IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Dal Mise 100milioni per l'efficienza energetica del sud

Dal Mise 100milioni per l'efficienza energetica del sud

A partire dal 26 aprile al via le domande per interventi di efficientamento in Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia.

 

 

Come da decreto ministeriale del 7 dicembre 2016 che regola le modalità e i termini per la concessione delle agevolazioni per programmi di sviluppo per la tutela ambientale, il ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 100 milioni di euro, disponibili sul Programma Operativo Nazionale (PON) Imprese e competitività, per promuovere l'efficienza energetica delle imprese in Basilicata, Campania, Calabria, puglia e Sicilia.


L'obiettivo è diminuire i consumi energetici e le emissioni di gas delle imprese e delle aree produttive. I programmi possono essere portati avanti sia da imprese nei settori di attività economica definiti come energivori, sia da quelle qualificabili come a forte consumo di energia e rientranti nell’elenco istituito presso la Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA).

Le domande possono essere presentate a partire dal 26 aprile 2017.

 

L’avviso prevede, fermo restando il rispetto dei requisiti generali di cui alla normativa dei contratti di sviluppo, l’agevolabilità dei soli programmi di sviluppo per la tutela ambientale – con esclusione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione – che permettano la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive.

Possono accedere delle agevolazione le imprese, di qualunque dimensione, che realizzano programmi in relazione ad unità locali riferibili ai settori di attività economica qualificabili come energivori.

È previsto inoltre che possano beneficiare delle agevolazioni anche le imprese, di qualunque dimensione, qualificabili come a forte consumo di energia e rientranti nell’elenco istituito presso la Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA).

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia