IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Info dalle aziende > Fotovoltaico e termico per il riscaldamento dell'acqua

Fotovoltaico e termico per il riscaldamento dell'acqua

ASTREL GROUP S.R.L.

01/06/2017

La voce di spesa per il riscaldamento dell'acqua, ad uso sanitario e non, è piuttosto importante, ma è possibile ottimizzare questa spesa grazie a fotovoltaico e termico.

 

I sistemi di accumulo fotovoltaico possono essere realizzati con successo negli interventi di riqualificazione di abitazioni dotate di boiler elettrici o di serbatoi di accumulo per acqua calda. In questo caso l'energia rinnovabile può essere destinata ad avviare la resistenza elettrica del boiler e scaldare l’acqua esclusivamente in autoconsumo, con conseguente riduzione dell’impatto ambientale e dei costi del riscaldamento dell'acqua nella bolletta energetica.

Le resistenze elettriche per il riscaldamento dell’acqua possono infatti essere monitorate in tempo reale, potendo anche modularne la potenza assorbita indipendentemente da quella nominale: questo permette di utilizzare solo l’energia prodotta in eccesso dal fotovoltaico, senza acquistarne mai dalla rete.

 

4-noks propone a questo proposito la centralina Power Reducer – progettata e prodotta in Italia dall’azienda Astrel Group. Il parzializzatore di potenza riesce a sfruttare al meglio tale proprietà delle resistenze elettriche riuscendo a utilizzare anche poche centinaia di watt prodotti dall’impianto fotovoltaico, modificando in tempo reale l’assorbimento della resistenza in funzione del surplus energetico disponibile.

In questo modo è possibile aumentare l’autoconsumo dell’energia pulita utilizzando boiler e/o serbatoi di accumulo come delle vere e proprie “batterie termiche”.

 

 

A titolo di esempio, se si ipotizza che il fabbisogno pro capite di acqua calda sia di 60 litri/giorno, per una famiglia di 4 persone, il costo energetico giornaliero per riscaldare l’acqua si può stimare in circa 9-12kWh. Utilizzando una resistenza di 3kW questo significherebbe farla funzionare al 100% della potenza per 3/4 ore.

Nel caso di impianti fotovoltaici domestici con una potenza di picco che di solito oscilla tra i 3kWp ed i 6kWp, questa potenza può non essere sempre disponibile per accendere la resistenza del boiler o dell’accumulo a piena potenza, rendendo quindi necessario l’acquisto della potenza mancante dalla rete.

 

Nel caso in cui l’impianto sia già dotato del sistema di monitoraggio e autoconsumo fotovoltaico 4-noks Elios4you, Power Reducer può essere facilmente integrato nel sistema e gestito direttamente da App (Android/iOS) e personalizzata a seconda delle proprie esigenze.  

L’azionamento della resistenza può essere infatti programmato via App in base ad orari o soglie di funzionamento, con visualizzazione in tempo reale di quanta energia viene deviata alla resistenza del boiler elettrico. In caso di necessità o di condizioni meteo particolari è possibile inoltre forzare l’azionamento della resistenza al 100%, basta un semplice tap sul proprio smartphone.

 

Power Reducer è disponibile anche in versione “stand-alone”, utile nel caso si voglia deviare il surplus di energia dell’impianto fotovoltaico: grazie ad un misuratore di corrente in dotazione posizionato in prossimità del contatore di scambio, devia automaticamente alla resistenza l’energia in eccesso altrimenti ceduta alla rete.

  

Richiedi informazioni su Fotovoltaico e termico per il riscaldamento dell'acqua

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Questo articolo è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI
Altri articoli riguardanti ASTREL GROUP S.R.L.
22/03/2012
Linee prodotto di ASTREL GROUP S.R.L.