IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > EPDItaly® per la valutazione ambientale della sostenibilità dei prodotti

EPDItaly® per la valutazione ambientale della sostenibilità dei prodotti

La dichiarazione ambientale di prodotto certifica la sostenibilità ambientale di un prodotto aumentandone il valore per stakeholders e consumatori

 

 EPDItaly per la valutazione ambientale della sostenibilità dei prodotti

 

Nel settore edile è sempre più importante l’attenzione alla sostenibilità ambientale, non solo in termini di diminuzione dei consumi ma anche considerando l’impatto dei prodotti e dei materiali utilizzati, perché anche questi possono impattare sull’ambiente e sulla nostra salubrità.

Si tratta di una transizione che sta coinvolgendo tutto il mondo occidentale ma con una crescita di interesse anche in paesi come Cina o India.


Tra i sistemi a disposizione di professionisti e utenti per conoscere le caratteristiche ambientali dei prodotti e dei processi produttivi arriva anche in Italia l’EPD (Environmental Product Declaration), la Dichiarazione ambientale di prodotto, con cui si comunicano informazioni oggettive in accordo con le norme ISO 14040, confrontabili e credibili, relative alla prestazione ambientale di prodotti e servizi, considerando l'analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment - LCA).


La Dichiarazione ambientale di prodotto certifica in maniera trasparente una serie di prestazioni tra cui il consumo di risorse rinnovabili e non rinnovabili, secondarie e idriche; la produzione di rifiuti; la riduzione dello strato di ozono; l’acidificazione o l’eutrofizzazione.
Dotarsi di una certificazione EPD assicura una crescita del valore dei propri prodotti, garantita perché si tratta di una valutazione realizzata da un soggetto terzo indipendente accreditato, il che non può che confermare la veridicità e credibilità dei dati contenuti.


I prodotti certificati EPD rispondono alle richieste della nuova normativa sugli appalti pubblici relativamente ai CAM (Criteri ambientali minimi) e possono partecipare a molti sistemi di rating nazionali e internazionali quali Leed, Breeam, Hqe o Dngb, che incoraggiano e premiano la valutazione del ciclo di vita completo dell’edificio e l’utilizzo di prodotti che possiedono una EPD.

 

In Italia l’ente unico di accreditamento nazionale Accredia ha recentemente riconosciuto la nascita del Program Operator EPDItaly®, secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17065 Conformity assessment - Requirements for bodies certifying products, processes and services.
Lo schema italiano EPDItaly permette di adottare regole comuni e sotto accreditamento, che assicurino la correttezza e l’uniformità delle valutazioni eseguite, aspetto molto importante per le Stazioni Appaltanti che devono far rispettare i requisiti di cui al DM 11/01/2017 (CAM) per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, così come per le opere di ristrutturazione e manutenzione di edifici.

 

Grazie a una serie di accordi realizzati da ICMQ, l’istituto promotore di EPDItaly®, con alcuni dei maggiori enti di certificazione europei, un produttore italiano può usare la EPDItaly® in tutti gli schemi di rating esistenti presso questi Paesi; la certificazione diviene dunque anche uno strumento per promuovere la qualità del Made in Italy.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/11/2017

COP23: piccoli progressi per l’attuazione degli accordi di Parigi

Poco di fatto alla Conferenza mondiale sul clima, al di là di un avvio delle procedure di revisione dei target di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra fissati nel 2015     Si è conclusa la COP23, conferenza ...

20/11/2017

Italia al 16° posto per emissioni CO2

Presentato il Rapporto annuale di Germanwatch che evidenzia che a livello europeo si fanno ancora troppo pochi sforzi per limitare le emissioni, in accordo con quanto previsto dalla COP21 di Parigi     Il Rapporto annuale di Germanwatch ...

17/11/2017

Cresce la domanda di immobili efficienti

Un'analisi di immobiliare.it rileva che gli italiani sempre più cercano abitazioni in classe energetica medio alta che ad oggi sono il 23,5% degli immobili in vendita.     In questi anni il settore della riqualificazione energetica ha dato ...

17/11/2017

Dalla metropolitana riscaldamento invernale e raffrescamento estivo

A Torino inaugurato nell'ambito del progetto Enertun un prototipo di galleria energetica che permette di di scambiare calore con il terreno adiacente alla metropolitana e riscaldare le abitazioni   Al via un progetto unico e innovativo in Italia ...

16/11/2017

Il sistema energetico globale verso le rinnovabili

Scenario IEA al 2040, crescono le energie rinnovabili, cala il carbone, il petrolio ha ancora un ruolo importante.       IEA - International Energy Agency - ha pubblicato il World Energy Outlook 2017 focalizzato su 4 principali cambiamenti ...

15/11/2017

Bando in Europa da 212,5 milioni di euro per progetti su energie rinnovabili

L'unione Europea ha aperto un bando che mette a disposizione 212,5 milioni di euro per progetti destinati alla promozione delle enrgie rinnovabili sui territori.     Il bando rientra nel programma Horizon 2020 per il biennio 2018-2020 e prevede ...

15/11/2017

Nuove miscele di combustibili rinnovabili per il trasporto aereo

Il progetto europeo JETSCREEN prevede una piattaforma di screening e ottimizzazione per comprendere vantaggi e possibili rischi dei nuovi combustibili rinnovabili   Il mondo delle rinnovabili coinvolge sempre di più i trasporti, ...

14/11/2017

Numeri in crescita per Ecomondo e Key Energy

4 giornate, più di 116.000 visitatori, al centro dei lavori green e circular economy, fotovoltaico, eolico e mobilità sostenibile      Dopo 4 giorni di manifestazione si sono conclusi con numeri positivi Ecomondo e Key ...