IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Avviato il più grande parco fotovoltaico di Rimini

Avviato il più grande parco fotovoltaico di Rimini

E' il più grande impianto fotovoltaico a terra di Rimini, con 1872 pannelli installati su una superficie di 12mila metri quadri e una potenza nominale di 439 chilowatt di picco, sufficiente a rifornire di energia pulita 150 famiglie. E' questa la carta d'identità dell'impianto di proprietà della Lago Riviera Solare, società che ha inaugurato sabato 6 agosto 2011, la sua centrale fotovoltaica.  
Il taglio del nastro del parco fotovoltaico - nato vicino al lago Riviera di Viserba grazie a un progetto curato dal Gruppo Ubisol - è stato affidato a Gian Carlo Muzzarelli, assessore al Piano energetico e all'Economia verde della Regione Emilia-Romagna: "A fine luglio, la Regione ha varato gli obiettivi del nuovo Piano energetico triennale e oggi, a qualche giorno di distanza, siamo già qui a Rimini a inaugurare il primo impianto. L'Emilia-Romagna deve divenire una piattaforma energetica: nel prossimo triennio ci saranno investimenti in questo settore per 140 milioni di euro per favorire sviluppo, ricerca e creazione di nuovi posti di lavoro. Bisogna staccare la spina alle fonti fossili e attaccare quella delle rinnovabili. Imprese come la Ubisol hanno capito il senso di marcia della Regione e si sono messe in gioco".
 
Per il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, l'inaugurazione di Viserba è l'occasione per sottolineare come "progetti di questo genere vanno portati avanti tenendo in considerazione la tutela del territorio, della città e della sua cultura. Si tratta di scelte che devono restare in una visione integrata di sviluppo". Andrea Gnassi ha allargato lo sguardo al momento difficile del Paese: "Il peso della manovra finanziaria si scarica su enti locali e famiglie. Basti pensare che a Rimini arriveranno tra i 12 e i 16 milioni di euro in meno rispetto al passato. Di fronte a queste situazioni, bisogna che una comunità sappia far sistema e decida dove andare. Sole e turismo sono le scelte che l'Italia deve fare e che in questa regione stiamo già facendo, così come è successo in Germania, che sta creando posti di lavoro e ricchezza muovendosi su queste due direttrici".
 
Per il Consigliere regionale Roberto Piva "ritrovarsi con i giovani soci della Ubisol è ormai divenuta una piacevole consuetudine. Questa mattina diamo l'avvio a uno degli impianti più importanti della nostra Provincia, insieme a quello di San Leo".
 
Presente all'inaugurazione anche l'assessore provinciale alle Attività produttive Juri Magrini.
 
"Siamo orgogliosi del fatto di aver realizzato un impianto che immetterà energia pulita in rete, evitando l'utilizzo di fonti fossili come petrolio e carbone - ha spiegato Giuseppe Carpi, amministratore delegato della Lago Riviera Solare, società proprietaria del parco fotovoltaico -. Basti una considerazione: l'impianto solare di Viserba, nei venti anni di vita, eviterà l'immissione nell'atmosfera di quasi 6 milioni di chilogrammi di CO2 all'anno. Altro aspetto importante è che non sono state impegnate porzioni di territorio agricolo: il terreno su cui è nato l'impianto, secondo le indicazioni urbanistiche era infatti destinato ad ospitare ‘grandi impianti tecnologici' o un'area per parcheggi. Anche in questo caso i benefici per il nostro quartiere e la nostra città sono evidenti: invece di veder sorgere chissà quali strutture, è nato un impianto che produce energia pulita, un'installazione senza alcun impatto ambientale. Tra un paio di decenni i pannelli fotovoltaici spariranno e tutto sarà completamente riciclato, grazie anche a un impegno preso con le amministrazioni locali".
 
L'impianto della Lago Riviera Solare è stato progettato e installato dal Gruppo Ubisol, l'azienda riminese divenuta leader nel settore della green economy. Francesco Rinaldi, amministratore delegato della Ubisol, ha spiegato che "il campo fotovoltaico di Viserba ha rappresentato per il gruppo una sfida affascinante. Siamo nati con la green economy e abbiamo una filosofia aziendale che mette al primo posto l'ambiente, per cui i progetti che non consumano terreni agricoli e aiutano al contempo le nostre comunità a vivere meglio grazie a uno sviluppo sostenibile sono quelli che seguiamo con più entusiasmo".
 
Il campo fotovoltaico di Viserba non si limiterà a produrre energia pulita: "Il nostro impianto avrà anche una funzione didattica ed educativa - ha concluso Francesco Rinaldi -. Il Gruppo Ubisol è già impegnato in esperienze di questo genere, ora abbiamo intenzione di ospitare gli studenti delle scuole del circondario e i giovani riminesi in questo parco per continuare a diffondere un'informazione corretta ed equilibrata sul risparmio energetico e sulle energie sostenibili".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2018

Crescono gli investimenti nelle rinnovabili

Pubblicato un nuovo Report di Bloomberg New Energy Finance che segnala che lo scorso anno gli investimenti in energie rinnovabili hanno raggiunto i 333,5 miliardi di dollari a livello mondiale, in crescita del 3% sul 2016     Nel 2017 gli ...

18/01/2018

Alzato dal PE il target su efficienza energetica. Rinnovabili dal 27% al 35%

Alzata dal Parlamento Europeo al 35% la quota di rinnovabili nel mix energetico e il target per efficienza energetica, 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti      Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, ha votato la ...

18/01/2018

Guida alla scelta dei materiali sostenibili in edilizia

Legambiente presenta MaINN, la libreria dei materiali innovativi, salubri e sostenibili in edilizia. Strumento utile per architetti, progettisti e privati     MaINN è il nuovo portale lanciato da Legambiente e dedicato ai materiali ...

18/01/2018

Trasformare il trasporto grazie alle tecnologie rinnovabili

Il futuro verso la mobilità elettrica e sostenibile non è forse così lontano. Aumenta la competitività dei costi rispetto alle auto tradizionali, diminuiscono i tempi di ricarica     Il settore dei trasporti è ...

17/01/2018

Cos’è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Il metodo LCA permette di valutare gli impatti ambientali con riferimento all’intero ciclo di vita di un prodotto o di un servizio. Nasce in ambito industriale, ma ha grandi potenzialità applicato nel settore edile, offrendo uno strumento ...

15/01/2018

L’Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

Per assicurare il rispetto del target del 27% di rinnovabili sui consumi l'Europa deve rivedere la propria strategia, focalizzanosi sulla decentralizzazione dei sistemi energetici      Il Rapporto recentemente pubblicato dalla ...

12/01/2018

Ancora pochi i mutui green

Nonostante la crescita dell’edilizia in legno, i mutui per la bioedilizia sono solo lo 0,47% delle richieste      Il mercato dell’edilizia in legno sta crescendo, tanto che nel 2° Rapporto Case ed edifici in legno 2015, ...

11/01/2018

Le idee più innovative e sostenibili per un’edilizia green

Selezionate le 10 aziende internazionali finaliste allo Startup Award con prodotti innovativi capaci di coniugare edilizia, uomo e natura     Torna a Klimahouse, in programma a Bolzano 24 al 27 gennaio prossimi, Klimahouse Startup ...