IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Certificati bianchi, in 3 mesi proposti 890 progetti

Certificati bianchi, in 3 mesi proposti 890 progetti

Enea: cresce la diffusione dei certificati bianchi, protagonisti del risparmio energetico

L'Enea ha reso noto che nell’ambito del sistema dei certificati bianchi, tra dicembre 2013 e febbraio 2014 ha ricevuto e valutato circa 890 proposte di progetto, che da sole immetteranno sul mercato Titoli di Efficienza Energetica per un valore complessivo di almeno 90milioni di euro.
Un simile picco di richieste si è verificato in corrispondenza del primo gennaio 2014 (start-date per la presentazione esclusiva di progetti nuovi o in corso di realizzazione) ed è stato affrontato e superato focalizzando tutte le risorse disponibili su questo obiettivo prioritario.
Ricordiamo che il meccanismo del mercato dei Titoli di Efficienza Energetica è governato dalle disposizioni del D.M. 28/12/2012 e dalle linee guida dell’autorità per l’energia elettrica e il gas.

Nel 2013 sono state presenate 6.800 Proposte di Progetto, per complessivi 4.900.000 titoli scambiati.

A partire dal 2014, l’ENEA opererà nell’istruttoria dei “Grandi Progetti”, categoria speciale in cui sono inclusi anche interventi di tipo infrastrutturale purché generino un risparmio annuo di energia superiore a 35.000 tep (tonnellate equivalenti di petrolio). Questi, producendo significativi benefici sia sul versante energetico che su quello ambientale, potranno godere di incentivi mediamente superiori alle proposte “convenzionali”.

Inoltre lo scorso dicembre l'Enea ha stipulato con il GSE (Gestore Servizi Energetici) una convenzione che prevede una maggiore responsabilità e un impegno dell'Enea nei controlli e nelle ispezioni per la verifica della corretta esecuzione tecnico-amministrativa dei progetti finora approvati, in aggiunta all’istruttoria delle proposte.

L’accordo con GSE introduce un’altra novità assoluta: le penali. Un “malus”, nel caso non vengano rispettati i tempi stabiliti per la lavorazione delle proposte. Si tratta di una nuova modalità contrattuale per l’assegnazione di incarichi nella Pubblica Amministrazione, tesa a garantire servizi in tempi certi. Il gruppo di lavoro ENEA sui certificati bianchi ha ritenuto di poter accettare questa sfida, attivando una programmazione tempestiva delle attività e mettendo a disposizione le risorse necessarie.

 

Enea: Certificati bianchi, in 3 mesi proposti 890 progetti

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia