IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Come si (ri) costruiscono città eque e sostenibili

Come si (ri) costruiscono città eque e sostenibili

La New York City High Line è una vecchia linea merci sopraelevata. Completamente ristrutturata è solo uno degli ultimi esempi di come sia possibile ricostruire interi quartieri o città eque e sostenibili.

 

 Come si costruiscono città eque e sostenibili

 

Spesso le idee di successo nascono dal basso. È il caso della New York City High Line, una vecchia linea merci su rotaia sopraelevata nel cuore di Manhattan, che doveva essere demolita già nel 1999 ma, grazie all’impegno dell’organizzazione “Amici della Highline” adesso è un simbolo della città. Un bellissimo esempio di come sia possibile realizzare quartieri e città eque e sostenibili. L’High Line di Manhattan è uno spazio urbano completamente rivisitato, intreccio di architettura ed ambiente naturale, un quartiere riorganizzato per promuovere il rinnovamento urbano ma a basso impatto ambientale.

 

Quartiere riqualificato a New Yortk intorno alla City High Line

 

Il rione rinasce per ritornare ad essere frequentato con un miglioramento economico di tutta la zona circostante. La sopraelevata è solo un esempio di ricostruzione sostenibile, in America ci sono altri casi simili ad Atlanta con la vecchia BeltLine, a Chicago c’è la 606. In entrambi i casi vecchie linee ferroviarie sono state trasformate in aree ecologiche a disposizioni di turisti e residenti dove poter passeggiare, andare in bicicletta, giocare e fermarsi a bere un caffè. 

 

Nel resto del mondo sono moltissimi gli esempi di zone letteralmente rinate grazie al supporto di artisti ed architetti: Kreuzberg a Berlino, l’ex quartiere a luci rosse Vesterbro di Copenaghen, Wynwood a Miami. Tutti rioni rigenerati diventati il centro della movida delle città che li ospitano. Attenzione però a non perdere di vista l’aspetto più importante: la vita dei residenti.

Esiste un modo per realizzare città eque e sostenibili?

Non esiste una regola ben precisa su come realizzare quartieri o città eque e sostenibili ma senza dubbio il rischio gentrification è dietro l’angolo. Sviluppo urbano e sostenibilità ambientale sono aspetti che possono migliorare la qualità di un quartiere ma occorre prestare attenzione a chi ci vive. Il rischio è che invece di migliorare il quartiere per le persone che ci vivono, si migliora per le persone che si spostano nella zona. La gentrification ambientale è quel processo attraverso il quale gli sforzi per migliorare la sostenibilità urbana di un quartiere, fanno salire il valore delle proprietà immobiliari e spingono i residenti con basso reddito a spostarsi perché non sono in grado di sopportare l’aumento di spese. Nel caso della High Line i valori delle proprietà sono aumentati del 103% in tutta la zona; ad Atlanta le proprietà nelle vicinanze della Beltline sono saliti del 50/ 60%; la 606 di Chicago ha aumentato i valori delle case del 45% rispetto ad altre parti della città. In tutti questi casi purtroppo, molti dei residenti locali sono stati costretti a spostarsi.

Strategie per ricostruire quartieri senza errori

Di certo non vogliamo insegnare a nessuno come rigenerare quartieri o città eque e sostenibili ma ci sono almeno quattro strategie che dovrebbero sempre essere adottate per annullare il rischio di gentrification ambientale.

La prima strategia è la più semplice da immaginare: coinvolgere i residenti nei processi di sviluppo in modo tale da includere i loro bisogni e i loro desideri. La Network Creek Alliance ad esempio ha assicurato ai cittadini polacchi residenti che il Newtown Creek Nature Walk di Brooklyn non avrebbe denaturalizzato il carattere e la cultura polacca del quartiere. La seconda strategia è quella di garantire una giustizia sociale, l’impulso a realizzare progetti ambientali non corrisponde all’impulso socio economico.

 

Come Realizzare città eque e sostenibili

img by timeout.com

 

E’ giusto investire nel marketing ma è altrettanto giusto investire nell’inclusione sociale. La terza strategia è quella di scindere sviluppo economico e crescita economica: il primo è un fattore politico e serve ad aumentare il benessere economico e sociale delle persone. La crescita economica è un aspetto dello sviluppo economico. I progetti devono allinearsi con le esigenze economiche e sociali del territorio; chi progetta nuovi spazi dovrebbe capire che le esigenze degli investitori sono diverse dai residenti, per cui vanno bene gallerie e negozi di caffè ma anche supermercati ed asili hanno la loro importanza. L’ultima strategia per realizzare quartieri e città eque e sostenibili è la più importante: i progettisti dovrebbero sempre chiedersi qual è il risultato previsto? E per chi?
Rendere le città eque e sostenibili è un processo fatto per i residenti e non per i turisti o per le riviste di architettura. L’uomo e le sue necessità devono sempre essere il centro di ogni progetto.

a cura di Tommaso Tautonico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/02/2018

Comuni in pista per la mobilità sostenibile

Firmato il protocollo di intesa “Comuni in pista - #Sullabuonastrada” tra Anci, Istituto per il credito sportivo e Federciclismo, a sostegno degli investimenti dei Comuni nelle piste ciclabili     Lo sviluppo sostenibile del ...

20/02/2018

L'UE può raddoppiare la quota di rinnovabili entro il 2030

Secondo un nuovo Studio presentato da Irena, l'UE potrebbe raddoppiare la quota delle energie rinnovabili nel suo mix energetico, a costi contenuti, passando dal 17% nel 2015 al 34% nel 2030     Da oltre due decenni i paesi dell'Unione europea ...

19/02/2018

In calo le rinnovabili a gennaio, tranne l'eolico

Scende a gennaio la domanda di elettricità in Italia, non bene le rinnovabili che comunque mantengono la produzione ai livelli di gennaio 2017. In forte crescita l'import 

Nel mese di gennaio 2018, secondo quanto rilevato da ...

19/02/2018

Interventi di rigenerazione urbana in Emilia

La Regione ha firmato un accordo con Fondazione sviluppo sostenibile per la riqualificazione efficiente delle aree urbane      Per contrastare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento è necessario pianificare precisi ...

07/02/2018

I temi su cui costruire l’edilizia del futuro

Decarbonizzazione, digitalizzazione e industrializzazione del settore delle costruzioni: al via la Call for Speakers di REbuild 2018    REbuild è diventato in questi anni un importante momento di incontro e confronto tra i principali ...

06/02/2018

Il condominio efficiente e sostenibile? Si può

Legambiente ha presentato la nuova campagna CIVICO 5.0 dedicata all’efficienza energetica e alla sharing economy in condominio.   Come sappiamo in Italia il mercato della riqualificazione sta trainando il settore dell’edilizia, che ha ...

05/02/2018

Nel 2017 dalle rinnovabili più elettricità che dal carbone

In Europa lo scorso anno prodotta più energia da fotovoltaico, eolico e biomasse che dal carbone. Le emissioni di gas serra sono leggermente aumentate     Un recente Rapporto pubblicato dai due tink tank Agora Energiewende e Sandbag, ...

02/02/2018

Il tessuto che migliora la qualità dell'aria e riduce l'inquinamento

The Breath è un'innovativa tecnologia sviluppata dalla startup Anemotech e distribuita da Engie, in grado di migliorare la qualità dell'aria riducendo l'inquinamento, sia negli ambienti chiusi che in quelli ...