IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > European Regions Day, Energy Summit delle regioni europee

European Regions Day, Energy Summit delle regioni europee

L'Assemblea delle Regioni d'Europa (ARE) e GE Energy hanno presentato lo European Regions Energy Day, un'iniziativa congiunta che si propone di analizzare le sfide energetiche attualmente affrontate dalle regioni europee e di promuoverne possibili soluzioni.
Lo European Regions Energy Day si svolgerà con cadenza annuale a Bruxelles a partire dalla fine del mese di aprile 2010. Il summit intende fornire risposte locali alle sfide energetiche, gettando le basi del futuro dell'energia a livello regionale per le prossime generazioni. Efficienza economica, sicurezza degli approvvigionamenti e rispetto dell'ambiente rappresentano le sfide principali alle quali le regioni europee devono fare fronte, considerando il loro ruolo chiave nella scelta delle soluzioni da implementare sul loro territorio. 
Collaborando a stretto contatto con GE Energy - riconosciuto player europeo e globale - l'Assemblea delle Regioni d'Europa mette a disposizione dei responsabili decisionali che operano sul territorio un rilevante bagaglio di competenze e know how dei più noti esperti di energia. L'obiettivo è duplice: da un lato supportare gli sforzi energetici e la strategia ambientale dell'Unione Europea, dall'altro agevolare la creazione di un centro di riferimento che riunisca competenze e valuti soluzioni in campo energetico per le regioni di tutta Europa.
Ogni anno questo summit sancirà la conclusione delle attività condotte dall'ARE in campo energetico nei dodici mesi precedenti, informando tutti gli interlocutori coinvolti rispetto alle soluzioni politiche sviluppate in occasione di seminari e studi. Nel 2009 l'ARE condurrà quattro studi di questo tipo mirati alla valutazione delle tematiche energetiche che riguardano le regioni ospitanti e alla conseguente identificazione di raccomandazioni per il miglioramento. Allo European Regions Energy Summit, tecnici specializzati, fra cui gli esperti di GE Energy, e decision maker analizzeranno le diverse risposte emerse in fase di studio e elaborando quindi proposte concrete a supporto di soluzioni tecnologiche in campo energetico.
L'ARE opera da anni al fine di promuovere il ruolo di istituzioni locali e regionali in tema di energia e di rispetto dell'ambiente. Sono ben 86 le regioni aderenti all'ARE che hanno firmato la dichiarazione ARE - FEDARENE (European Federation of Regional Energy and Environment Agencies), uno strumento strategico che mira a trasformare i grandi obiettivi energetici in azioni più specifiche coinvolgendo attivamente le regioni nel perseguimento di target misurabili. Lo European Regions Energy Summit fornirà ai membri firmatari le adeguate raccomandazioni per raggiungere i loro specifici obiettivi.
L'ARE non ha limitato il proprio raggio di azione ai territori europei; in qualità di partner di un progetto condotto con l'UNDP ispirato a un approccio di collaborazione decentralizzata, i membri dell'ARE operano al fine di sostenere le regioni nella lotta quotidiana al cambiamento climatico e alle relative problematiche energetiche. Lo European Regions Energy Summit sarà quindi aperto anche alle zone a sud del globo per metterle in contatto con le regioni europee.
Agendo da intermediario fra autorità europee e consumatori, le regioni dispongono oggi di poteri decisionali che consentono di affrontare gli attuali problemi di natura economica e geo-politica.
"GE Energy è un partner naturale per l'ARE, in quanto operatore europeo di rilievo, dotato dell'esperienza necessaria su un ampio ventaglio di tematiche energetiche affrontate dalle regioni di tutta Europa. GE dispone inoltre di un portafoglio completo di soluzioni per l'energia e le infrastrutture che le consente di proporre raccomandazioni adeguate basate sulle soluzioni tecnologiche attualmente disponibili in questo campo - che si tratti di carbone, petrolio, fonti pulite, gas naturale o energia nucleare. Senza tralasciare l'integrità che contraddistingue questa azienda, un valore essenziale nel campo delle collaborazioni con gli enti istituzionali", ha affermato Michèle Sabban, Presidente dell'ARE.
A riprova degli investimenti che istituzioni locali e regionali hanno dedicato al settore energetico, lo scorso mese di marzo l'Unione Europea ha adottato il programma "Intelligent Energy - Europe 2009" (Energia Intelligente - Europa 2009). In previsione di progetti di co-finanziamento mirati a favorire l'efficienza energetica, le energie "verdi" e il trasporto pulito, questa iniziativa ha destinato oltre 96 milioni di euro a comuni e regioni, di cui 15 milioni sono stati impiegati a supporto di progetti locali. Obiettivo fondamentale di questo programma è "la rimozione delle barriere di accesso ai mercati, la trasformazione dei comportamenti e la creazione di un ambiente commerciale favorevole sul piano dell'efficienza energetica e del mercato dell'energia pulita".
"Questo summit rappresenta un'azione concreta per l'ARE, che già nel 2006 aveva sottoscritto una "dichiarazione delle regioni d'Europa sull'efficienza energetica e sullo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile" con l'intento di definire i primi obiettivi quantitativi in materia di sviluppo sostenibile ed efficienza energetica", ha concluso Michèle Sabban, Presidente dell'ARE.

Il programma completo dello European Energy Summit sarà disponibile a breve sul sito dell'ARE all'indirizzo www.aer.eu

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/06/2018

In che modo l'evoluzione del sistema energetico influenzer l'esigenza di stoccaggio di energia?

L'Associazione europea per lo stoccaggio dell'energia (EASE) ha pubblicato uno studio che stima la capacità di stoccaggio necessaria per consentire all'Europa di raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione.     Pubblicato da ...

12/06/2018

L'italia pu arrivare al 59% di elettricit da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

11/06/2018

Gli effetti dell'economia circolare per la sostenibilit ambientale

Un innovativo studio evidenzia che l'economia circolare potrebbe consentire di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C e ridurre le emissioni industriali dell'UE di oltre la metà entro il 2050     La ricerca ...

06/06/2018

A che punto la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il ...

06/06/2018

Passivhaus Days 2018

Un'iniziativa che si svolge in tutta Europa che ha l'obiettivo di far conoscere a progettisti e utenti un nuovo modo di costruire e abitare, secondo il protocollo costruttivo Passivhaus.     Dall'8 al 10 giugno committenti e ...

05/06/2018

Approvate le norme sulla diminuzione dell'inquinamento

Approvato dal CDM del 29 maggio il decreto legislativo che promuove il raggiungimento di livelli di qualità dell’aria che non creino problemi alla salute e all'ambiente     Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso ...

05/06/2018

REBUILD 2018, linnovazione radicale

Per decarbonizzare l’edilizia la strada è ancora lunga. Ma REbuild 2018 ha dimostrato, esperienze alla mano, che si può fare. Ma occorre vincere ancora numerose resistenze, che non appartengono solo al settore delle costruzioni del nostro ...

01/06/2018

5 giugno, giornata mondiale dellambiente

La Giornata mondiale dell'ambiente organizzata ogni anno delle Nazioni Unite il 5 giugno, vuole incoraggiare la consapevolezza e l'azione a livello mondiale per la protezione dell'ambiente     Come ogni anno dal 1972 il 5 giugno è la ...