IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Sempre più vicina l’integrazione delle rinnovabili nei sistemi di energia

Sempre più vicina l’integrazione delle rinnovabili nei sistemi di energia

Crescita esplosiva per fotovoltaico ed eolico, servono nuove tecnologie e quadri politici certi per aumentare la penetrazione delle fonti di energia rinnovabile

 

Le fonti rinnovabili, tra cui l’idroelettrico, rappresentano più del 30% della capacità globale di generazione di energia elettrica e il 23% della produzione totale di energia elettrica a livello mondiale.
Negli ultimi 10 anni l’eolico e il solare fotovoltaico hanno vissuto una crescita media annua esplosiva, rispettivamente, del 23% e 50%, anche se il loro contributo combinato alla fornitura di energia elettrica globale è attualmente solo il 4%.

E’ quanto emerge dal nuovo rapporto del World Energy Council "Variable Renewables Integration in Electricity Systems 2016 - How to get it right" pubblicato il 20 settembre e realizzato in collaborazione con il CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano). Il Rapporto analizza 32 casi studio su nazioni che rappresentano circa il 90% della capacità eolica e fotovoltaica installata in tutto il mondo.

 

Energie rinnovabili nel sistema energetico mondiale: crescita di capacità di potenza mondiale e produzione di energia per fonte 2004-2014

 

Il Rapporto è stato presentato in vista del 23° Congresso Mondiale dell'Energia che si terrà tra il 10-13 Ottobre a Istanbul. Il tema delle energie rinnovabili nel mix energetico globale e il modo in cui queste contribuiranno ad accelerare la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio è uno dei focus del primo giorno del Congresso.


Nel 2015 si legge nel documento sono stati investiti 286 miliardi di dollari in 154GW di nuova capacità rinnovabile (76% in eolico e fotovoltaico), superando di gran lunga l'investimento nella produzione convenzionale, pari a 97 GW. C’è stato uno spostamento degli investimenti verso i paesi emergenti, la Cina da sola rappresenta il 36% degli investimenti in energie rinnovabili. Nel 2015 164 paesi del mondo hanno previsto politiche di supporto per le rinnovabili, 95 di questi sono in via di sviluppo, nel 2005 erano 15.

 

L’esempio dell’Unione Europea evidenzia le conseguenze delle riduzioni delle sovvenzioni a sostegno delle rinnovabili, basti pensare che la percentuale di solare globale dell'UE
sulla capacità installata è scesa nel corso degli ultimi quattro anni dal 75% al 41%, la quota di vento dal 41% al 33%.

 

Christoph Frei, segretario generale, World Energy Council, ha commentato che la transizione energetica è ormai un dato di fatto, è iniziato un processo che non si fermerà, ma perché questa transizione abbia successo e siano soddisfatti gli obiettivi stabiliti dalla COP21 di Parigi, è necessaria "l'implementazione di politiche tecnicamente ed economicamente stabili, sostenute da segnali chiari di prezzo sulle emissioni di CO2.
Alessandro Clerici, presidente Renewable Energy Sources Integration in Electricity Systems knowledge network, ha sottolineato che le tecnologie e le politiche appropriate, tra cui la regolamentazione e la progettazione del mercato, giocano un ruolo fondamentale sia nello sviluppo delle energie rinnovabili variabili sia nella loro efficace integrazione nei sistemi elettrici. “Le soluzioni politiche sono complementari a soluzioni tecnologie efficaci e convenienti”.

Le nuove tecnologie e quadri politici possono aumentare la penetrazione delle fonti di energia rinnovabile

Il Rapporto mette in evidenza i fattori chiave di successo, e propone le misure concrete per una integrazione delle rinnovabili nei sistemi di energia elettrica.

• I politici devono definire le regole del mercato per garantire un sistema energetico più sostenibile, tra cui normative chiare sulle emissioni di CO2 ben definite
• L'introduzione di mercati di capacità può contribuire a garantire la sicurezza dell'approvvigionamento, i mercati basati su una sola fonte energetica non riescono spesso a garantire un approvvigionamento affidabile in sistemi con una grande quota di energie rinnovabili variabili.
• Le metodologie di previsioni meteo hanno bisogno di un ulteriore sviluppo per assicurare una maggior precisione anche per gestire rapidamente la natura variabile di sole e vento

 

Effetti stagionali e quotidiani del sole sulla variazione della produzione di energia in un impianto fotovoltaico piccolo in Italia centrale

 

Scarica il Rapporto Variable Renewables integration in electricity Systems: how to get it right (Ing)

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2017

Nel 2016 cala la produzione fotovoltaica

Il "Rapporto statistico solare fotovoltaico" Pubblicato dal GSE evidenza un calo del 4,3% della produzione fv dei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015     Come ogni anno il GSE, pubblica il “Rapporto statistico - ...

18/01/2017

La rinnovabili sempre più competitive, il futuro è green!

Come le rinnovabili possono decarbonizzare il settore energetico, grazie alla diminuzione dei costi, innovazione tecnologica e politiche efficienti     Irena, l’agenzia internazionale per le energie rinnovabili, ha presentato il nuovo ...

18/01/2017

Nuove tipologie abitative a Made

Come stanno cambiando le abitudini e i comportamenti delle persone rispetto ai consumi, al lavoro, alla sostenibilità e alla casa? Scopriamolo a Milano dall'8 all'11 marzo 2017.   MADE expo, una delle più importanti manifestazioni ...

17/01/2017

Dalla diffusione della micro-cogenerazione benefici economici e ambientali

Uno studio pubblicato dalla società Althesys analizza i benefici a livello economico, di risparmio energetico e diminuzione delle emissioni in ambiente che deriverebbero dalla crescita della microcogenerazione       La ...

17/01/2017

Lo smog soffoca le città italiane

L'ultimo Report di Legambiente lancia l'allarme, sono 32 le città in cui è stata superata la soglia di polveri sottili consentita dalla legge. Serve un piano nazionale che aiuti gli amministratori a intervenire ...

16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...