IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Energy (R)evolution, puntare su rinnovabili ed efficienza

Energy (R)evolution, puntare su rinnovabili ed efficienza

Per lindipendenza energetica dellItalia bisogna sviluppare la green economy

Greenpeace, con il supporto tecnico dell'Istituto di Termodinamica del Centro Aerospaziale Tedesco (DLR) e la collaborazione di EREC (European Renewable Energy Council) e GWEC (Global Wind Energy Council Energy), ha presentato la versione italiana del Rapporto [R]evolution, che propone uno scenario in cui si evidenzia come l’unico modo per aumentare l'indipendenza energetica del Paese e ridurre la bolletta, che oggi ci costa circa 65 miliardi di euro l'anno, sia sviluppare le fonti rinnovabili e l'efficienza.

Lo studio presenta due possibili scenari futuri per il settore energetico nazionale: uno di riferimento, che propone l’evoluzione del settore energetico continuando a sviluppare gli indirizzi attuali e uno  “Energy [R]evolution” , presenta un percorso concreto per arrivare a  decarbonizzare l'economia italiana al 2050, portando le attuali 6,8 tonnellate di CO2 l’anno emesse da ogni italiano a 0,5.
Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia ha commentato: “Questo scenario  mostra che salvare il clima non è solo una necessità, ma anche un’opportunità da un punto di vista economico ed occupazionale. Ad oggi la sfida più importante per l’Italia è quella di semplificare le procedure autorizzative per la realizzazione di nuovi impianti di rinnovabili,dare stabilità e certezza ai meccanismi di incentivazione, facilitare l'accesso al credito. Ci sembra che non siano questi gli orientamenti dell’attuale governo, in particolare del ministro Zanonato che si è schierato al fianco delle lobby delle fossili”.

In questo scenario, grazie all'introduzione e al potenziamento di misure di efficienza energetica su vasta scala, la domanda di energia primaria diminuirà di circa il 32% fino a raggiungere i 113 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio al 2050 (167 nel 2010). Sfruttando questa consistente riduzione dei consumi, lo scenario Energy [R]evolution  prevede che il contributo delle fonti rinnovabili alla domanda di energia potrà raggiungere il 43 per cento nel 2030 e oltre l'80 per cento nel 2050.

Dall’analisi di Greenpeace emerge dunque che sia necessario ridurre i consumi aumentando l’efficienza; abbattere il consumo di fonti fossili, aumentare quello di fonti rinnovabili, facendo crescere la produzione di elettricità pulita che potrà essere utilizzata su larga scala anche per la mobilità. In questo modo si potranno creare circa 20 mila nuovi posti di lavoro diretti nel 2020 (27 mila in più rispetto allo scenario di riferimento, dove si assiste a una decrescita dei posti di lavoro).

“La rivoluzione energetica - si legge nel comunicato- è un investimento sul nostro futuro- In media, da qui al 2050 – per il solo settore elettrico – dovremo spendere 4,1 miliardi di euro in più rispetto allo scenario di riferimento; ma i risparmi della  mancata importazione di fonti fossili (senza considerare i vantaggi ambientali, climatici e sanitari e altro) garantiranno un risparmio medio annuale di 9,5 miliardi di euro”.

Greenpeace chiede al governo italiano di sostenere in sede europea l'adozione di tre nuovi obiettivi vincolanti: “almeno il 45% di energia finale prodotta da fonti rinnovabili al 2030, almeno il 55%  di riduzione delle emissioni interne di gas serra al 2030 rispetto al 1990, secondo un percorso che dovrà portare a riduzioni del 80-95% al 2050 almeno il 40%  di riduzione dei consumi attraverso misure di efficienza energetica al 2030 rispetto ai livelli del 2005”.

Greenpeace, Energy (R)evolution

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Record Costa Rica con il 99,35% di elettricit da fonti rinnovabili

Nei primi 6 mesi del 2017 in Costa Rica il fabbisogno energetico è stato soddisfatto quasi esclusivamente dalle fonti rinnovabili.     Il Costa Rica, paese dell'America Centrale situato tra Nicaragua e Panama, da ormai parecchio tempo ...

20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...

20/07/2017

Tour Marachre, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

19/07/2017

Eco materiali per edifici pi efficienti e sani

Un progetto europeo mostra il potenziale ancora non sfruttato dei materiali ecologici naturali per migliorare la qualità interna degli ambienti     Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è prioritario nelle ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Il Sud Italia brucia, i danni per lambiente forse irreparabili

Una tragedia per la biodiversità, per lo più opera di piromani, con danni ancora non quantificabili per il territorio e gravi conseguenze per l’economia e le aziende     Dal Lazio fino alla Sicilia, il Sud Italia in questi ...

13/07/2017

Cresce il comparto delle case in legno, belle ed efficienti

Nel 2015 una casa su 14 in legno, Italia al 4° posto in Europa, il made in Italy sempre più apprezzato anche all'estero     Il Centro Studi Federlegno Arredo Eventi ha presentato il 2° Rapporto Case ed Edifici in Legno che mostra ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...