IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Eolica Expo Mediterranean Expo: dalla ricerca italiana la risposta per rendere l'eolico più efficiente

Eolica Expo Mediterranean Expo: dalla ricerca italiana la risposta per rendere l'eolico più efficiente

Nella giornata conclusiva di Eolica Expo Mediterranean 2011 è stata di scena l'eccellenza della ricerca italiana, protagonista a livello mondiale nello sviluppo di nuove tecnologie per migliorare l'efficienza dei generatori e dei parchi eolici. In un convegno sull'argomento, Roberto Frassine, docente del Politecnico di Milano e presidente di Assocompositi, ha spiegato come l'introduzione di nuovi materiali compositi consentirà di realizzare turbine eoliche più grandi e più leggere, e quindi più efficienti. «In questo ambito l'Italia è all'avanguardia - ha spiega Frassino -, con numerosi centri di ricerca di assoluta eccellenza. In particolare, nel settore eolico, si sta cominciando a ipotizzare l'impiego di fibre di carbonio, in luogo della fibra di vetro, per realizzare le pale di grandi dimensioni, lunghe anche fino a 100 metri, per le turbine di nuova generazione da 10 MW di potenza e oltre». Una dimostrazione delle tecniche costruttive adottate è stata allestita al padiglione 6 della Fiera di Roma, allo stand di Assocompositi, dove nei tre giorni della fiera è stata realizzata una pala eolica di piccole dimensioni in materiali compositi.

Sempre dal Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia Aerospaziale, arriva l'annuncio di una nuova tecnologia che consente di creare modelli in scala ridotta per testare in galleria del vento le prestazioni delle grandi turbine eoliche. «Il sistema è in fase di sviluppo da oltre due anni - spiega Alessandro Croce del Politecnico di Milano - ed è stato sviluppato dal nostro dipartimento in collaborazione con l'azienda produttrice Vestas. Abbiamo superato le difficoltà tecniche per conferire ai modelli in scala esattamente le stesse caratteristiche di massa e aerodinamiche dei grandi aerogeneratori e da poco abbiamo iniziato in gallerie del vento a Milano anche i test di valutazione sui comportamenti delle turbine offshore. Poter studiare in galleria del vento gli aerogeneratori consentirà non solo di progettarli meglio, ma di testare in condizioni non pericolose tutte le situazioni limite di esercizio e anche di valutare le interferenze e le turbolenze che, in un parco eolico, si stabiliscono tra le varie turbine e riducono la produzione di energia elettrica».

«Si tratta di studi fondamentali che possono essere anche assistiti da sofisticati sistemi di raccolta e interpretazione dei dati di produzione e di esercizio - ha suggerito infine Mattia Boccolini, di GL Garrad-Hassan, gruppo specializzato nell'analisi e nella consulenza sui parchi eolici -. Secondo cifre in nostro possesso, infatti, tutte le centrali eoliche del mondo, nel 2010, hanno avuto perdite di guadagni per 500 milioni di euro a causa di inefficienze. Migliorare l'efficienza può significare, per esempio per una realtà italiana con circa 180 MW di eolico installato, un aumento degli introiti di circa 450 mila euro l'anno. Fondamentali in uno scenario in cui gli incentivi all'eolico tendono a ridursi sempre di più».

Una maggiore efficienza della tecnologia è anche un passo fondamentale per superare alcune situazioni che, in questo momento, rischiano di frenare lo sviluppo dell'eolico in Italia, a partire dalla Robin Hood Tax, introdotta dalla nuova manovra economica anche nel settore della produzione di energia. «Un danno per il settore eolico, ma anche per le stesse finanze dello Stato», è il commento dato all'unisono da diversi operatori che producono energia elettrica dal vento in Italia. «Per avere un'idea del danno - commenta Luigi De Simone di Icq Holding, società che realizza e controlla parchi eolici in tutte le regioni del Centro Sud - basti pensare che il giorno successivo all'introduzione del nuovo balzello, le società italiane del settore hanno perso sulle borse ben 5 miliardi di euro in termini di capitalizzazione. Di questi, ben 1,6 miliardi hanno riguardato imprese controllate direttamente dallo Stato, con una perdita per il Tesoro che probabilmente supera i benefici stessi della misura».

Ma il problema per le aziende del settore non è soltanto quello di pagare una nuova tassa. «La cosa peggiore - sottolinea Corrado Bacco di Edens - Edison Energie Speciali - è che mancano ancora i decreti attuativi del Decreto Legislativo 28/2011, che lo scorso marzo aveva modificato l'intero scenario delle rinnovabili in Italia, eolico compreso. La norma stabilisce che dal 2013 terminerà l'attuale sistema di incentivazione, basato sui certificati verdi, ma non definisce con chiarezza da cosa sarà rimpiazzato. Sappiamo inoltre che le concessioni per l'eolico saranno assegnate con un meccanismo ad asta, ma non è ancora chiaro come sarà strutturato. Imprese come le nostre, che programmano investimenti a lungo termine, non possono lavorare in questa situazione di incertezza». «A tutto questo si aggiunge l'incredibile frammentazione normativa - aggiunge Antonio Cammisecra di Enel Green Power - che pone scenari operativi differenti non solo da regione a regione, ma perfino a livello di territorio comunale. E poi ci sono i ritardi nelle autorizzazioni: noi alla fine di quest'anno porteremo finalmente a termine l'iter per un parco eolico che abbiamo iniziato nel 2001: ben 10 anni per avere un ok dalle autorità». «Il rischio concreto - conclude Carlo Di Primio di International Power Italia, società del gruppo Gdf-Suez - è che i gruppi che operano in Italia nell'eolico si rivolgano altrove, e abbandonino l'Italia per mirare i loro investimenti altrove».

TEMA TECNICO:

Eolico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
22/05/2017

Gruppo Lego 100% rinnovabile 3 anni prima del previsto

Dopo 4 anni e un investimento di 6 miliardi di Corone in due parchi eolici offshore, il Gruppo ha raggiunto l'ambizioso obiettivo e per festeggiare ha costruito la più grande turbina eolica fatta di mattoni       Dal 2012 la Lego ha ...

15/05/2017

Dal rinnovamento del parco eolico 6,6 miliardi di euro di risparmi entro il 2030

Benefici per i consumatori e l’ambiente dal rinnovamento del parco eolico in Italia. Senza nuovi incentivi invece la potenza eolica potrebbe scendere a 7mila MW       Nel corso del recente convegno dell’ANEV e di I-Com, Istituto ...

12/05/2017

Aggiornato il contatore rinnovabili non fotovoltaiche

Il Gestore ha pubblicato l'aggiornamento a fine marzo 2017 del contatore delle rinnovabili non fotovoltaiche, a 5,407 miliardi di euro       Il GSE ha pubblicato sul proprio sito l'aggiornamento al 31 marzo 2017 del contatore del costo ...

11/05/2017

Nuova SEN: rinnovabili e uscita dal carbone entro il 2025

Presentata dal ministro dello Sviluppo economico la bozza della nuova SEN, strategia energetica nazionale, che punta su energie rinnovabili, sostegno alle auto elettriche e uscita anticipata dal carbone.    
Il ministro dello Sviluppo ...

05/05/2017

Potenzialità del revamping e futuro delle rinnovabili

Il 24 maggio Milano ospita la presentazione della 3a edizione del Renewable Energy Report 2017, interessante occasione per fare il punto su andamento del settore e potenzialità future nel nostro paese     L'Energy&Strategy ...

04/05/2017

Eolico, nel 2016 installati + di 54 GW nel mondo

Pubblicato il nuovo rapporto dal Global Wind Energy Council che evidenzia la crescita del settore eolico, nel 2016 la capacità cumulativa è cresciuta del 12,6% toccando i  486,8 GW.       Il nuovo Rapporto ...

26/04/2017

Crescono i piccoli impianti rinnovabili

In Italia il 97,6% dell’energia elettrica prodotta dagli impianti di piccola generazione è di origine rinnovabile, il fotovoltaico batte tutti     L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico ...

21/04/2017

Qual è il potenziale dell’eolico italiano per raggiungere il target 2030 per il clima?

Uno studio a firma Anev fornisce uno strumento utile alla definizione di un piano energetico nazionale considerando il potenziale dell’eolico nazionale       Anev ha realizzato uno studio dedicato al ruolo dell’eolico on-shore e ...