IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Come stimolare la domanda di riqualificazione energetica in Italia

Come stimolare la domanda di riqualificazione energetica in Italia

A RIDay 2015 il punto su quanto si possa fare partendo dalla riqualificazione energetica degli edifici esistenti per raggiungere gli obiettivi europei

Si è svolto a Milano RIDAY, appuntamento annuale organizzato da Renovate Italy, con l’obiettivo di stimolare in Italia la riqualificazione energetica partendo dagli edifici esistenti, che attualmente consumano il 40% di energia.
Al convegno 'RIDAY 2015 - Rinnovare l'Italia 2015 - Favorire la domanda di riqualificazione energetica: esperienze internazionali a confronto' hanno partecipato fra gli altri Claudia Maria Terzi Assessore Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile - Regione Lombardia, Maria Berrini, Amministratore Unico AMAT Comune di Milano e Lorenzo Pagliano Director of eERG - end-use Efficiency Research Group - Politecnico di Milano. Nel corso della giornata sono state proposte anche 2 esperienze internazionali di riqualificazioni efficienti in Francia e Spagna.

Quella della riqualificazione energetica efficiente del patrimonio edificato è una vera opportunità per il nostro paese, anche alla luce dei cambiamenti introdotti nella recente normativa sull’edilizia, che ha reso la riqualificazione un obbligo di legge. “Basti pensare ha spiegato Cecilia Hugony di Renovate Italy – che se si applicasse l’indicazione comunitaria di riqualificare il 3% annuo del nostro patrimonio edificato, nel nostro paese ogni anno si risparmierebbe energia per 6 miliardi di Euro, si creerebbero 120.000 posti di lavoro, si eviterebbero 16 milioni di tonnellate di emissioni di CO2, senza considerare che ogni Euro investito nella riqualificazione energetica degli edifici genera 5 Euro di benefici per le finanze pubbliche”.

 

L’Assessore Claudia Maria Terzi nel suo intervento ha sottolineato gli sforzi fatti in questi anni da Regione Lombardia che ha investito molto sulla lotta ai cambiamenti climatici, sul consumo indiscriminato del suolo e sull'efficientamento energetico degli edifici pubblici. “Misure, ha sottolineato l’assessore, portate avanti con provvedimenti 'ad hoc', mirati a contenere al massimo il costo anche ambientale e a cercare di dare una mano alle Pubbliche amministrazioni".
La Regione Lombardia è particolarmente virtuosa sul tema dell’efficientamento energetico, ha infatti approvato lo scorso giugno il Pear – programma energetico Ambientale regionale, in cui sono state programmate una serie di azioni che mirano al raggiungimento degli obiettivi 2020, al forte contenimento di energia prodotta da fonte fossile e all’aumeto dell’utilizzo delle rinnovabili. Il Pear fissa obbiettivi assai ambiziosi di risparmio energetico: da oggi al 2020 ci si attende un risparmio compreso tra i 2 e i 2,5 Mtep, dei quali ben il 55%, equivalenti a 15.000 GWh/a dall’edilizia privata e il 2% dall’edilizia pubblica.
Ricordiamo che Regione Lombardia ha anticipato al 2016 la legislazione sugli edifici 'a energia quasi zero', prevista dai decreti nazionali del 26 giugno 2015 che saranno introdotti in tutta Italia nel 2019 per gli edifici pubblici e nel 2021 per gli edifici privati.


Amat,
 l’Agenzia del Comune, nata nel 2000 che ogni giorno realizza analisi sul campo e monitoraggi su Mobilità, Ambiente e Territorio, ha partecipato alla giornata con un intervento di Maria Berrini dedicato al Paes del Comune di Milano. Il paes è il documento di pianificazione e programmazione delle politiche per la riduzione delle emissioni di gas serra approvato dal Comune, che ha l’obiettivo di ridurre le emissioni di anidride carbonica di almeno il 20% al 2020, rispetto all’anno di riferimento 2005. In vista del COP 21, Milano ha firmato insieme alle principali città europee, una dichiarazione con la quale ha espresso la volontà di portare avanti il proprio impegno per il clima, delineando così i principi per un “Covenant post 2020” e fissando un obiettivo al 2030 di riduzione delle emissioni di anidride carbonica di almeno il 40% rispetto all’anno di riferimento 2005. Altri obiettivi del Paes sono legati alla riduzione dei consumi di energia negli usi finali, a un maggior utilizzo delle fonti rinnovabili e al sostegno di interventi di riqualificazione energetica per gli edifici privati e per quelli pubblici, attraverso misure di incenvazione e regolamentazione finalizzate all’efficienza energetica degli edifici.

 

Virginio Trivella, rappresentante di Rete Irene, tra i sostenitori del convegno, ha sottolineato: “Nonostante gli inverni miti, gli incentivi fiscali introdotti e i requisiti più severi per le nuove costruzioni, la prestazione energetica del settore residenziale non sta migliorando. Il consumo è cresciuto del 25% dall'inizio della crisi e l’intensità energetica è aumentata del 40% dal 2007 al 2013 (fonte: RAEE 2015). Di fronte a questi numeri non possiamo non essere preoccupati e non avvertire l'urgenza di un più incisivo cambio di strategia che, oltre a portare beneficio all'ambiente, alla sicurezza energetica nazionale e ai consumatori, può generare occupazione e ricchezza.
Nonostante le forme di incentivazione introdotte negli ultimi anni in Italia, le riqualificazioni energetiche degli edifici hanno una bassa efficacia perché interessano solo singole tecnologie ed avvengono ad un tasso troppo basso per raggiungere gli obbiettivi di risparmio previsti dall’agenda 20-20-20".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
29/03/2017

Colpo di spugna di Trump sull’ambiente

Vincono le lobby delle fossili e Trump cancella il Clean Power Plan voluto da Barack Obama a favore di rinnovabili e per limitare le emissioni.     Lo aveva promesso in campagna elettorale, arrivando persino a sostenere che non esista ...

27/03/2017

Finestre e facciate energeticamente efficienti

I distanziatori “warm-edge” di SWISSPACER assicurano un importante contributo per l’efficienza energetica degli edifici e si prestano a diverse applicazioni     I distanziatori “warm-edge” di SWISSPACER, azienda ...

24/03/2017

In Europa accordo sulle etichette energetiche 2.0

Inizia la nuova era delle etichette energetiche: Database, QR code e simbolo “smart”.      Le etichette che indicano l’efficienza energetica di elettrodomestici come frigo e lavatrici, passano a una nuova versione e ...

23/03/2017

4 milioni di euro per lo sviluppo delle smart grid in Sardegna

Termina il 20 luglio il termine per la presentazione delle domande per il bando “Azioni per lo sviluppo di progetti sperimentali di reti intelligenti nei Comuni della Sardegna”     La Regione autonoma della Sardegna ha ...

22/03/2017

La Strategia Energetica Nazionale secondo ITALIA SOLARE

I suggerimenti di Italia Solare nella definizione della Strategia Energetica Nazionale per il superamento degli ostacoli alla crescita delle energie rinnovabili     In queste settimane Governo e Parlamento stanno lavorando alla definizione ...

20/03/2017

Innovazione, presente e futuro del Sistema a Cappotto

Alessandro Monaco, nuovo Coordinatore della Commissione Comunicazione del Consorzio Cortexa ci racconta come sta cambiando il mercato dei sistemi di isolamento a cappotto e gli obiettivi futuri del Consorzio     CORTEXA, Consorzio per la ...

15/03/2017

Nuova VIA per rilanciare la crescita sostenibile del paese

Il CDM ha approvato la nuova disciplina su valutazione di impatto ambientale adeguandosi così alla normativa europea: semplificazione e tempi più brevi     Il Consiglio dei ministri lo scorso 10 marzo ha approvato, su proposta del ...

15/03/2017

Tour Anit su riqualificazione involucro e comfort in edilizia

Più di 40 date per il nuovo tour itinerante Anit dedicato alle ultime novità in tema di isolamento termico e acustico.     Sarà a Brescia il 30 marzo il primo appuntamento del nuovo tour Anit, gratuito e itinerante che in ...