IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Clini: rinnovabili risorsa per l'economia. Associazioni: norme in tempi brevi

Clini: rinnovabili risorsa per l'economia. Associazioni: norme in tempi brevi

Il Ministro dell'Ambiente Corrado Clini, intervenuto all'evento inaugurale di Solarexpo "Stati generali delle rinnovabili e dell'efficienza energetica in Italia", ha garantito vantaggi per l'occupazione in Italia, grazie allo sviluppo delle fonti rinnovabili. "Bisogna sviluppare le capacità del sistema Italia nel campo dell'innovazione, dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili. Il tessuto delle imprese è pronto a scattare: ha bisogno solo di una cornice di sicurezza delle regole e di una ragionevole liquidità. Le fonti di energia rinnovabili sono una risorsa per l'economia e non un costo per l'economia italiana, come spesso afferma una parte di Confindustria. Con i decreti abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare in questa direzione", è quanto ha detto il Ministro.
"I segnali dell'interesse mostrato dalle imprese e dalle famiglie e la voglia di investire in questi settori sono fortissimi, come conferma il numero di domande arrivate al fondo per Kyoto che abbiamo avviato a metà marzo insieme con la cassa depositi e prestiti - ha aggiunto il ministro Clini -. Nel caso della detrazione del 55%, che abbiamo prorogato per tutto il 2012 e che vogliamo portare fino al 2020, abbiamo visto anche un beneficio per le casse dello stato, visto che in un paio di anni il minore gettito fiscale viene compensato da entrate tre volte superiori grazie all'iva che viene messa in movimento, ai maggiori incassi di fornitori e istallatori, grazie all'emersione del nero. Gli strumenti come il credito agevolato oppure il credito d'imposta sono tra i più efficaci per consentire alla domanda potente di ambiente ed efficienza di esprimersi".
Sono rimaste deluse, però, alcune delle 25 associazioni del fotovoltaico per non essere riuscite a confrontarsi con il ministro Clini e presentare le loro posizioni a causa della partenza anticipata del ministro che ha deciso di tornare a Roma in relazione all'andamento dell'incontro della Conferenza Stato-Regioni che stava discutendo proprio sui temi dei decreti di incentivazione alle rinnovabili: associazioni che chiedono al Governo un sistema di incentivazione in grado di accompagnare le varie fonti verso la competitività e per affrancarsi in pochi anni dagli incentivi. 
Clini ha detto di voler ridiscutere il sostegno al settore dopo l'approvazione dei decreti che comunque dovrebbero, secondo la sua visione, far continuare nel breve periodo lo sviluppo del settore. "L'obiettivo - ha spiegato il ministro Clini -  è però di andare oltre l'attuale meccanismo e guardare al futuro di maturità delle tecnologie pulite con nuovi strumenti normativi e strategie, come incentivi basati sulla fiscalità energetica-ambientale da includere nei decreti ‘Innovazione' e ‘Crescita'"

Invece le Associazioni delle rinnovabili chiedono con forza certezze normative in tempi brevi perché ritengono che i decreti possano già contenere una serie di disposizioni (limiti di spesa degli incentivi e soprattutto i paralizzanti registri burocratici) che possono da subito mettere in ginocchio le imprese.
Chiedono inoltre di essere maggiormente ascoltate dai ministeri in specifici Tavoli di lavoro, almeno in questa fase di predisposizione del decreto sulle rinnovabili termiche e dell'efficienza energetica, atteso per il settembre scorso.

Le Associazioni chiedono inoltre, per quanto riguarda il fotovoltaico, che torni plafond di spesa con il limite di 7 miliardi, già indicato nel quarto conto energia, che consentirebbe a questa tecnologia di riuscire a raggiungere la grid parity, garantendo l'installazione di migliaia di MW senza incentivi. Per accompagnare il passaggio al nuovo regime si chiede inoltre un periodo transitorio di tre mesi dalla data di raggiungimento del limite di spesa previsto. Per costruire un percorso verso la competitività economica del fotovoltaico che sia a impatto zero in bolletta, si deve dare la possibilità di usufruire dello scambio sul posto anche agli impianti sopra i 200 kW come percorso alternativo agli incentivi. Inoltre, occorre ripristinare i premi previsti dal quarto conto energia per gli interventi più costosi, come gli impianti a concentrazione e gli impianti sui tetti industriali con lo smaltimento dell'amianto.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/01/2015

In arrivo incentivi per le rinnovabili non fotovoltaiche

Nel corso del convegno organizzato dal Coordinamento Free “Per un nuovo assetto del mercato elettrico nel quadro della road map europea al 2030″, il viceministro dello Sviluppo economico Claudio De Vincenti ha dichiarato che entro fine febbraio il ...

In arrivo incentivi per le rinnovabili non fotovoltaiche
26/01/2015

Spalma Incentivi, lo Stato come garante dei finanziamenti bancari

Dato Decreto-Legge 24 giugno 2014, n.91 e le successive modifiche introdotte dalla Legge 11 agosto 2014, n.116, è stato pubblicato all'interno della Serie Generale della Gazzetta Ufficiale n.17 del 22 Gennaio 2015 il decreto ministeriale Garanzia dello ...

21/01/2015

Euromobility, graduatoria delle città alla ricerca di una mobilità più sostenibile

E’ stato recentemente presentato l’ottavo Rapporto "Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città", elaborato da Euromobility con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e ...

Euromobility, Graduatoria delle città alla ricerca di una mobilità più sostenibile
19/01/2015

E' nata la Cabina di Regia per l'efficienza energetica

Vista la direttiva europea 2012/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 Ottobre 2012 sull'efficienza energetica e visto il decreto legislativo 4 Luglio 2014, n.102, che hanno istituito la cabina di regia, il 9 Gennaio 2015 è stato firmato ...

Cabina di regia per l'efficienza energetica
15/01/2015

Dati Terna, quasi il 40% dell’elettricità nel 2014 dalle rinnovabili

Terna ha presentato i primi dati provvisori relativi al 2014 da cui emerge che  la domanda di energia elettrica ha registrato una flessione del 2,1% rispetto al 2013, a parità di temperatura e calendario. “Non considerando l'effetto ...

Dati Terna, nel 2014 quasi il 40% dell’elettricità dalle rinnovabili
12/01/2015

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: approvazione delle tariffe dal GSE e dal Ministero

A seguito della pubblicazione del Decreto Legge n.91/2014 (coordinato poi con la Legge 11 agosto 2014, n.116), che all'art. 25, comma 1 ha previsto che gli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di ...

Tariffe del GSE
09/01/2015

Aspetti positivi e negativi della legge di Stabilità secondo Finco

Finco in un comunicato ha evidenziato quelli che considera gli aspetti positivi e negativi della Legge di Stabilità 2014, soprattutto riguardo alle misure che interessano il settore delle costruzioni. La Federazione esprime assoluto apprezzamento per ...

Aspetti positivi e negativi della legge di Stabilità secondo Finco
08/01/2015

Annuario Statistico Istat, aumentano le rinnovabili e diminuiscono i consumi di energia

L’annuario statistico italiano realizzato dall’Istat, fornisce dati puntuali e aggiornati sui principali temi ambientali, sociali ed economici che riguardano il nostro Paese.
L'edizione 2014 è divisa in 24 capitoli, ognuno dei quali ...

Annuario Statistico Istat, aumentano le rinnovabili e diminuiscono i consumi di energia
Partnership