vorrebbe più eolico

Anev: l'83% degli italiani vorrebbe più eolico

Il segretario generale dell'Anev, Simone Togni, in occasione di un convegno organizzato a Roma il 15 giugno nell'ambito della Giornata mondiale del vento, ha evidenziato che al 2011 l'energia eolica potrebbe arrivare a servire 10 milioni di persone.
Nel corso del convegno, modeato dal Dott. Matano del TG1, è stato presentato dal Prof. Renato Mannheimer lo studio sull'eolico che ha evidenziato come l'80% ritenga l'eolico rispettoso dell'ambiente, oltre l'87% ne riconosce il ruolo positivo per lo sviluppo economico e ben il 70% ne conosce i positivi risvolti occupazionali. Inoltre l'83% degli italiani vorrebbe maggior sviluppo delle rinnovabili.
Nel corso del convegno il Ministero dello Sviluppo Economico ha dichiarato che si attende un ripensamento del Governo sulla norma dell'art. 45 che blocca gli investimenti delle rinnovabili, il rappresentante del GSE ha indicato i numeri del piano di azione anticipato nei giorni scorsi in cui l'eolico con 16.000 mw sarebbe la seconda fonte a contribuire al raggiungimento dell'obiettivo al 2020 pari al 28,9% del consumo. Infine il Presidente Vigorito ha ricordato che se in quindici anni si sono realizzati poco più di 5.000 mw e nei prossimi dieci si pensa di realizzarne più del doppio, il quadro di incentivo e sostegno non può certamente essere compromesso con azioni come quella dell'abolizione delle salvaguardie per gli investitori per eventuali "dimenticanze" del governo nell'adeguare la quota.

Dal sondaggio ISPO emerge che le Regioni che possono riscontrare in misura maggiore le ricadute positive dell'impiego di energia eolica per l'economia locale sono quelle meridionali, che registrano oggi il maggior numero di aerogeneratori installati (1.040 in Sicilia, seguita da Puglia 951 e Campania 762, per una potenza totale di 3.248 MW su 5163 MW totali) e per le quali si prevede un maggior potenziale di occupati entro il 2020. In Puglia l'energia eolica potrebbe offrire entro il 2020 un'occupazione a 11.714 addetti (circa il 17% del potenziale occupazionale totale), mentre in Campania e Sicilia si prevedono rispettivamente 8.738 e 7.537 nuovi posti di lavoro.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2018

+ 4% per le rinnovabili a dicembre 2017

In crescita a dicembre la richiesta di energia elettrica rispetto allo scorso anno. Le rinnovabili al 31% del totale. +50% per l’eolico     Terna ha pubblicato il Rapporto Mensile sul sistema elettrico in Italia, che trovate in allegato, ...

19/01/2018

Crescono gli investimenti nelle rinnovabili

Pubblicato un nuovo Report di Bloomberg New Energy Finance che segnala che lo scorso anno gli investimenti in energie rinnovabili hanno raggiunto i 333,5 miliardi di dollari a livello mondiale, in crescita del 3% sul 2016     Nel 2017 gli ...

18/01/2018

Alzato dal PE il target su efficienza energetica. Rinnovabili dal 27% al 35%

Alzata dal Parlamento Europeo al 35% la quota di rinnovabili nel mix energetico e il target per efficienza energetica, 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti      Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, ha votato la ...

18/01/2018

Guida alla scelta dei materiali sostenibili in edilizia

Legambiente presenta MaINN, la libreria dei materiali innovativi, salubri e sostenibili in edilizia. Strumento utile per architetti, progettisti e privati     MaINN è il nuovo portale lanciato da Legambiente e dedicato ai materiali ...

18/01/2018

Trasformare il trasporto grazie alle tecnologie rinnovabili

Il futuro verso la mobilità elettrica e sostenibile non è forse così lontano. Aumenta la competitività dei costi rispetto alle auto tradizionali, diminuiscono i tempi di ricarica     Il settore dei trasporti è ...

17/01/2018

Cos’è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Il metodo LCA permette di valutare gli impatti ambientali con riferimento all’intero ciclo di vita di un prodotto o di un servizio. Nasce in ambito industriale, ma ha grandi potenzialità applicato nel settore edile, offrendo uno strumento ...

16/01/2018

Record eolico che il 4 gennaio copre il 22,7% della domanda

Secondo i dati di WindEurope lo scorso 4 gennaio l’eolico ha prodotto 2.128 GWh di energia, coprendo il 22,7% della domanda       Vento in poppa per l'eolico! Dai primi dati pubblicati dall'associazone europea WindEurope e ...

15/01/2018

L’Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

Per assicurare il rispetto del target del 27% di rinnovabili sui consumi l'Europa deve rivedere la propria strategia, focalizzanosi sulla decentralizzazione dei sistemi energetici      Il Rapporto recentemente pubblicato dalla ...