IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Anev, per il futuro dell'eolico incentivi in conto capitale e leva fiscale

Anev, per il futuro dell'eolico incentivi in conto capitale e leva fiscale

L'Anev -Associazione Nazionale Energia del Vento, in un comunicato sottolinea le difficoltà del settore eolico e chiede un ripensamento del meccanismo di incentivazione.
A qualche mese dall'emanazione del DM Rinnovabili del 6 luglio 2012 le previsioni sul futuro del settore eolico sono incerte. È sicuramente necessario che la nuova normativa faccia il suo corso, ma come emerge chiaramente dal testo del Decreto e come testimoniano le imprese italiane la crescita che il settore ha avuto fino ad oggi in termini di sviluppo dell'installato si è rallentata.
Inoltre il contesto finanziario internazionale rende necessario il raggiungimento degli obiettivi europei del pacchetto clima 20/20/20 in maniera efficiente, a tal fine sembra necessario utilizzare strumenti nuovi che per l'eolico stimolino ulteriore competitività nella selezione dei siti ma al contempo consentano agli operatori di continuare a realizzare impianti.
In tale contesto si rende indispensabile un ripensamento del meccanismo di incentivazione che deve passare dal conto energia al conto capitale, in modo da essere più efficiente e meno costoso. Inoltre tale passaggio consentirebbe di superare almeno in parte la crisi attuale delle imprese nell'accesso al credito. A tal fine un altro elemento per garantire il soddisfacimento degli standard europei cui l'Italia ha volontariamente aderito è di stimolare la maggiore durata possibile delle iniziative e migliorarne le performances degli impianti esistenti con ulteriori evoluzioni dell'attività di gestione dei medesimi. Infatti rendere più efficiente in termini di produzione gli impianti, grazie al miglioramento dei prodotti e dei servizi relativi alla gestione e alla manutenzione, consentirebbe alle imprese di ridurre il pericolo derivante dalla riduzione sensibile dei profitti derivante dall'abbassamento significativo degli incentivi e dall'introduzione scellerata della Robin Tax.
Non va infine trascurato il potenziale occupazionale di questo settore, cioè dei servizi, che anzi è la principale voce di occupazione di lunga durata del comparto. Infatti gestire un parco eolico in tutti i suoi aspetti richiede impiego di forza lavoro qualificata nel medio e lungo periodo. Secondo lo studio  ANEV-UIL 2012, infatti, il solo settore dell'O&M per l'eolico può potenzialmente arrivare ad impiegare 25mila addetti circa al 2020, rispetto ai 12mila attuali; per una cifra complessiva nel comparto eolico generale di 67mila occupati al 2020 rispetto ai 39mila attuali.
Simone Togni, Presidente ANEV, spiega: "È necessario puntare sempre più sull'industria  nazionale dell'eolico, stimolando innovazione, ricerca e servizi per questa tecnologia che ha raggiunto oramai numeri significativi".

TEMA TECNICO:

Eolico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/12/2017

Le vecchie pale eoliche si trasformano in oggetti di design!

Un progetto europeo che porta a nuova vita le pale eoliche in via di dismissione nel pieno rispetto dell'economia circolare, con l'obiettivo che le risorse rimangano all'interno del sistema economico, generando nuovo valore.       Il ...

05/12/2017

+20% le installazioni rinnovabili nei primi 10 mesi 2017

Pubblicato l'Osservatorio Anie Rinnovabili: da gennaio a ottobre 2017 fotovoltaico, eolico e idroelettrico raggiungono complessivamente circa 726 MW, in crescita del 20% rispetto allo scorso anno      Anie Rinnovabili ha pubblicato il ...

23/11/2017

A ottobre crescono fotovoltaico ed eolico

Il fotovoltaico a ottobre 2017 cresce del 36.2% e copre il 7,2% della domanda di elettricità. I dati di Terna
    Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, ha pubblicato il consueto Rapporto mensile che ...

01/11/2017

700 MW di nuove installazioni rinnovabili da gennaio

Pubblicato l’Osservatorio Anie Rinnovabili di settembre: + 23% le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico. Focus bioenergie       Si conferma l’andamento positivo per le rinnovabili che a settembre 2017 segnano un ...

05/10/2017

Un futuro sempre pi brillante per le energie rinnovabili

Nei prossimi 5 anni il fotovoltaico entrerà in una nuova era rivoluzionando il settore delle rinnovabili che nel complesso entro il 2022 copriranno il 30% della produzione di energia.     Le rinnovabili nel 2016, grazie soprattutto alla ...

04/10/2017

In UE al 2030 dall'eolico il 30% della domanda di energia

L’eolico potrebbe soddisfare nel 2030 il 30% della domanda elettrica europea, garantendo investimenti e posti di lavoro. Italia indietro rispetto agli altri paesi  
    WindEurope, Associazione europea dell’eolico, ha ...

03/10/2017

Bene le Regioni italiane sui consumi di energia da rinnovabili

Il GSE ha pubblicato i dati statistici sui consumi di energia rinnovabile nelle Regioni italiane, con monitoraggio degli obiettivi burden sharing. Veneto e provincia di Bolzano hanno praticamente raddoppiato gli obiettivi fissati al ...

14/09/2017

+18% le installazioni di rinnovabili in Italia da gennaio-agosto

Pubblicato l'osservatorio Anie Rinnovabili, ad Agosto 2017 la nuova potenza di fotovoltaico a 291 MW, + 14% rispetto all'anno precedente     Anie Rinnovabili ha pubblicato il consueto Rapporto mensile realizzato su dati Terna, che conferma ...