IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > EPDItaly® per la valutazione ambientale della sostenibilità dei prodotti

EPDItaly® per la valutazione ambientale della sostenibilità dei prodotti

La dichiarazione ambientale di prodotto certifica la sostenibilità ambientale di un prodotto aumentandone il valore per stakeholders e consumatori

 

 EPDItaly per la valutazione ambientale della sostenibilità dei prodotti

 

Nel settore edile è sempre più importante l’attenzione alla sostenibilità ambientale, non solo in termini di diminuzione dei consumi ma anche considerando l’impatto dei prodotti e dei materiali utilizzati, perché anche questi possono impattare sull’ambiente e sulla nostra salubrità.

Si tratta di una transizione che sta coinvolgendo tutto il mondo occidentale ma con una crescita di interesse anche in paesi come Cina o India.


Tra i sistemi a disposizione di professionisti e utenti per conoscere le caratteristiche ambientali dei prodotti e dei processi produttivi arriva anche in Italia l’EPD (Environmental Product Declaration), la Dichiarazione ambientale di prodotto, con cui si comunicano informazioni oggettive in accordo con le norme ISO 14040, confrontabili e credibili, relative alla prestazione ambientale di prodotti e servizi, considerando l'analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment - LCA).


La Dichiarazione ambientale di prodotto certifica in maniera trasparente una serie di prestazioni tra cui il consumo di risorse rinnovabili e non rinnovabili, secondarie e idriche; la produzione di rifiuti; la riduzione dello strato di ozono; l’acidificazione o l’eutrofizzazione.
Dotarsi di una certificazione EPD assicura una crescita del valore dei propri prodotti, garantita perché si tratta di una valutazione realizzata da un soggetto terzo indipendente accreditato, il che non può che confermare la veridicità e credibilità dei dati contenuti.


I prodotti certificati EPD rispondono alle richieste della nuova normativa sugli appalti pubblici relativamente ai CAM (Criteri ambientali minimi) e possono partecipare a molti sistemi di rating nazionali e internazionali quali Leed, Breeam, Hqe o Dngb, che incoraggiano e premiano la valutazione del ciclo di vita completo dell’edificio e l’utilizzo di prodotti che possiedono una EPD.

 

In Italia l’ente unico di accreditamento nazionale Accredia ha recentemente riconosciuto la nascita del Program Operator EPDItaly®, secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17065 Conformity assessment - Requirements for bodies certifying products, processes and services.
Lo schema italiano EPDItaly permette di adottare regole comuni e sotto accreditamento, che assicurino la correttezza e l’uniformità delle valutazioni eseguite, aspetto molto importante per le Stazioni Appaltanti che devono far rispettare i requisiti di cui al DM 11/01/2017 (CAM) per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, così come per le opere di ristrutturazione e manutenzione di edifici.

 

Grazie a una serie di accordi realizzati da ICMQ, l’istituto promotore di EPDItaly®, con alcuni dei maggiori enti di certificazione europei, un produttore italiano può usare la EPDItaly® in tutti gli schemi di rating esistenti presso questi Paesi; la certificazione diviene dunque anche uno strumento per promuovere la qualità del Made in Italy.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/02/2018

In calo le rinnovabili a gennaio, tranne l'eolico

Scende a gennaio la domanda di elettricità in Italia, non bene le rinnovabili che comunque mantengono la produzione ai livelli di gennaio 2017. In forte crescita l'import 

Nel mese di gennaio 2018, secondo quanto rilevato da ...

19/02/2018

Interventi di rigenerazione urbana in Emilia

La Regione ha firmato un accordo con Fondazione sviluppo sostenibile per la riqualificazione efficiente delle aree urbane      Per contrastare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento è necessario pianificare precisi ...

07/02/2018

I temi su cui costruire l’edilizia del futuro

Decarbonizzazione, digitalizzazione e industrializzazione del settore delle costruzioni: al via la Call for Speakers di REbuild 2018    REbuild è diventato in questi anni un importante momento di incontro e confronto tra i principali ...

06/02/2018

Il condominio efficiente e sostenibile? Si può

Legambiente ha presentato la nuova campagna CIVICO 5.0 dedicata all’efficienza energetica e alla sharing economy in condominio.   Come sappiamo in Italia il mercato della riqualificazione sta trainando il settore dell’edilizia, che ha ...

05/02/2018

Nel 2017 dalle rinnovabili più elettricità che dal carbone

In Europa lo scorso anno prodotta più energia da fotovoltaico, eolico e biomasse che dal carbone. Le emissioni di gas serra sono leggermente aumentate     Un recente Rapporto pubblicato dai due tink tank Agora Energiewende e Sandbag, ...

02/02/2018

Il tessuto che migliora la qualità dell'aria e riduce l'inquinamento

The Breath è un'innovativa tecnologia sviluppata dalla startup Anemotech e distribuita da Engie, in grado di migliorare la qualità dell'aria riducendo l'inquinamento, sia negli ambienti chiusi che in quelli ...

01/02/2018

Come si (ri) costruiscono città eque e sostenibili

La New York City High Line è una vecchia linea merci sopraelevata. Completamente ristrutturata è solo uno degli ultimi esempi di come sia possibile ricostruire interi quartieri o città eque e sostenibili.       Spesso ...

30/01/2018

L'UE investe 873 milioni di euro in progetti per infrastrutture in energia pulita

Approvati dei finanziamentio per garantire lo sviluppo di un'infrastruttura energetica adeguata in Europa, fondamentale per lo sviluppo delle rinnovabili e per il miglioramento della sicurezza dell'approvvigionamento ...