IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > In Uganda un polo d'eccellenza ad alta efficienza energetica made in Italy

In Uganda un polo d'eccellenza ad alta efficienza energetica made in Italy

Progetto CMR firma il complesso ospedaliero International Specialized Hospital of Uganda, simbolo di sostenibilità e innovazione, con il paziente al centro del progetto

 

 

 

Un progetto tutto italiano quello dell’International Specialized Hospital of Uganda, nuovo centro ospedaliero d’eccellenza firmato dalla società di progettazione integrata milanese Progetto CMR, che verrà realizzato nei prossimi due anni vicino alla capitale ugandese Kampala e che unisce un’architettura innovativa e sostenibile alla scelta di porre il paziente al centro del progetto.

Alla cerimonia di posa della prima pietra hanno partecipato istituzioni locali e l’arch. Massimo Roj, AD di Progetto CMR e Chief Designer del progetto che ne ha presentato le caratteristiche più rilevanti.

 

L’ISHU sarà prima di tutto un polo medico d’avanguardia destinato alla cura di patologie anche gravi e si prevede, per la prima volta in Africa, la medicina nucleare.

 

 

Il complesso occuperà un’area di circa 300.000 mq e sarà costituito da 9 edifici, che oltre l’ospedale per 268 posti riservati alle degenze e più di 100 posti riservati alle attività di day hospital, includono varie strutture tra cui le residenze per medici e infermieri, una scuola di formazione, un centro congressuale, hotel e aree commerciali. Il Governo ugandese stima un risparmio di oltre 180 milioni di dollari, cifra spesa in media ogni anno dallo Stato per sostenere le cure all’estero dei suoi cittadini.

 

 

Al centro di tutto il progetto sostenibilità e innovazione, l’ISHU sarò dunque un polo medico d’eccellenza che si caratterizzerà per l’alta efficienza, la ricerca continua e la massima attenzione rivolta ai paziente.

 

 

 

Proprio per rispettare questi tre obiettivi gli edifici, dalle altezze contenute, sono stati disegnati e posizionati seguendo le curve naturali del terreno, minimizzando l’impatto sulla natura e assicurando a chi si troverà al suo interno di beneficiare della vista migliore da ogni angolazione.

Il design delle facciate è un ulteriore richiamo al contesto naturale, con tinte tenui e delicate, la scelta di utilizzare la pietra locale con l’inserimento di particolari motivi decorativi intrecciati che rimandano ad alcune trame tipiche della tradizione africana.

 

 

Gli spazi interni saranno invece illuminati, allegri e colorati, contrariamente all’immaginario collettivo di un ospedale. Sono invece concepiti per dare allegria e per permettere ai pazienti di sentirsi a proprio agio in ambienti accoglienti, anche se non familiari. Per massimizzare questo benessere, il centro sarà caratterizzato da balconi e del parco che circonda il complesso.

 

 

Dal punto di vista tecnologico e impiantistico, il complesso è stato progettato seguendo i criteri dettati dal Green Building Council in tema di sostenibilità, per ridurne i consumi e massimizzare le risorse rinnovabili a disposizione in loco. A questo proposito, sono stati previsti ad esempio, pompe di calore ad alta efficienza per la produzione di caldo e freddo, pannelli fotovoltaici e tetti verdi in copertura, sistemi di riciclo dell’acqua piovana. 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/04/2018

Aggiornata la direttiva EU sullefficienza energetica

Entro il 2050 edifici a energia quasi zero, riduzione delle emissioni in UE dell’80-85%. Misure per la mobilità elettrica, nuovi strumenti per edifici smart     Il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva, nella seduta del ...

19/04/2018

La casa green che mantiene fresca la temperatura interna

La casa green di Jakarta che ottimizza le condizioni naturali di raffrescamento grazie all’utilizzo di piante, legno naturale e di una piscina.   a cura di Tommaso Tautonico     In pieno centro a Jakarta la casa realizzata ...

18/04/2018

Disponibile la nuova versione del software DOCET per la certificazione

ENEA e CNR hanno predisposto la versione aggiornata del software per la certificazione energetica che permette la trasmissione degli APE ai sistemi informativi predisposti dalle Regioni attraverso il file di interscambio generato Enea e Istituto per le ...

12/04/2018

Da area degradata a quartiere modello per la sostenibilit

Una nuova vita per l’area degradata di Porto Sant’Elpidio: lo studio Fima si occuperà della riqualificazione dell’ex Fim con un progetto ad alta sostenibilità   a cura di Fabiana Valentini     Grandi passi ...

05/04/2018

La casa dove vuoi tu: incredibili edifici sostenibili e trasportabili per vivere ovunque

Piccole dimensioni, grandi performance: queste abitazioni si possono montare e smontare in pochissimo tempo
  a cura di Fabiana Valentini     Vivere davanti al mare e il giorno dopo fare una passeggiata tra i sentieri di un bosco. No ...

30/03/2018

Casa passiva grazie all'integrazione edificio-impianto

Tra i progetti vincitori del concorso Viessmann 2017 la realizzazione di un nuovo edificio residenziale passivo, in cui sono stati integrati gli impianti a fonti rinnovabili e ad alta efficienza    Il progetto “Casa passiva con serra ...

29/03/2018

Energy Management Conference 2018

Il prossimo 11 aprile Padova ospiterrà l'evento organizzato da Soiel e dedicato all'importante e attuale tema dell'efficienza energetica nelle aziende      Soiel propone l'11 aprile a Padova la conferenza Energy Management, dedicata ...

22/03/2018

Architettura green: le torri simbiotiche di Dubai

AmorphouStudio ha firmato il progetto delle Symbiotic Towers di Dubai, le torri che mitigano il calore, progettate per rispondere al clima torrido della città.     Dall’incontro tra natura e architettura nascono opere incredibili: ...