IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La casa passiva mediterranea

La casa passiva mediterranea

La casa passiva mediterranea è uno “standard su misura” nato per i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e che beneficiano di temperature più miti rispetto ai paesi nord europei

 

La Casa passiva mediterranea rappresenta un miglioramento della casa passiva classica che, secondo il modello Passivhaus Institut di Darmstadt in Germania, garantisce benessere termico senza ricorrere a impianti di riscaldamento e raffrescamento convenzionali.


Le Case Passive Mediterranee, grazie ad un elevato isolamento dell’involucro, e a un sistema di ventilazione meccanica controllata, assicurano la migliore temperatura interna sia in inverno che in estate.

I sistemi di VMC in particolare garantiscono ottimo comfort degli ambienti interni, il giusto ricambio igienico e non disperdendo energia, anzi, ne recuperano la maggior parte, fino al 95%. Se un edificio disperde poco e recupera energia dal sole, è possibile soddisfare la piccola percentuale di fabbisogno mancante attraverso sistemi di riscaldamento e raffrescamento inseriti nell’impianto di vmc.

 

Nelle stagioni fredde per poter scaldare l'abitazione senza utilizzare sistemi tecnologici, è necessario ottimizzare gli apporti solari dalle finestre e massimizzare gli apporti interni di calore; in estate per rinfrescare l'ambiente è importante che ci siano buone schermature dal sole nelle ore diurne e agevolare la dispersione del calore, accumulata nella giornata.

 

Il vero punto di forza della Casa Passiva Mediterranea sono i sistemi di raffrescamento per i mesi estivi, attraverso il raggiungimento del “Comfort Termico”. Si tratta di un parametro soggettivo e personale, ma attraverso la determinazione dell’indice PMV (Voto medio prevedibile) si definisce l’indicazione media di un significativo gruppo di persone che esprimono un voto di sensazione termica su una scala di 7 livelli fornendo di conseguenza l’indice PPD (Percentuale prevedibile d’insoddisfatti).

 

La scelta delle diverse tipologie impiantistiche dipende dalle esigenze del committente ed è legata alla forma dell’edificio, alla posizione geografica, ai dati climatici, e alla volontà di gestione degli abitanti.

 

Un aspetto fondamentale è quello delle schermature che proteggono la casa dai raggi solari, permettono di risparmiare energia e rafforzano il ruolo degli infissi. Inoltre le schermature solari assicurano  il massimo comfort visivo, lasciando filtrare la luce naturale in base all’esigenza degli abitanti.

È molto importante che il materiale usato per la schermatura abbia specifici valori di trasmittanza, riflettanza e assorbanza, come è importante la tipologia della schermatura: fissa o mobile, interna o esterna, integrata all’infisso in parallelo, ortogonale, orizzontale o verticale rispetto alla facciata.

 

Nel caso in cui sia necessario abbinare sistemi tecnologici per riscaldare o raffrescare, un aiuto può venire dalla tecnologia in pompa di calore unita ad un radiante a pavimento. Gli impianti radianti usati con acqua refrigerata in estate diventano degli “assorbitori di calore”, quando la temperatura ambiente è superiore alla temperatura della superficie del pavimento, innescando l’effetto chiamato “raffrescamento radiante”.

Gli impianti radianti presentano diversi vantaggi, assicurano infatti comfort fisiologico sia in estate che in inverno e spesso hanno costi di gestione inferiori rispetto ad impianti tradizionali.

 

Nell'immagine la casa passiva mediterranea realizzata a Bollate BLM DOMUS 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/01/2018

Cosa significa vivere in una PASSIVHAUS

Dal 2000 ad oggi l’Italia ha visto crescere il numero di edifici realizzati secondo lo standard Passivhaus. Il “Polo Scolastico di Collecchio” come studio applicativo     La panoramica di edifici realizzati secondo lo ...

22/01/2018

Inaugurato un edificio nZEB all'Universit di Sannio

Un progetto voluto per testare le innovative metodologie progettuali, costruttive e impiantistiche, che garantiscano che l'edificio produca più energia di quanta ne consumi.     E' stata inaugurata nei giorni scorsi a Benevento, in ...

16/01/2018

L'architettura verde del Bosco Verticale ora anche social housing

Sarà realizzata nei Paesi Bassi a Eindhoven la Trudo Vertical Forest, il primo Bosco Verticale in edilizia sociale, firmato da Stefano Boeri Architetti per Trudo.   @bigpicturevisual   L'architettura puà essere bella, ...

12/01/2018

172 Madison Avenue, il lusso e il comfort sono di casa

Realizzato in pieno centro a Manhattan il nuovo grattacielo unisce un'architettura mozzafiato a scelte ad alta efficienza energetica, a garanzia di massimo comfort per chi lo abita       A pochi passi dell’Empire State Building ...

09/01/2018

Nuovo sistema di facciata PLUG&PLAY

Una soluzione innovativa per la riqualificazione profonda e veloce dell'enorme patrimonio immobiliare delle nostre città     Progetto CMR ha recentemente presentato un'interessante novità particolarmente utile in un paese come ...

29/12/2017

Certificazione Leed per la nuova Torre Sassetti

Sono terminati i lavori di riqualificazione della Torre Sassetti caratterizzata da una facciata continua, interamente vetrata. Progetto aperto alla città       In una Milano in continua trasformazione, fa bella mostra di ...

22/12/2017

Bamboo Sports Hall: a lezione di sostenibilit ambientale

Il progetto di Chiangmai Life Architects per la scuola di Panyaden vede come protagonista “l’acciaio vegetale”: il bambù     Il bambù è l’assoluto protagonista del progetto architettonico realizzato ...

15/12/2017

Come si vive in una CasaClima? Scopriamolo a Bolzano

In occasione di Klimahouse si rinnova l'appuntamento con gli Enertour, visite guidate alla scoperta degli edifici più virtuosi ed efficienti della Regione        Si conferma anche per l’edizione 2018 di ...