IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Eolico made in Usa

Eolico made in Usa

Stando ai dati di un'analisi condotta dalla squadra del professor Michael B. McElroy, "Un sistema di turbine da 2,5 megawatt di potenza - distribuito sul territorio degli Stati Uniti in aree non forestali, non urbane e senza ghiacci - che operino ad appena un quinto della loro capacità basterebbe per produrre un quantitativo di energia sufficiente a coprire il fabbisogno globale".  E il quantitativo di energia prodotto sarebbe pari a oltre 40 volte il consumo globale corrente di elettricità, oltre cinque volte il consumo globale di energia in tutte le sue forme.
Sorprendente, questo risultato di un'analisi condotta dalla squadra di Michael B. McElroy, docente alla School of Engineering and Applied Sciences della prestigiosa Harvard University di Boston. Lo studio statunitense - fresco di pubblicazione sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze "Pnas", e firmato anche dai ricercatori Xi-Lu e Juha Kiviluoma - non è passato inosservato nel panorama scientifico contemporaneo.
Ma partiamo dall'inizio. Dal titolo della ricerca: "Global Potential for Wind-generated Electricity". È la potenza del vento, la protagonista dell'interessante studio messo a punto dall'équipe di McElroy, che dimostra come l'umanità potrebbe vivere usufruendo soltanto della potenza del vento. Non più petrolio, scorie e centrali nucleari, ma vento. Punto.
Il metodo di calcolo utilizzato? Grazie a una serie di simulazioni dei campi di vento attraverso i dati forniti dal sistema Goddard Earth Observing System Data Assimilation System, denominato GEOS-5 DAS, gli esperti hanno calcolato la quantità di elettricità potenzialmente prodotta dalle turbine - sulla base della velocità dei venti, della densità dell'aria, della distanza tra le turbine e della dimensione delle eliche - in alcune aree del mondo, ciascuna di circa 3.300 chilometri quadrati.
E il risultato, appunto, recita che una rete di turbine da 2,5 megawatt di potenza, distribuite sul territorio americano in pieno rispetto dell'ambiente e attive al 20% della loro capacità, sarebbe sufficiente per coprire il fabbisogno globale. Ma non solo.
I ricercatori fanno sapere che da questo utilizzo addirittura avanzerebbe una quantità di energia, e ciò potrebbe automaticamente far diminuirne il prezzo, ottimizzando in tal modo le tecnologie ecologiche, come - ad esempio - la produzione di vetture elettriche. Addio benzina e diesel, insomma.
Al giorno d'oggi l'eolico equivale al 42% di tutta la nuova capacità elettrica installata negli Stati Uniti lo scorso anno. È dunque minimo, rispetto alla produzione elettrica complessiva, l'utilizzo della fonte rinnovabile eolica. Una risorsa enorme e non inquinante, una ricchezza tale che potrebbe rifornire di energia elettrica il globo se solo si applicassero le conclusioni dell'indagine scientifica di Mister McElroy.
 
Fonte www.fastweb.it  

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
28/07/2017

Con l'eolico si risparmia acqua e si fa bene all'ambiente

L'eolico negli ultimi 10 anni ha permesso di risparmiare 110 milioni di metri cubi d’acqua, risorsa preziosa ma esauribile.     Cambiamenti climatici, eccessivo consumo del suolo e interventi invasivi hanno portato a una crisi ecologica ...

27/07/2017

Il gruppo Caleffi acquisisce rubinetterie Cristina

Il Gruppo Caleffi, specializzato nella componentistica per impianti di riscaldamento, condizionamento e idrosanitari, annuncia l'acquisizione di Cristina, azienda che produce rubinetteria di alta qualità     Il Gruppo Caleffi cresce ...

26/07/2017

Rinnovabili non fotovoltaiche, on line il bollettino GSE

Pubblicato il documento con l'aggiornamento al 31 dicembre 2016 sui meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili diversi dal fotovoltaico.        Il GSE ha pubblicato sul proprio sito il ...

25/07/2017

Allarme Assoclima per il mercato delle pompe di calore

L'improvviso aumento dei prezzi di alcuni gas refrigeranti HFC utilizzati per il funzionamento di climatizzatori e pompe di calore rischia di mettere in ginocchio il settore     L’industria dei sistemi di climatizzazione da molto tempo si ...

25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilit con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

24/07/2017

Partnership per progetti di eco-innovazione ed efficienza

ENEA ed Environment Park hanno firmato un protocollo d'intesa con l'obiettivo di realizzare iniziative congiunte a sostegno di energia, ambiente ed efficienza energetica      I Presidenti dell’ENEA Federico Testa e di Environment ...

21/07/2017

Record Costa Rica con il 99,35% di elettricit da fonti rinnovabili

Nei primi 6 mesi del 2017 in Costa Rica il fabbisogno energetico è stato soddisfatto quasi esclusivamente dalle fonti rinnovabili.     Il Costa Rica, paese dell'America Centrale situato tra Nicaragua e Panama, da ormai parecchio tempo ...

20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...