IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Cammini e produci energia!

Cammini e produci energia!

Un nuovo modo di concepire il pavimento come strumento attivo in grado di generare energia pulita al semplice passaggio delle persone

 

 


Produrre energia semplicemente camminando, non è fantascienza ma è l’innovativa tecnologia proposta a Klimahouse da Veranu, startup di Cagliari, tra le 10 protagoniste del Klimahouse Startup Award.


La stratup, che ha sede presso il Venture Incubator Clhub che ha seguito l’incubazione del progetto e tuttora ne supporta lo sviluppo, ha inventato una mattonella innovativa che converte l’energia cinetica dei passi in energia pulita per effetto piezoelettrico.
Si tratta di un’innovazione tanto semplice quanto straordinaria, sono le persone che generano energia rinnovabile: è sufficiente camminare sopra lo “Smart Floor” Veranu perché l’energia dei passi sia trasformata in energia elettrica pulita e rinnovabile: più passaggio pedonale ci sarà maggiore sarà l’energia pulita che si genererà.


E’ facile immaginare che in tutti i luoghi particolarmente affollati l’installazione della mattonella Veranu potrebbe assicurare ottimi benefici per l’ambiente.
Per dare un’idea della portata della nuova tecnologia, il team della start up ha immaginato la possibile installazione in diversi luoghi di gran passaggio, tra cui l’entrata del Colosseo a Roma. L’Installazione sul passaggio pedonale di 20 metri in lunghezza, ottimizzando il flusso delle persone sulla passerella equipaggiata con Veranu e utilizzando un’illuminazione a strisce LED a basso consumo di potenza potrebbe garantire l’illuminazione degli archi del Colosseo durante la notte per un intero anno; assicurando un risparmio emissioni pari a 0.24 tonnellate di CO2 all’anno.

 

 

Veranu può erogare fino a 2W di potenza per ogni passo e bastano 20 passi per accendere un lampione a luci LED in una piazza e 10.000 passi per ricaricare interamente la batteria di uno smartphone (energia media 11.5 Wh).
La tecnologia è realizzata con materiali riciclati che abbattono le emissioni di CO2, riducono i costi di produzione e rispondono al fabbisogno energetico dei clienti finali.


Tra gli altri plus Veranu si integra facilmente con ogni pavimentazione senza danneggiare la pavimentazione esistente ed è di semplice manutenzione. La tecnologia infatti si colloca al di sotto, direttamente sul massetto, o sul pavimento già esistente, ed è invisibile agli utilizzatori.
La soluzione Veranu include servizi iot (Internet of things) sviluppati dal team R&D in modo da poter essere utilizzato con tanti altri servizi garantendo la miglior interfaccia fra il prodotto e il cliente. 

 

Il mercato dell’energy harvesting, ovvero dei prodotti che generano energia rinnovabili attraverso le persone, in cui rientra anche la tecnologia Veranu, è nuovo ma in rapida crescita, ed è facilmente integrabile alle più diffuse soluzioni di energia rinnovabile come quella solare o eolica. Si stima che il settore dell’energy harvesting nel 2022 potrà valere 974.4 Milioni di Dollari (US), con una crescita tra il 2016 e il 2022 del 19.6% (Fonte Energy Harvesting Market Report by “marketsandmarkets.com”).
Ad oggi la compagnia sta già ponendo le basi una strategia a lungo termine tramite partner e alleanze strategiche all’interno del mercato della pavimentazione, ma anche con il mercato iot e degli operatori elettrici. L’obiettivo della compagnia è quello di sviluppare una società multinazionale e innovativa, capace di crescere in un nuovo mercato composto solo da due competitors, attraverso la differenziazione del suo prodotto, della tecnologia, dei servizi e del business model innovativo.

 

Per chiunque volesse sostenere lo sviluppo di questa innovativa tecnologia, segnaliamo che è ancora attiva la campagna di crowdfunding all’interno della piattaforma italiana Eppela, organizzata collaborazione con Poste Italiane. I progetti che raggiungeranno il 50% del budget richiesto, verranno co-finanziati per il restante 50% fino a un massimo di 5K.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia