IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Consultazione SEN prorogata fino al 31 agosto

Consultazione SEN prorogata fino al 31 agosto

Considerata l'importanza del tema, i ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente hanno deciso di prorogare al 31 agosto il termine della consultazione pubblica della Strategia Energetica Nazionale

 

 

 

Il termine per partecipare alla consultazione pubblica della SEN - Strategia Energetica nazionale, avviata lo scorso 12 giugno inizialmente per un mese, è stato prorogato da ministero dello Sviluppo Economico e da ministero dell'Ambiente fino al 31 agosto.

La volontà dei due ministeri è quella di garantire più tempo possibile per inviare commenti e proposte, considerando l'importanza del tema, che comprende scenari energetici globali e diversi specifici focus settoriali, così da presentare un pacchetto definitivo e che sia il più possibile condiviso.

 

Ricordiamo che fra i diversi obiettivi previsti dalla SEN si vuole aumentare la competitività del nostro paese, adeguando i prezzi energetici a quelli europei, migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento e della fornitura, decarbonizzare il sistema energetico.
Nei prossimi anni infatti sarà sempre più rilevante il ruolo dell'efficienza energetica e del sostegno alle energie rinnovabili, quali strumenti per diminuire le emissioni di CO2 e le importazioni.

 

Per quanto riguarda in particolare le energie pulite ricordiamo che la SEN ha fissato un obiettivo minimo di rinnovabili del 27% sui consumi lordi finali al 2030, che potrebbe essere suddiviso in questo modo ottimizzando interventi e investimenti:
Rinnovabili elettriche al 48 – 50% al 2030 rispetto al 33,5% del 2015 
Rinnovabili termiche al 28 – 30% al 2030 rispetto al 19,2% del 2015 
Rinnovabili trasporti al 17% - 19% al 2030 rispetto al 6,4% del 2015

 

Altra priorità definita dalla SEN riguarda la riqualificazione del parco immobiliare esistente con importanti conseguenze in termini di efficienza energetica, attraverso  per esempio la revisione del meccanismo delle detrazioni fiscali (ecobonus):
- riorganizzare lo strumento in coerenza con i meccanismi di incentivazione per l'antisismica e la ristrutturazione edilizia 
- introdurre massimali unitari di spesa per tipologia di intervento 
- modulare la percentuale in detrazione in relazione al risparmio atteso dall'intervento 
- stabilizzare il meccanismo delle detrazioni fiscali 
- estendere la portabilità del titolo al fine di agevolare il coinvolgimento degli operatori e anche di istituti finanziari almeno per interventi radicali sull'edificio.


Leggi documento di consultazione sulla SEN

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia