IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Energy Revolution Italia

Energy Revolution Italia

Greenpeace presenta Energy [R]Evolution, primo studio che delinea il possibile scenario energetico sostenibile per l'Italia e mostra i potenziali di crescita delle fonti rinnovabili per i settori della generazione elettrica, produzione di calore e trasporti.
Dal rapporto emerge che fissare nuovi ambiziosi obiettivi per la riduzione delle emissioni di gas serra sia un passaggio obbligato e fondamentale. Ancora oggi in Italia oltre il 93% dell'energia proviene infatti da fonti fossili inquinanti.
Lo Scenario "Energy [R]evolution Italia" descrive una trasformazione profonda verso un futuro energetico pulito per l'Italia, e dimostra che il Paese ha il potenziale di ridurre le proprie emissioni di CO2 del settore energetico del 70% entro il 2050 rispetto ai livelli del 1990, senza fare ricorso al nucleare.
Perseguire stringenti obiettivi ambientali rappresenta anche un vantaggio economico per il sistema Paese, permetterebbe infatti di sostenere la ripresa economica, aumentare l'indipendenza energetica dall'estero, rilanciare lo sviluppo tecnologico, l'innovazione, e la competitività delle industrie e della ricerca, contribuendo a creare migliaia di nuovi posti di lavoro di qualità.
 
Di seguito lo scenario proposto dal rapporto Energy [R]evolution per trasformare l'attuale situazione in un sistema sostenibile:
1) Misure di efficienza energetica permetteranno di ridurre l'attuale domanda di energia primaria di circa il 32% al 2050.
2) Entro il 2050, le fonti rinnovabili saranno così in grado di soddisfare il 61% della domanda di energia primaria del Paese, fornendo circa 4.000 PJ/anno sul totale di 5.366 PJ/anno. Il resto della domanda sarà coperto principalmente dal gas. Il carbone fornirà un contributo del tutto trascurabile (appena 94 PJ).
3) Entro il 2050, il 76% dell'energia elettrica prodotta in Italia arriverà da fonti rinnovabili: una capacità di 104 GW sarà in grado di produrre 290 miliardi di kilowattora (TWh), su un totale di 380 TWh prodotti in Italia. Il maggiore contributo arriverà dalle tecnologie solari (100 TWh), dall'eolico (54 TWh), e dalle biomasse prodotte in modo sostenibile (61 TWh).
4) Nella produzione di calore, il contributo delle fonti rinnovabili può crescere fino al 64% al 2050. In particolare, collettori solari termici (717 PJ/anno) e geotermico (400 PJ/anni) sostituiranno i tradizionali sistemi di riscaldamento e raffreddamento.
5) Anche nel settore dei trasporti, le fonti rinnovabili potranno dare un contributo rilevante, superando il 50% al 2050 grazie all'adozione su vasta scala di mezzi di trasporto elettrici.
6) Mentre nello scenario di riferimento le emissioni di CO2 dell'Italia aumenterebbero del 33% al 2050, nello scenario Energy [R]evolution diminuiranno di circa il 71% rispetto al 1990. Le emissioni annue pro-capite verranno ridotte da 7,6 tonnellate a 2,1 tonnellate.
7) Il vasto dispiegamento delle tecnologie rinnovabili aumenterà sensibilmente il costo della produzione di energia elettrica nel breve periodo (+0,5 eurocent/kWh nel 2015 rispetto al tendenziale), ma porterà vantaggi nel medio termine, con risparmi di oltre 4 eurocent/kWh rispetto al tendenziale nel 2050.
Greenpeace esorta dunque il Governo italiano a trasformare in realtà lo scenario Energy [R]evolution e ad accelerare l'inevitabile transizione da risorse fossili limitate a fonti rinnovabili e sostenibili per sempre, così da coniugare gli obiettivi ambientali con quelli economici e occupazionali.
Il vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si svolgerà a Copenhagen nei prossimi giorni sarà un momento cruciale per definire politiche efficaci per evitare che i cambiamenti climatici abbiano effetti fuori controllo. In vista di questo vertice, Greenpeace chiede infine al Governo italiano di sostenere la riduzione delle emissioni di almeno il 40% entro il 2020, rispetto al 1990.
 

Scarica la sintesi del rapporto e la tabella Energy Revolution

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/04/2018

Corrono gli investimenti nelle rinnovabili

Presentato l’Irex Annual Report: nel 2017 13,5 miliardi di investimenti nelle rinnovabili, per una potenza di 13,4 GW, soprattutto all’estero.     Nel 2017 gli investimenti in rinnovabili tra Italia e, soprattutto, estero hanno ...

17/04/2018

Forum mondiale per la forestazione urbana

Le foreste urbane e le infrastrutture verdi possono fornire un contributo fondamentale alla progettazione sostenibile: a Mantova la prima edizione del World Forum on Urban Forests        Dal 28 novembre al 1 dicembre Mantova ...

13/04/2018

21 maggio 2017: l'87% dei consumi elettrici coperti da rinnovabili

Nel 2017 crescono i consumi di energia, calano leggermente le emissioni di CO2, prezzi in discesa e rinnovabili ai massimi storici. Il nuovo report Enea.     Pubblicata da Enea l'analisi trimestrale del sistema energetico italiano che si ...

12/04/2018

Risparmio energetico e riqualificazione edilizia a Klimahouse Toscana

Appuntamento a Firenze dal 13 al 15 aprile presso il Nelson Mandela Forum per approfondire le soluzioni e tecnologie a basso impatto ambientale per abitazioni confortevoli ed energeticamente efficienti     Si rinnova l'appuntamento a Firenze ...

11/04/2018

Soluzione innovativa di facciata per il risparmio energetico

Impianti di distribuzione integrati nella facciata degli edifici per la gestione del riscaldamento, raffrescamento e il ricambio d’aria: l'innovativa soluzione sviluppata da Eurac Research e l’azienda Stahlbau ...

05/04/2018

Dalle foglie che svolazzano nuova fonte di energia?

Dal passaggio tra luce e ombra che si crea al movimento delle foglie al vento si può generare energia pulita. I risultati di uno studio della Linköping University     In futuro potrebbe essere possibile raccogliere energia con ...

04/04/2018

Normativa comunitaria su emissioni di CO2 dei mezzi pesanti

La Commissione accoglie con favore l'ambizioso accordo raggiunto per la prima volta con il Parlamento Europeo sulla legislazione dell'UE in materia di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti       I ...

29/03/2018

Le citt galleggianti possono salvare gli oceani

La prima città galleggiante potrebbe diventare presto realtà: energeticamente autosufficiente, 100% rinnovabile e rispettosa dell’ambiente marino. Sorgerà a circa un km dalla riva all’interno di una meravigliosa laguna ...