IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Fotovoltaico: depositati emendamenti spalma incentivi. Nuovo allarme Associazioni

Fotovoltaico: depositati emendamenti spalma incentivi. Nuovo allarme Associazioni

Inseriti tre scaglioni per la rimodulazione incentivi al fotovoltaico dalle Commissioni Industria e Ambiente. Sempre più critiche le associazioni

Le Commissioni Industria e Ambiente del Senato, hanno depositato una serie di emendamenti al testo di legge del Decreto Competitività, che potrebbe arrivare in Aula già questo pomeriggio.
Sullo "spalma-incentivi" per il fotovoltaico (art. 26), sono state presentate proposte di modifica da Massimo Mucchetti del Partito democratico e Giuseppe Marinello del Nuovo Centro Destra.

Agli operatori vengono offerte tre possibilità rispetto alla rimodulazione degli incentivi per l’energia prodotta dagli impianti di potenza nominale superiore a 200kW. L’operatore dovrà comunicare la scelta al GSE entro il 30 novembre 2014:

  • 1) Incentivo erogato per un periodo di 24 anni (invece che 20) a partire dall’entrata in esercizio degli impianti, ricalcolandolo secondo una precisa percentuale di riduzione;
  • 2) Mantenere il periodo di erogazione di 20 anni ma rimodulare la tariffa  prevedendo un primo periodo con incentivo ridotto rispetto all’attuale e un secondo periodo di incentivo incrementato nella stessa misura. Le percentuali di rimodulazione devono essere stabilite con decreto del  Mise, da emanare entro il 1 ottobre 2014,e devono garantire - in caso di adesione di tutti gli aventi diritto all'opzione - un risparmio di 600 milioni di euro l'anno per il periodo 2015-2019, rispetto all’erogazione prevista con le tariffe vigenti;
  • 3) Lasciare il periodo di erogazione di 20 anni ma ridurre la tariffa per la durata del periodo di incentivazione in percentuale a seconda della potenza degli impianti: 6% per gli impianti tra 200 e 500 kW; dell'8% fino a 900 kW e del 10% per gli impiantio di potenza nominale superiore a 900kW.

Nel caso in cui gli operatori non comunichino, entro il 30 novembre prossimo, la loro scelta al Gse, sarà automaticamente applicata quest’ultima opzione.

 

Viene confermato che il Gse - a partire dal secondo semestre 2014 - erogherà le tariffe incentivanti con rate mensili costanti pari al 90% della producibilità media annua stimata per ciascun impianto, ed effettuerà il conguaglio, in relazione alla produzione effettiva, entro il 30 giugno dell'anno successivo.  Entro 15 giorni dalla pubblicazione del decreto il GSE stabilirà le modalità operative che verranno poi approvate con decreto del MISE.

Un'altra novità riguarda la possibilità per i soggetti beneficiari di incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di cedere una quota di detti incentivi, fino a un massimo dell'80%, ad un acquirente selezionato tra i primari operatori finanziari europei, che subentrerà ai soggetti beneficiari nei diritti di percepire gli incentivi pluriennali, salva la possibilità riconosciuta all’Autorità di acquisire i diritti a percepire gli incentivi "a fronte della corresponsione di un importo pari alla rata annua costante, calcolata sulla base di un tasso d'interesse corrispondente all'ammortamento finanziario del costo sostenuto per l'acquisto dei diritti".

L'Autorità entro 90 giorni dall’entrata in vigore della Legge dovrà stabilire:

  • le modalità di selezione dell'acquirente, tramite un'asta competitiva;
  • l'importo minimo, non inferiore a 30 miliardi, che l'acquirente rende disponibile per l'acquisto di quote di incentivi;
  • le condizioni e le modalità di riscossione da parte dell’acquirente delle quote di incentivi acquistati;
  • i criteri per determinare la quota annuale costante di incentivi che può essere oggetto di cessione;
  • per ciascuna asta le procedure di partecipazione, il tasso di sconto minimo e l’importo massimo destinato all’acquisto di quote di incentivi pluriennali

Molto critiche le Associazioni. assoRinnovabili e Anie Rinnovabili in un documento congiunto esprimono preoccupazione e disappunto di fronte a quanto emerge dalle Commissioni Industria e Ambiente del Senato riguardo all’articolo 26 del decreto spalma-incentivi con le percentuali di rimodulazione delle tariffe dal 1 gennaio 2015.  “Se possibile, si legge nel comunicato, si sta producendo un provvedimento che è ancora peggiore rispetto a quanto era stato finora ipotizzato. Ribadiamo con forza che gli interventi retroattivi sulle tariffe incentivanti dell’elettricità prodotta da impianti fotovoltaici non solo sono gravemente dannosi per l’economia del settore e di tutto il Paese, ma rappresentano un grave vulnus del sistema democratico perché di fatto rendono carta straccia degli accordi già sottoscritti tra lo Stato e le sue imprese”.
Le Associazioni lamentano di non essere state ascoltate dal Governo che ha ignorato le varie proposte fatte da Confindustria, assoRinnovabili e ANIE Rinnovabili. L’Esecutivo - sottolinea il comunicato – pur facendo generica propaganda a sostegno delle rinnovabili, di fatto sta affossando un intero settore con questo provvedimento, proprio in un momento storico e politico in cui il rischio energetico è quanto mai elevato.
“Ci appelliamo al Presidente Renzi, che in campagna elettorale aveva parlato della green economy come “strumento essenziale per far ripartire il Paese”. La pensa ancora così?. Chiediamo che l’articolo venga stralciato e che si attivi da subito un tavolo tecnico che ripristini la certezza del diritto nazionale e internazionale e la credibilità del Paese nei confronti degli investitori italiani e stranieri".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Fotovoltaico e grid parity, ci siamo!

Quali sono le opportunità che oggi offre il settore fotovoltaico anche in termini di impianti industriali? Qual è lo scenario possibile per i prossimi anni? Quanto è vicina la grid parity?     Si è svolto a Milano PV ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

17/07/2017

Il GSE sospende gli effetti delle verifiche per impianti fv non certificati

Per gli impianti fotovoltaici di potenza compresa tra 1 e 3 kW, il GSE ha sospeso gli effetti dei provvedimenti di verifica, in attesa del completamento dell’iter parlamentare del DDL “Legge annuale per il mercato e la ...

11/07/2017

Nei prossimi 4 anni 2GW di nuovi impianti per il fotovoltaico italiano

Le fonti rinnovabili sul mix energetico in Italia oggi hanno raggiunto quota 38.5%. Il fotovoltaico italiano nella top 5 mondiale per base installata. Quanto è vicina la grid parity?   A cura di Damiano Cavallaro - Energy&Strategy ...

10/07/2017

Le rinnovabili tornano a crescere: +66% nei primi 5 mesi del 2017

Grazie agli impianti di grande taglia le FER nel periodo gennaio/maggio raggiungono 432 MW. L’Osservatorio Anie Rinnovabili    
Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto Osservatorio sulle energie rinnovabili elaborato su dati ...

04/07/2017

Finestre intelligenti per il risparmio fino al 40% dei costi in bolletta

Le finestre solari aumentano l'illuminazione, regolano il raffrescamento e il riscaldamento e permettono di risparmiare fino al 40% in costi energetici dell'edificio medio.  
Gli ingegneri dell’Università di Princeton hanno messo a ...

30/06/2017

E' pronto l'Apple Park, megacampus futuristico e sostenibile

Apple Park è un centro di innovazione, in cui convivono spazi di lavoro e parchi, massima luminosità, rinnovabili ed efficienza energetica.      I primi dipendenti hanno già traslocato nella nuovo campus Apple Park, ...

30/06/2017

Fotovoltaico sempre più vicino alla grid parity

SMA Italia e Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano presentano una giornata dedicata al futuro del fotovoltaico in Italia, sempre più competitivo con le fonti fossili        Il mercato energetico sta ...