IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Energie rinnovabili ed efficienza energetica: il Rapporto del GSE

Energie rinnovabili ed efficienza energetica: il Rapporto del GSE

On line il Rapporto 2014 delle attività del Gestore dei Servizi Energetici

Il GSE ha pubblicato sul proprio sito il Rapporto Attività 2014, documento che fornisce i dati relativi ai servizi erogati nel corso dell’anno 2014 e ai singoli meccanismi di incentivazione gestiti. Il Rapporto, a partire dall’analisi normativa sia nazionale che internazionale, fornisce un importante quadro di riferimento in materia di energie rinnovabili ed efficienza energetica.

Secondo quanto stabilito dal D.Lgs. n.28/2011, il GSE svolge attività di supporto istituzionale, conduce studi ed è responsabile del monitoraggio statistico, tecnico, economico, occupazionale ed ambientale dello sviluppo delle energie rinnovabili.


Fotovoltaico: Nel corso dell’anno è stata gestita l’erogazione degli incentivi agli oltre 550 mila impianti (circa 17.700 MW) ammessi ai diversi Conti Energia: l’incentivazione dei circa 21 TWh prodotti ha comportato un costo di 6,6 miliardi di euro.
Altre fonti rinnovabili: A dicembre 2014 risultano più di 5.000 gli impianti in esercizio (quasi 21.300 MW) qualificati per il rilascio dei Certificati Verdi o delle Tariffe Onnicomprensive: il 35% sono idroelettrici, il 29% a biogas, il 20% eolici.
Certificati verdi, tariffe omnicomprensive, CIP6/92. Sono stati emessi 35 milioni di CV per le produzioni 2013, mentre il dato provvisorio relativo alle produzioni 2014 si attesta sui 27 milioni di CV, oltre il 40% dei quali relativi a impianti eolici. Nel 2014 il GSE ha ritirato 35 milioni di Certificati Verdi, sostenendo un costo di 3,2 miliardi di euro.
Quasi 2.800 impianti (1.630 MW) hanno avuto accesso alle Tariffe Onnicomprensive: il ritiro di 9,3 TWh (il 63% da biogas) è costato 2,4 miliardi di euro. Per quanto riguarda gli impianti che ancora usufruiscono del meccanismo incentivante CIP6/92 (a fine 2014 ne risultano 68 - contro gli 83 di un anno prima - di cui 66 a fonte rinnovabile), il GSE ha sostenuto un costo di circa 1,4 miliardi di euro ritirando 11,5 TWh di energia, 4,4 in meno rispetto al precedente anno: diminuzione dovuta sia alla naturale scadenza delle convenzioni sia la risoluzione anticipata optata da alcuni operatori. L’onere di competenza 2014 relativo alla risoluzione anticipata delle convenzioni CIP6/92 è stato pari a circa 630 milioni di euro.

Incentivi rinnovabili non fotovoltaiche: nel 2014 si sono svolti gli ultimi bandi previsti dal DM 6/7/2012: le istanze ammesse in posizione utile per le aste sono 16 (di cui 15 per impianti eolici) per un totale di 374 MW, quelle per i registri dedicati ai rifacimenti sono 52 (di cui 50 idroelettrici) corrispondenti a 84 MW, mentre 670 (278 biomasse, 202 idroelettrici, 189 eolici) sono gli impianti iscritti agli altri registri per una potenza di 310 MW. Considerando il complesso degli impianti entrati in esercizio a partire dal 1° gennaio 2013 e ammessi agli incentivi del DM 6/7/2012, a fine 2014 ne risultano 594 qualificati ed operativi per una potenza di 288 MW (195 MW eolici, 44 MW a biomasse/biogas, 29 MW idroelettrici e 20 MW geotermoelettrici); nel 2014 sono stati incentivati 0,8 TWh con un costo di 83 milioni di euro.
Ritiro dedicato e scambio sul posto: Nel corso del 2014 il GSE ha gestito oltre 57.700 convenzioni di Ritiro Dedicato (più di 16.600 MW, dei quali il 71% fotovoltaici), cui è corrisposto il ritiro di circa 23 TWh di energia per un controvalore di 1,16 miliardi di euro. A fine 2014 risultano attive oltre 476.700 convenzioni per lo Scambio sul Posto (4.200 MW, quasi tutti fotovoltaici), da cui sono stati ritirati circa 3 TWh di energia per un costo intorno ai 230 milioni di euro. I costi sostenuti dal GSE per l’incentivazione e il ritiro dell’energia sono in parte compensati dai ricavi provenienti dalla vendita dell’energia elettrica ritirata. Nel 2014 il GSE ha collocato sul mercato 47,5 TWh, con un ricavo di circa 2,4 miliardi di euro.
Attività dedicate alla promozione dell’efficienza energetica e delle rinnovabili termiche.
Nel corso del 2014 sono pervenute 1.163 richieste per la Cogenerazione ad Alto Rendimento (13.100 MW), 6.518 istanze per il Conto Termico e 14.751 richieste per i Certificati Bianchi (a fronte delle quali è stata autorizzata l’emissione di circa 7,5 milioni di TEE).
A partire dal 2013, il GSE gestisce operativamente, a supporto del Ministero dello Sviluppo Economico, anche il sistema dell’obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti per i fornitori di benzina e gasolio. Nel 2014 sono stati rilasciati oltre 1,5 milioni di Certificati di Immissione in Consumo. Nell’ambito del sistema europeo dell’Emission Trading, nel 2014 il GSE, in qualità di Auctioneer per l’Italia, ha collocato sulla piattaforma d’asta comune oltre 61 milioni di quote di emissione valevoli per il periodo 2013- 2020, con un ricavo totale superiore ai 360 milioni di euro destinati al bilancio dello Stato. Nel 2014 il GSE ha continuato a svolgere un ruolo importante per garantire una maggiore concorrenzialità nel mercato del gas naturale, con particolare riferimento ai servizi relativi allo stoccaggio virtuale. E’ proseguita nel 2014 l’attività di controllo del GSE al fine di verificare la sussistenza dei requisiti previsti dalla normativa per poter beneficiare dei diversi meccanismi di incentivazione e promozione. Le verifiche, improntate a criteri di trasparenza, affidabilità e non discriminazione, sono state 3.792 (di cui oltre 3.000 mediante sopralluogo e le restanti documentali), con un incremento del 43% rispetto all’anno precedente. Complessivamente, nel 2014 il GSE ha sostenuto costi per il rilascio degli incentivi e la gestione dei servizi per un ammontare pari a circa 15,8 miliardi di euro. I ricavi, derivanti principalmente dalla vendita dell’energia elettrica sul mercato, si sono aggirati sui 2,4 miliardi di euro. Ne è risultato un fabbisogno economico netto di circa 13,4 miliardi di euro.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/01/2018

Cos’è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Il metodo LCA permette di valutare gli impatti ambientali con riferimento all’intero ciclo di vita di un prodotto o di un servizio. Nasce in ambito industriale, ma ha grandi potenzialità applicato nel settore edile, offrendo uno strumento ...

15/01/2018

L’Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

Per assicurare il rispetto del target del 27% di rinnovabili sui consumi l'Europa deve rivedere la propria strategia, focalizzanosi sulla decentralizzazione dei sistemi energetici      Il Rapporto recentemente pubblicato dalla ...

12/01/2018

Ancora pochi i mutui green

Nonostante la crescita dell’edilizia in legno, i mutui per la bioedilizia sono solo lo 0,47% delle richieste      Il mercato dell’edilizia in legno sta crescendo, tanto che nel 2° Rapporto Case ed edifici in legno 2015, ...

11/01/2018

Le idee più innovative e sostenibili per un’edilizia green

Selezionate le 10 aziende internazionali finaliste allo Startup Award con prodotti innovativi capaci di coniugare edilizia, uomo e natura     Torna a Klimahouse, in programma a Bolzano 24 al 27 gennaio prossimi, Klimahouse Startup ...

09/01/2018

Le pavimentazioni mangia smog che riducono l’inquinamento

La lotta a emissioni inquinanti, smog e inquinamento si combatte su molti fronti: esistono specifici masselli in grado di abbattere le sostanze inquinanti. Le innovative soluzioni Ferrari BK     Surriscaldamento, diminuzione delle ...

08/01/2018

La fotografia dell'Italia su ambiente ed economia

Pubblicato l'Annuario Statistico dell'Istat che ci racconta come si sta trasformando il nostro paese da un punto di vista ambienale, sociale ed economico. Crescono i consumi energetici. Anno nero per i terremoti

L’Istat ha pubblicato ...

08/01/2018

Perché si disperde tanta acqua lungo la rete idrica italiana

Il 24 gennaio a Milano la presentazione del Water Management Report: focus sulle applicazioni e il potenziale di mercato in Italia       L'Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano presenta il 24 gennaio ...

05/01/2018

Bioshopper a pagamento, cosa c’è oltre la polemica

L’Italia ha recepito una normativa UE del 2015 che ha l’obiettivo di diminuire l’utilizzo delle borse di plastica in materiale leggero, inserendo, unico paese, un emendamento che prevede il pagamento dei sacchetti biodegradabili sotto i 15 ...