IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Fonti rinnovabili, audizione Anci alla Camera: il ruolo dei Comuni e le osservazioni sul quadro normativo vigente

Fonti rinnovabili, audizione Anci alla Camera: il ruolo dei Comuni e le osservazioni sul quadro normativo vigente

"Il ruolo delle città ha un'importanza cruciale nel conseguimento della qualità della vita dei cittadini e in obiettivi come la mitigazione del cambiamento climatico, il risparmio energetico, la mobilità sostenibile, la produzione di energia da fonti rinnovabili, la spinta allo sviluppo verde delle nuove tecnologie mediante l'utilizzo esteso delle ICT". Così Alessandro Bolis, vice sindaco del Comune di Carmignano di Brenta e membro dell'Ufficio di Presidenza Anci parlando a margine dell'audizione presso l'VIII Commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera per un'indagine conoscitiva sulle politiche ambientali e in particolare in relazione alla produzione di energia da fonti rinnovabili. Nel documento sintetico presentato in audizione, accanto alle principali linee strategiche e di intervento portate avanti per i Comuni a favore delle politiche di sviluppo, energetiche ed ambientali, l'Anci ha illustrato alcune osservazioni sul quadro normativo vigente, in particolare sul decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/28/CE approvato il 3 marzo 2011, evidenziando anche alcune questioni aperte dal punto di vista normativo e attuativo. Come evidenziato nel documento "con l'acuirsi della crisi economica su scala nazionale, l'Anci ha sottolineato più volte al Governo la necessità di introdurre tra le deroghe già previste all'applicazione di sanzioni in caso di mancato rispetto del Patto di Stabilità anche quella inerente i diversi proventi e incentivi percepibili dagli enti locali tramite l'utilizzo di fonti rinnovabili ed efficientamento energetico. Tale deroga - precisa l'Associazione dei Comuni - si ritiene tanto più urgente quanto in linea agli impegni cogenti imposti ai diversi Stati Membri dalla nuova direttiva comunitaria 2009/28/CE e agli obiettivi stabiliti di sostegno alle azioni di sviluppo nazionali e regionali, di scambio di migliori prassi tra iniziative di sviluppo locali e regionali in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili, di stimolo alla produzione decentrata e al ricorso di fondi strutturali". "Tra le questioni aperte - ha chiarito Bolis in audizione - l'Anci ha sottolineato l'importanza di un celere coinvolgimento degli enti locali nei prossimi momenti attuativi previsti dall'attuale quadro normativo, soprattutto in relazione alle fonti rinnovabili come l'eolico, le biomasse, l'idroelettrico e il fotovoltaico, settore che - ha ribadito il vice sindaco - è stato oggetto di una revisione in corso d'opera che secondo l'Anci ha penalizzato gli investimenti già programmati disincentivando pesantemente il meccanismo dell'apertura di credito". Secondo Bolis "si ritiene dunque necessaria una maggiore incisività dell'azione di tutti i soggetti preposti all'attuazione delle procedure tecniche". Infine, nell'ultima parte del documento presentato in audizione si evidenziano alcuni dati sulla diffusione e l'utilizzo delle fonti rinnovabili nei Comuni. Come si evince dal Rapporto Comuni Rinnovabili 2011 di Legambiente si registra una crescita molto significativa degli impianti per la produzione di energia da fonte rinnovabile installati nel complesso del territorio italiano: "in 7.661 Comuni (il 94% del totale) è presente almeno un impianto mentre nel 2010 se ne contavano 6.993 e  nel 2009 5.580". Altri risultati interessanti si evincono dai dati contenuti nell'Atlante dei Piccoli Comuni 2011 dell'Anci curato dalla Fondazione IFEL: "è soprattutto nei piccoli Comuni che si rileva il maggior numero di impianti da fonte rinnovabile. Tale valore è in costante crescita, indice di come in questi Comuni vi sia una grande attenzione a tali tematiche. La fonte di energia rinnovabile maggiormente diffusa nei piccoli Comuni è il fotovoltaico, seguono il mini idro elettrico e l'eolico".
 
Scarica il documento ANCI Audizione fonti rinnovabili 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia