IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Anie/Gifi: proposte urgenti al mondo politico per il futuro del fotovoltaico

Anie/Gifi: proposte urgenti al mondo politico per il futuro del fotovoltaico

Valerio Natalizia, Presidente Anie/Gifi ha presentato ieri a Milano di fronte a una sala gremita, l'incontro pubblico "Fotovoltaico 2.0: proposte per lo sviluppo del settore oltre gli incentivi", che ha ospitato le principali aziende del settore e diversi esponenti politici dei maggiori partiti candidati alle prossime elezioni, dall'On. Paolo Romani (PDL), alla Dott.ssa Stella Bianchi (PD), da Ermete Realacci (PD), a Monica Frassoni (SEL).
Nel corso dell'incontro Natalizia ha presentato le principali proposte di Anie/Gifi per supportare la filiera del fotovoltaico e dare continuità agli investimenti e allo sviluppo del settore, considerando l'industria fotovoltaica nazionale, ma anche tutto l'indotto.
Il V Conto Energia è praticamente esaurito, diventa quindi necessario proporre misure trasversali che permettano di far transitare il settore verso la grid parity. Per far questo ANIE/GIFI ha chiesto un vero impegno della politica per lo sviluppo sostenibile del settore elettrico.
"I tempi sono maturi - ha dichiarato Valerio Natalizia - abbiamo l'esperienza ed anche la tecnologia. L'industria fotovoltaica nazionale ha bisogno in questo momento di stabilità, certezza delle regole e di una visione strategica per poter sfruttare al meglio tutte le opportunità offerte da questa transizione e per rilanciare l'economia italiana".

Mercato nazionale del fotovoltaico
A livello nazionale al 31 dicembre 2012 i 16.142 MWp di potenza fotovoltaica connessa alla rete hanno contribuito al 5.63% della domanda e al 6.43% della produzione nazionale di energia elettrica nello stesso anno.
 
 
Natalizia ha inoltre evidenziato l'effetto del fotovoltaico sul sistema dei prezzi dell'energia elettrica: se prima infatti il differenziale di costo tra le ore di picco e quelle serali era del 30/40% ora si è ridotto al 15/17%.
 
L'occupazione nel fotovoltaico in Italia
I dati forniti da Anie/Gifi considerano i posti di lavoro diretti e quelli indiretti, che forniscono componenti più generici. In Italia il settore ha raggiunto il suo massimo di personale impiegato tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011 con oltre 100.000 addetti. A partire dalla seconda metà del 2011 i posti di lavoro hanno iniziato a diminuire e il trend negativo è proseguito anche nel 2012, che si è concluso come il peggiore anno della storia del fotovoltaico italiano. "Tale situazione è la conseguenza di una serie di misure legislative che non hanno recepito le istanze dell'industria e che hanno affossato in maniera consistente un settore che ha dimostrato, in un periodo di crisi finanziaria, una dinamicità unica, generando benefici enormi per il Sistema Paese".
 


Andamento del costo dell'energia fotovoltaica
Recenti studi europei hanno evidenziato che l'utilizzo della tecnologia fotovoltaica induce una diminuzione del prezzo dell'elettricità fino a 4.8 cent€/kWh per effetto della riduzione delle perdite di rete, delle emissioni inquinanti e della dipendenza dalle importazioni. Parallelamente si è ridotto nell'ultimo anno del 35% il LCOE (il costo di produzione dell'energia elettrica durante l'intera vita dell'impianto fotovoltaico) mentre si riduce del 22% il costo dei moduli (che rappresentano oggi circa il 40% dell'investimento totale) ad ogni raddoppio della potenza installata.
 


 
Le proposte Anie/Gifi
Natalizia nel suo intervento ha presentato proposte urgenti e concrete ed altre di medio lungo periodo, che è necessario che il nuovo Governo sappia portare avanti.
Tutti concordi  che il primo urgente intervento sia garantire la stabilità normativa e la semplificazione drastica delle procedure burocratiche, sia per le autorizzazioni che per le connessioni alla rete, affinchè l'industria nazionale possa tornare a competere nei mercati globali con innovazione.
Natalizia ha inoltre sottolineato come sia necessario investire sulle reti, ammodernando le infrastrutture, potenziando le reti, implementando e accelerando lo sviluppo delle soluzioni smart.
Tra le altre misure urgenti Anie/Gifi chiede un chiarimento sulla detrazione fiscale prevista per la ristrutturazione edilizia (per persone fisiche) e la possibile estensione della detrazione alle persone giuridiche e/o ampliamento incentivi per impianti fino a 200 kWp. E' di fondamentale importanza prevedere una facilitazione dell'accesso al credito per le aziende attraverso un fondo rotativo. Infine è piuttosto urgente che arrivi la delibera dell'Autorità sui Sistemi Efficienti di Utenza, meccanismo che potrebbe incentivare le aziende a installare impianti fotovoltaici e che ci sia l'ampliamento dello Scambio sul Posto fino a 1 MW.
 "Gli incentivi sono serviti a creare competenze, know-how e benefici per tutto il Sistema Paese - continua Natalizia. Ora ci stiamo incamminando verso la piena competitività che potrà essere raggiunta solo attraverso la completa liberalizzazione del mercato elettrico, il potenziamento delle infrastrutture di rete, la facilitazione di accesso al credito per le aziende, la riduzione della burocrazia, innescando una serie di misure di stimolo al mercato: SEU, RIU e detrazioni".
 
Per quanto concerne gli interventi a medio termine Natalizia ha suggerito di costituire un nuovo sistema per la promozione delle imprese italiane all'estero; rendere trasparente e "meno pesante" la bolletta elettrica, razionalizzando le voci e imputando a carico della fiscalità generale quelle non inerenti il mercato dell'energia e il sostegno alle rinnovabili. A livello normativo bisognerebbe prevedere sgravi fiscali sulle assunzioni da parte delle imprese; bandi dedicati all'erogazione di finanziamenti a tassi agevolati per gli investimenti manifatturieri; detrazioni fiscali sui ricavi della produzione di energia elettrica da fotovoltaico. 

"Non è colpa del fotovoltaico se il prezzo dell'energia elettrica è così alto - ha dichiarato l'On Paolo Romani (PDL). La SEN deve diventare nel prossimo Governo lo strumento principale per armonizzare la produzione energetica delle diverse fonti con l'obiettivo di alleggerire la bolletta degli italiani."
"C'è bisogno di una politica industriale specifica - ha dichiarato la Dott.ssa Stella Bianchi (PD) - che contempli l'integrazione delle rinnovabili nel sistema elettrico a favore della generazione distribuita attraverso i piccoli medi impianti. Allo stesso tempo è importante evitare battute d'arresto dovute a modifiche improvvise nelle regole avvenute in passato e all'eccessiva burocrazia."
"Le nostre imprese hanno una elevata capacità di innovazione - ha dichiarato Ermete Realacci, (PD) - e attraverso la sburocratizzazione ed il supporto alla ricerca possiamo fornire strumenti fondamentali per la loro competizione nei mercati globali."
"Le grandi imprese dell'energia hanno il dovere di prendere atto della trasformazione epocale della generazione elettrica  - dichiara Monica Frassoni, (SEL) - Sottolineo la necessità di un lavoro sinergico fra le forze politiche e il settore delle imprese della green economy e per consentire lo sviluppo del fotovoltaico, delle rinnovabili e del l'efficienza energetica."
"Siamo soddisfatti - conclude Natalizia - che la politica abbia oggi condiviso le nostre proposte e preso un impegno formale davanti ad una platea foltissima e rappresentativa dell'industria fotovoltaica italiana. La strada da percorrere verso la piena competitività è ancora lunga ma oggi abbiamo dimostrato di avere le idee chiare e soprattutto di essere compatti verso obiettivi comuni. L'auspicio finale è l'urgente unità del settore per affrontare con più determinazione le sfide del cambiamento".

Valerio Natalizia

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...

14/12/2016

Leggero calo per le nuove installazioni FER, bene il fotovoltaico

Pubblicato l'osservatorio Anie Rinnovabili: - 4% per le nuove installazioni FER rispetto al 2015, il fotovoltaico segna un + 26%     Nel complesso nel periodo gennaio-ottobre 2016 le nuove installazioni di eolico, fotovoltaico e idroelettrico ...