IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Efficienza energetica, la denuncia di Legambiente sugli sprechi delle nostre case

Efficienza energetica, la denuncia di Legambiente sugli sprechi delle nostre case

In occasione dell'11 anniversario dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto, l'associazione presenta un dossier sui consumi energetici

Legambiente ha scelto di pubblicare, a undici anni dall'entrata in vigore del protocollo di Kyoto, il dossier "Basta case colabrodo", dedicato all’efficienza energetica e ai consumi delle abitazioni in Italia, con l’obiettivo di sensibilizzare i consumatori sui loro diritti e doveri per vivere in un ambiente più sostenibile, consapevoli delle norme a loro disposizione. 

 

Iniziamo col dire che sono troppe le regioni in cui non c’è alcun controllo sulle certificazioni energetiche né sono previste sanzioni.
Le Regioni devono garantire controlli indipendenti e sanzioni sulle certificazioni energetiche degli edifici (Legge 90/2013, che ha recepito la Direttiva 31/2010), individuando organismi e soggetti a cui affidare i controlli. Il Dossier denuncia che ancora oggi in molte Regioni ciò non avviene. In Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Sardegna e Umbria, non è stato stabilito chi deve controllare quel 2% minimo di certificazioni previsto dalla legge nazionale, con la conseguenza che le sanzioni previste nei confronti di progettisti, direttori dei lavori e certificatori non vengano applicate. La sola Provincia di Bolzano si distingue in positivo perché ha emanato leggi più restrittive rispetto al numero dei controlli e all’entità delle sanzioni, con verifiche sul progetto e in cantiere.

 

 

In Italia il consumo di fonti fossili per il riscaldamento degli edifici è responsabile di una quota molto importante dell’inquinamento delle città e della produzione di gas serra e le famiglie in media per riscaldamento e raffrescamento spendono tra i 1500 e i 2000 euro all’anno. Con degli interventi di efficienza energetica negli edifici si potrebbe risparmiare fino al 50%.
Edoardo Zanchini vicepresidente di Legambiente denuncia il mancato rispetto delle norme vigenti e i ritardi dei programmi di incentivo che spingano la riqualificazione. A partire dal DL sull’efficienza energetica che prevedeva l’istituzione del Fondo per l'Efficienza Energetica, anche se è stato approvato da 592 giorni, in realtà tale fondo non è ancora accessibile, con la conseguenza che le risorse stanziate per il 2014 e il 2015 sono andate sprecate. Mentre, solo in questi giorni si è finalmente sbloccata la situazione del Conto Termico, che ha definito gli incentivi per gli interventi di efficienza energetica che riguardano anche il patrimonio edilizio.
L’Italia inoltre ha recepito sempre con molto ritardo le Direttive Europee sull’efficienza energetica in edilizia, e la gestione non è facile per la mancanza di una regia che coordini tutti gli aspetti per definire una vera strategia verso l’efficienza energetica: le barriere burocratiche e normative, le incertezze e la possibilità di accedere alle risorse.

 

Ricordiamo che Legambiente, nell'ambito della campagna Tutti in Classe A, ha scattato più di 500 termografie in 45 città italiane, relative a edifici pubblici e residenziali privati. Le immagini evidenziano tutti i problemi di isolamento termico, le dispersioni e le criticità del patrimonio edilizio italiano.

L'associazione ambientalista evidenzia quali sono i principali interventi da attuare per spingere l'efficientamento energetico del patrimonio edilizio, pubblico e privato.

E’ necessario che il Governo definisca norme precise, che vengano accolte anche dalle regioni e che prevedano controlli severi sulle certificazioni energetiche e precise sanzioni, sollecitando le Regioni inadempienti a legare gli interventi energetici con quelli di sicurezza antisismica, definendo l’obbligo del libretto energetico e antisismico per tutti gli edifici esistenti.

Inoltre Legambiente sollecita il governo a rendere strutturale l’ecobonus per gli interventi di riqualificazione, premiando, nelle ristrutturazioni, il miglioramento della classe energetica di appartenenza. E’ infatti una misura che negli anni ha funzionato molto bene, ha creato posti di lavoro, investimenti e stimolato interventi di recupero. Inoltre bisogna rendere operativo il fondo per l’efficienza energetica introdotto con il Decreto Legislativo 102/2014 e stabilire i criteri per l’accesso da parte di privati e enti pubblici. Occorre poi escludere dal patto di stabilità gli interventi sul patrimonio pubblico che permettono di realizzare interventi certificati e verificati di riduzione dei consumi energetici degli edifici. E' infine necessario intervenire per la semplificazione degli interventi di efficienza energetica, in particolare nei condomini e per gli interventi di retrofit di interi edifici, per permettere alle famiglie di dimezzare i consumi energetici.

 

Scarica il Rapporto "Basta case colabrodo"

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/01/2017

Al via i progetti di riqualificazione dell'illuminazione pubblica in provincia di Teramo

La prima fase del progetto Paride coinvolge più di 19.400 punti luce, con un risparmio energetico medio di oltre il 65%, in sette comuni della provincia di Teramo     PARIDE è uno dei sette progetti approvati dalla ...

09/01/2017

Riqualificazione energetica degli immobili della Pubblica Amministrazione

Ministero dello Sviluppo economico e Agenzia del Demanio hanno firmato la convenzione che porterà alla riqualificazione di 63 edifici della PA   Grazie alla firma della convenzione tra Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia del Demanio, ...

20/12/2016

Nuovo complesso “Giardini di Trigoria” a Roma in classe energetica A

Nella realizzazione delle nuove residenze di pregio a Roma sono state scelte le murature isolanti Lecablocco     A Roma è stato realizzato, su progetto dell’architetto Riccardo Armezzani, il primo stralcio del complesso ...

13/12/2016

Con la certificazione energetica salvi l'ambiente e risparmi in bolletta

Ridurre le emissioni di inquinanti è fondamentale per il futuro dei nostri figli. La certificazione energetica è una soluzione conveniente per ridurle e allo stesso tempo risparmiare       Negli ultimi anni è cresciuta ...

07/12/2016

Linee guida per la relazione sul contenimento dei consumi energetici

Il Documento realizzato dal CNI ha l’obiettivo di facilitare il lavoro di verifica dei funzionari nell’applicazione dei DD.MM. 26/06/2015  
Il CNI – Consiglio nazionale degli ingegneri- ha pubblicato le Linee Guida per la ...

05/12/2016

Vicini gli obiettivi UE 2020 per le rinnovabili, ma troppo lontani i traguardi del 2030

Le fonti rinnovabili continuano a crescere in Europa, ma gli Stati membri devono intensificare le proprie ambizioni sul risparmio energetico     Gli Stati membri dell'UE hanno diminuito il consumo di energia negli ultimi anni, nonostante un ...

01/12/2016

Luci e ombre del pacchetto invernale sull’energia dell’UE

La Commissione alza al 30% l’obiettivo efficienza energetica, per le rinnovabili fissato il target del 27%. Critiche le Associazioni ambientaliste     La Commissione Europea ha approvato il maxipacchetto d’inverno che comprende otto ...

29/11/2016

Il mercato delle riqualificazioni efficienti copre il 70% del settore delle costruzioni

Il CRESME prevede una crescita del comparto dell'8,8% tra il 2016 e il 2021. I dati presentati a Restructura di Torino     In occasione di Restructura, che si è conclusa a torino il 29 novembre, sono stati presentati i dati relativi al ...