IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Associazioni e parlamentari EU chiedono di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’

Associazioni e parlamentari EU chiedono di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’

Inviate 2 lettere alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem: i dazi europei hanno contribuito al rallentamento del mercato

Nell'ultimo periodo la commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem si è vista recapitare 2 lettere con la richiesta di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’.

Il 4 giugno 2013, dopo un'inchiesta durata 9 mesi, la Commissione europea ha deciso di istituire dazi anti-dumping provvisori sulle importazioni di pannelli solari, celle e wafer dalla Cina. Nell'ambito dell'indagine la Commissione aveva accertato che le società cinesi vendevano pannelli solari all'Europa a prezzi assai inferiori al valore normale di mercato, danneggiando così considerevolmente i produttori Ue.

A fine luglio 2013, Bruxelles e Pechino hanno raggiunto un'intesa amichevole, che prevedeva un prezzo minimo per i pannelli solari ‘made in China’ importati in Europa. L'accordo raggiunto permetteva ai produttori cinesi di esportare in Ue fino a 7 GW di prodotti fotovoltaici senza pagare dazi, purché il prezzo non fosse inferiore ai 56 centesimi per watt. A partire dal 6 dicembre 2013 l'Ue ha deciso di confermare l'accordo con i produttori cinesi, esentandoli dal pagamento dei nuovi dazi.

Le misure anti-dumping avranno effetti fino al 7 dicembre 2015. Scadenza cui guardano gli operatori europei del fotovoltaico.


SolarPower Europe, insieme ad altre venti associazioni europee di operatori del fotovoltaico rappresentative di 19 Paesi europei, tra cui assoRinnovabili, ha inviato la prima missiva alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem, chiedendo di non rinnovare i dazi anti-dumping e anti-sovvenzioni per i moduli e le celle importate dalla Cina.

Dall'introduzione dei dazi, denunciano le associazioni, le installazioni di fotovoltaico in Europa sono scese considerevolmente, assommando nel 2014 ad appena 7 GW.

Il ritorno alla normalità degli scambi con Pechino “accrescerà l'intera catena del valore del solare europeo, inclusa la produzione di impianti, componenti, materiali, inverter”. Piuttosto che frenare l'import dalla Cina, sottolineano le associazioni, l'Europa dovrebbe garantire un'elevata qualità e innovazione degli impianti solari, fissando severi standard e requisiti tecnici, ambientali e di prestazioni.


Dopo l'appello degli operatori del fotovoltaico, anche un gruppo di 14 eurodeputati ha scritto alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem con la stessa richiesta.

“Le installazioni sono calate drasticamente in Europa, passando dai 17 gigawatt del 2012 a meno di 7 nel 2014”, con un impatto anche sul piano occupazionale" e “i posti di lavoro in questi anni sono scesi da 165mila a 120mila”.

“Riteniamo che i dazi europei sui prodotti solari cinesi abbiano contribuito a questo rallentamento”, si legge nella lettera. “Un ritorno ai prezzi di mercato aiuterebbe anche i consumatori ad acquistare prodotti di qualità al miglior prezzo possibile”.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
16/03/2017

11 stati dell’UE hanno raggiunto gli obiettivi rinnovabili al 2020

Crescono le energie rinnovabili in Europa che è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi al 2020. L’Italia ha raggiunto il target, alcuni paesi dovranno impegnarsi di più     L’Eurostat ha pubblicato i dati ...

16/03/2017

Una Chiesa green e con tetto fotovoltaico

Un edificio religioso all’avanguardia, passivo e CO2 neutral, realizzato con approccio ecosostenibile e circondato da 10.000mq di parco     Sarà realizzato in tempi brevi a Salerno, nei quartieri Torrione e Sala Abbagnano che ...

13/03/2017

Il 2017 inizia con segno + per le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico

Pubblicato l'Osservatorio Anie Rinnovabili di gennaio 2017, nel complesso le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto circa 69 MW       Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto osservatorio sulle energie ...

10/03/2017

Innovativo processo per ridurre fino al 25% il costo di fabbricazione delle celle solari

Il progetto SOLNOWAT finanziato dall’UE, è dedicato allo sviluppo di un nuovo metodo di incisione a secco delle celle solari, in grado di diminuirne il costo fino al 25%     I ricercatori impegnati nel progetto ...

10/03/2017

Quali sono le prospettive per il fotovoltaico in Europa?

La domanda globale di energia solare nel 2016 è aumentata quasi del 50%, in Europa è scesa del 20%. L’UE può tornare leader del fotovoltaico?     Nel corso del vertice SolarPower 2017, che si è svolto il 7 e ...

08/03/2017

Record mondiale di efficienza dei moduli fotovoltaici a Perovskite

Realizzati dai ricercatori italiani moduli fotovoltaici a Perovskite con un’efficienza record a livello mondiale     
I ricercatori del Polo Solare Organico (CHOSE) dell’Università degli Studi di Roma “Tor ...

24/02/2017

Un albero naturale per l'energia fotovoltaica, eolica e idrica

Un'innovazione tutta italiana quella di Tree Life, dalla forma di albero, che produce energia eolica, idrica e fotovoltaica, integrandosi in ogni contesto ambientale     La produzione di energia da fonti rinnovabili negli ultimi anni ha ...

23/02/2017

Revamping degli impianti incentivati in conto energia, il GSE pubblica le procedure

Indicazioni per la gestione degli interventi di manutenzione e ammodernamento tecnologico su impianti fotovoltaici incentivati in Conto Energia       Il GSE ha pubblicato sul proprio sito le procedure per la manutenzione e ...