IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Associazioni e parlamentari EU chiedono di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’

Associazioni e parlamentari EU chiedono di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’

Inviate 2 lettere alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem: i dazi europei hanno contribuito al rallentamento del mercato

Nell'ultimo periodo la commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem si è vista recapitare 2 lettere con la richiesta di non rinnovare i dazi per i pannelli solari ‘made in China’.

Il 4 giugno 2013, dopo un'inchiesta durata 9 mesi, la Commissione europea ha deciso di istituire dazi anti-dumping provvisori sulle importazioni di pannelli solari, celle e wafer dalla Cina. Nell'ambito dell'indagine la Commissione aveva accertato che le società cinesi vendevano pannelli solari all'Europa a prezzi assai inferiori al valore normale di mercato, danneggiando così considerevolmente i produttori Ue.

A fine luglio 2013, Bruxelles e Pechino hanno raggiunto un'intesa amichevole, che prevedeva un prezzo minimo per i pannelli solari ‘made in China’ importati in Europa. L'accordo raggiunto permetteva ai produttori cinesi di esportare in Ue fino a 7 GW di prodotti fotovoltaici senza pagare dazi, purché il prezzo non fosse inferiore ai 56 centesimi per watt. A partire dal 6 dicembre 2013 l'Ue ha deciso di confermare l'accordo con i produttori cinesi, esentandoli dal pagamento dei nuovi dazi.

Le misure anti-dumping avranno effetti fino al 7 dicembre 2015. Scadenza cui guardano gli operatori europei del fotovoltaico.


SolarPower Europe, insieme ad altre venti associazioni europee di operatori del fotovoltaico rappresentative di 19 Paesi europei, tra cui assoRinnovabili, ha inviato la prima missiva alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem, chiedendo di non rinnovare i dazi anti-dumping e anti-sovvenzioni per i moduli e le celle importate dalla Cina.

Dall'introduzione dei dazi, denunciano le associazioni, le installazioni di fotovoltaico in Europa sono scese considerevolmente, assommando nel 2014 ad appena 7 GW.

Il ritorno alla normalità degli scambi con Pechino “accrescerà l'intera catena del valore del solare europeo, inclusa la produzione di impianti, componenti, materiali, inverter”. Piuttosto che frenare l'import dalla Cina, sottolineano le associazioni, l'Europa dovrebbe garantire un'elevata qualità e innovazione degli impianti solari, fissando severi standard e requisiti tecnici, ambientali e di prestazioni.


Dopo l'appello degli operatori del fotovoltaico, anche un gruppo di 14 eurodeputati ha scritto alla commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem con la stessa richiesta.

“Le installazioni sono calate drasticamente in Europa, passando dai 17 gigawatt del 2012 a meno di 7 nel 2014”, con un impatto anche sul piano occupazionale" e “i posti di lavoro in questi anni sono scesi da 165mila a 120mila”.

“Riteniamo che i dazi europei sui prodotti solari cinesi abbiano contribuito a questo rallentamento”, si legge nella lettera. “Un ritorno ai prezzi di mercato aiuterebbe anche i consumatori ad acquistare prodotti di qualità al miglior prezzo possibile”.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilità con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

21/07/2017

Fotovoltaico e grid parity, ci siamo!

Quali sono le opportunità che oggi offre il settore fotovoltaico anche in termini di impianti industriali? Qual è lo scenario possibile per i prossimi anni? Quanto è vicina la grid parity?     Si è svolto a Milano PV ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

17/07/2017

Il GSE sospende gli effetti delle verifiche per impianti fv non certificati

Per gli impianti fotovoltaici di potenza compresa tra 1 e 3 kW, il GSE ha sospeso gli effetti dei provvedimenti di verifica, in attesa del completamento dell’iter parlamentare del DDL “Legge annuale per il mercato e la ...

11/07/2017

Nei prossimi 4 anni 2GW di nuovi impianti per il fotovoltaico italiano

Le fonti rinnovabili sul mix energetico in Italia oggi hanno raggiunto quota 38.5%. Il fotovoltaico italiano nella top 5 mondiale per base installata. Quanto è vicina la grid parity?   A cura di Damiano Cavallaro - Energy&Strategy ...

10/07/2017

Le rinnovabili tornano a crescere: +66% nei primi 5 mesi del 2017

Grazie agli impianti di grande taglia le FER nel periodo gennaio/maggio raggiungono 432 MW. L’Osservatorio Anie Rinnovabili    
Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto Osservatorio sulle energie rinnovabili elaborato su dati ...

04/07/2017

Finestre intelligenti per il risparmio fino al 40% dei costi in bolletta

Le finestre solari aumentano l'illuminazione, regolano il raffrescamento e il riscaldamento e permettono di risparmiare fino al 40% in costi energetici dell'edificio medio.  
Gli ingegneri dell’Università di Princeton hanno messo a ...

30/06/2017

E' pronto l'Apple Park, megacampus futuristico e sostenibile

Apple Park è un centro di innovazione, in cui convivono spazi di lavoro e parchi, massima luminosità, rinnovabili ed efficienza energetica.      I primi dipendenti hanno già traslocato nella nuovo campus Apple Park, ...