IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Efficienza energetica nell’UE, non raggiunti gli obiettivi di investimento

Efficienza energetica nell’UE, non raggiunti gli obiettivi di investimento

Troppi soldi e spesi male. Investimenti che si ripagano in tempi biblici. L'efficienza energetica è nell'occhio del ciclone dopo l'accusa della Corte dei conti europea, rivolta pure all'Italia.
Come si legge in un recente comunicato, infatti, i fondi stanziati da Bruxelles per ridurre i consumi di elettricità, gas e combustibili nell'edilizia, sono finiti nello schiacciasassi della cattiva gestione.

La Corte dei conti ha esaminato 24 progetti nel campo dell'efficienza in tre Paesi (Repubblica Ceca, Italia e Lituania), quelli che avevano ricevuto i maggiori contributi dal Fondo di coesione e dal Fondo europeo di sviluppo regionale per il periodo 2007-2013.

Gli investimenti sono stati efficaci? La risposta è no, secondo la relazione sul rapporto costi/benefici degli interventi realizzati nell'edilizia pubblica dei tre Stati membri. Per efficienza, lo ricordiamo, s'intendono le misure che permettono di risparmiare su consumi e bollette, tuttavia senza rinunce.

L'esempio classico è sostituire una vecchia lampadina con una a basso consumo. Il problema è che bisogna sempre valutare il vantaggio in rapporto al costo, in questo caso l'elettricità consumata in meno ogni anno, considerando il prezzo della nuova lampadina e la sua longevità.

Non si vede il Roi
Occorre calcolare i consumi medi di energia e il potenziale risparmio, altrimenti si rischia un investimento a vuoto. Proprio quello che è successo in Europa. «Gli Stati membri hanno fondamentalmente utilizzato questi fondi per rinnovare edifici pubblici, mentre il risparmio energetico era, nel migliore dei casi, una finalità secondaria», ha commentato Harald Wögerbauer, membro della Corte responsabile della relazione. Tanto che gli investimenti si ripagheranno mediamente in 50 anni, addirittura 150 nei casi peggiori, ben oltre la vita utile delle tecnologie utilizzate, che siano caldaie a condensazione, infissi isolanti o coibentazioni dei tetti.

Così i fondi per l'efficienza sono finiti in un buco nero, senza produrre vantaggi misurabili. «Anche se i progetti controllati hanno prodotto le realizzazioni fisiche previste, come la sostituzione di finestre e porte o l'isolamento di muri e tetti - si legge nel comunicato della Corte dei conti europea - il costo in relazione ai potenziali risparmi è stato elevato. Più dell'efficienza energetica è stata valutata la necessità di rinnovare gli edifici pubblici».

Superficialità? Incapacità di fare i conti? Semplicemente la fretta di utilizzare i fondi disponibili? Fatto sta che dal 2000, l'Ue ha destinato quasi cinque miliardi di euro per cofinanziare misure di efficienza, a quanto pare con scarsi risultati. Forse è anche questa una delle ragioni per cui l'Europa è in super ritardo sugli obiettivi (peraltro al momento ancora volontari) di risparmio energetico.

Bruxelles sta cercando di accelerare, basta vedere la procedura d'infrazione contro 19 Paesi inadempienti sulla direttiva Epbd (European performance of buildings directive). La strada verso standard condivisi di efficienza nell'edilizia, tuttavia, sarà più lunga del previsto, se continueremo a vuotare il portafoglio senza sapere di preciso che fine faranno le nostre banconote. 

Scarica la relazione "Efficacia in termini di costi/benefici degli investimenti della politica di coesione nel campo dell'efficienza energetica" (in inglese)
 
Fonte http://www.europarlamento24.eu

TEMA TECNICO:

Efficienza energetica

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/01/2017

Al via i progetti di riqualificazione dell'illuminazione pubblica in provincia di Teramo

La prima fase del progetto Paride coinvolge più di 19.400 punti luce, con un risparmio energetico medio di oltre il 65%, in sette comuni della provincia di Teramo     PARIDE è uno dei sette progetti approvati dalla ...

09/01/2017

Riqualificazione energetica degli immobili della Pubblica Amministrazione

Ministero dello Sviluppo economico e Agenzia del Demanio hanno firmato la convenzione che porterà alla riqualificazione di 63 edifici della PA   Grazie alla firma della convenzione tra Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia del Demanio, ...

20/12/2016

Nuovo complesso “Giardini di Trigoria” a Roma in classe energetica A

Nella realizzazione delle nuove residenze di pregio a Roma sono state scelte le murature isolanti Lecablocco     A Roma è stato realizzato, su progetto dell’architetto Riccardo Armezzani, il primo stralcio del complesso ...

07/12/2016

Linee guida per la relazione sul contenimento dei consumi energetici

Il Documento realizzato dal CNI ha l’obiettivo di facilitare il lavoro di verifica dei funzionari nell’applicazione dei DD.MM. 26/06/2015  
Il CNI – Consiglio nazionale degli ingegneri- ha pubblicato le Linee Guida per la ...

05/12/2016

Vicini gli obiettivi UE 2020 per le rinnovabili, ma troppo lontani i traguardi del 2030

Le fonti rinnovabili continuano a crescere in Europa, ma gli Stati membri devono intensificare le proprie ambizioni sul risparmio energetico     Gli Stati membri dell'UE hanno diminuito il consumo di energia negli ultimi anni, nonostante un ...

01/12/2016

Luci e ombre del pacchetto invernale sull’energia dell’UE

La Commissione alza al 30% l’obiettivo efficienza energetica, per le rinnovabili fissato il target del 27%. Critiche le Associazioni ambientaliste     La Commissione Europea ha approvato il maxipacchetto d’inverno che comprende otto ...

29/11/2016

Il mercato delle riqualificazioni efficienti copre il 70% del settore delle costruzioni

Il CRESME prevede una crescita del comparto dell'8,8% tra il 2016 e il 2021. I dati presentati a Restructura di Torino     In occasione di Restructura, che si è conclusa a torino il 29 novembre, sono stati presentati i dati relativi al ...

25/11/2016

Riqualificazione energetica di 18 edifici dell’area metropolitana di Torino

Saranno realizzati interventi per l'isolamento termico delle pareti esterne e dei tetti degli edifici, la sostituzione degli infissi e l’installazione di impianti fotovoltaici abbinati a pompe di calore     Città metropolitana di ...