IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Effetti a lungo termine della riqualificazione energetica degli edifici

Effetti a lungo termine della riqualificazione energetica degli edifici

Applicazione del Neopor per la riqualificazione sostenibile del quartiere Brunk, in Germania

Il quartiere Brunck di Ludwigshafen edificato attorno agli anni Trenta è stato oggetto di una prima ristrutturazione in seguito ai danni subiti dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Nel 1996, è stato sviluppato per il quartiere dalla società LUWOGE, la città di Ludwigshafen e lo stato federale Renania-Palatinato, un piano di ristrutturazione integrale: le abitazioni esistenti sono state ristrutturate ed ampliate e sono stati realizzati nuovi edifici. Il piano comprendeva nuovi edifici in classe A, B e C e delle abitazioni in classe A (case da 3 litri/mq) ottenute attraverso la ristrutturazione di vecchi alloggi. Tra gli interventi previsti all’interno di un progetto integrato edificio-impianto, significativo è stato l’isolamento termico dell’involucro con Neopor®.

A più di dieci anni di distanza da queste attività di ristrutturazione, BASF e LUWOGE hanno realizzato un sondaggio sugli effetti a lungo termine della riqualificazione energetica degli edifici e il benessere abitativo dei residenti, con risultati molto positivi.
Peter Doland, proprietario di una casa nel quartiere Brunck, ha dichiarato: “A seguito degli interventi di ristrutturazione, ho notato che la temperatura
rimane naturalmente costante all’interno della mia casa. Per questo motivo non occorre riscaldarla ulteriormente, se non in alcuni giorni molto freddi in inverno. Per noi residenti a Brunck, i sistemi d’isolamento e di ventilazione hanno portato solo benefici.”
L’indagine statistica realizzata in collaborazione con l’università HAWK (Hochschule für angewandte Wissenschaft und Kunst, di Hildesheim,
Holzminden, Göttingen), dimostra che l’80% degli abitanti del quartiere si dichiara soddisfatto o molto soddisfatto della propria abitazione con
l’isolamento termico realizzato con Neopor. Gli studi condotti sul quartiere Brunck e l’analisi di esperti hanno inoltre dimostrato che le pareti isolate con un cappotto in Neopor trattengono il calore e non hanno ponti termici perciò il rischio di sviluppo di muffe sulle pareti interne è molto più basso rispetto a quello di un edificio privo di isolamento a cappotto.

Neopor® migliora la qualità di vita
Il confort all’interno delle abitazioni dipende sostanzialmente da due fattori: la temperatura dell'aria e la temperatura superficiale interna delle pareti
dell’edificio. L’isolamento a cappotto aumenta la temperatura superficiale interna delle pareti e crea un piacevole confort interno, senza ulteriore
necessità di aumentare il riscaldamento. Neopor® offre quindi la possibilità di migliorare la qualità della vita e fare un investimento sicuro sulla propria casa.
Per potersi assicurare un isolamento in grado di mantenere l’edificio in ottimo stato per molti anni e, di conseguenza, aumentarne il valore, è fondamentale però prevedere una progettazione e una applicazione pianificata ed eseguita da professionisti esperti.

 

Quartiere Brunk

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Polo deccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente     E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence ...

20/07/2017

Riqualificazione efficiente secondo il protocollo CasaClima R

Il progetto vincitore del concorso Viessmann 2016 per la riqualificazione energetica e il miglioramento del comfort abitativo interno di un edificio a Riccione       Lo Studio Tecnico Associato Newton è stato premiato lo ...

20/07/2017

Tour Marachre, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

18/07/2017

Rete Irene per la riqualificazione efficiente di un condominio a Milano

Un intervento di riqualificazione residenziale a Milano realizzato grazie alla collaborazione di tre aziende del network di Rete Irene: L’Isolante, Ivas e Trivella      L’Isolante, azienda specializzata nella produzione di ...

14/07/2017

Per le situazioni di emergenza la casa rinnovabile e autosufficiente

LIFEHAUS è un progetto che sviluppa abitazioni neutrali a basso consumo energetico e autosufficienti, partendo da materiali di riciclo.
     L'architetto libanese Nizar Haddad ha realizzato il progetto LIFEHAUS ovvero ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

12/07/2017

Casa Smart Plus a emissioni quasi 0

Un sistema costruttivo innovativo che assicura contenimento dei consumi, risparmio in bolletta e utilizzo esclusivo di energie rinnovabili     Presentato recentemente a Casale sul Sile, in provincia di Treviso, il primo cantiere aperto Casa ...