IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Fotovoltaico più efficiente grazie ai nanocristalli

Fotovoltaico più efficiente grazie ai nanocristalli

La possibilità di realizzare dispositivi fotovoltaici a basso costo e ad alta efficienza rappresenta da anni uno dei traguardi più importanti e ambiziosi per la moderna ricerca scientifica.
Un gruppo di ricercatori dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, il Dr. Marco Govoni, il Dr. Ivan Marri e il Prof. Stefano Ossicini del Dipartimento di Scienze e Metodi dell'Ingegneria, Dipartimento di Fisica, Centro Interdipartimentale En&Tech e Istituto Nanoscienze del CNR, ha recentemente dimostrato come, sfruttando la natura quantistica dell'interazione tra nanocristalli di silicio, sia possibile aumentare  l'efficienza dei processi di fotoconversione nei dispositivi fotovoltaici. I risultati di tale studio, che apre   nuove ed interessanti prospettive nell'impiego del silicio nanostrutturato per convertire la radiazione solare in corrente elettrica, sono stati pubblicati nel numero di Ottobre di Nature Photonics, una delle riviste scientifiche internazionali più prestigiose nel settore della fotonica e dell'ottica quantistica. "Il silicio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta terrestre", commenta il Prof. Stefano Ossicini "e il suo impiego nella realizzazione di dispositivi fotovoltaici è di fondamentale importanza per garantire uno sviluppo sostenibile. Si prevede che il fotovoltaico possa garantire alle prossime generazioni un'energia sicura e pulita". L'aumento dell'efficienza energetica di tali dispositivi passa per lo sviluppo di nuove strategie fotovoltaiche e, come sottolineano i ricercatori Marco Govoni ed Ivan Marri, "le nostre simulazioni mostrano la possibilità di sfruttare l'interazione tra elementi nanostrutturati di silicio per sviluppare nuove celle fotovoltaiche di terza generazione a basso costo ed alto rendimento" . "I nostri risultati teorici dimostrano come l'impiego di sistemi ad alta densità di nanostrutture di silicio, cioè di sistemi costituiti da elementi di dimensioni milioni di volte più piccole del diametro di un capello, posti tra loro a distanze inferiori al nanometro, permetta di aumentare il numero di cariche generate per singolo fotone assorbito e conseguentemente di migliorare le prestazioni del dispositivo solare". 
"E' un risultato estremamente importante", afferma il Prof. Stefano Ossicini, "anche perché ottenuto da un gruppo di ricerca tutto made in Italy, confermando l'alta qualità della ricerca italiana nel campo della fisica della materia condensata. Non a caso il Dr. Marco Govoni sarà presto attivo presso la University of California Davis, una delle università più importanti degli Stati Uniti, dimostrando l'alta richiesta di ricercatori italiani all'estero"
L'Unione Europea ha finanziato questo studio attraverso il progetto di ricerca multinazionale del VII programma quadro, NASCENT (Silicon Nanodots for Solar Cell Tandem).
Le simulazioni numeriche necessarie per ottenere i risultati pubblicati sono state effettuate presso il centro di calcolo italiano CINECA e si sono avvalse dell'iniziativa ISCRA (Italian SuperComputing Resource Allocation).

Rappresentazione grafica di due nanocristalli di silicio

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
16/03/2017

11 stati dell’UE hanno raggiunto gli obiettivi rinnovabili al 2020

Crescono le energie rinnovabili in Europa che è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi al 2020. L’Italia ha raggiunto il target, alcuni paesi dovranno impegnarsi di più     L’Eurostat ha pubblicato i dati ...

16/03/2017

Una Chiesa green e con tetto fotovoltaico

Un edificio religioso all’avanguardia, passivo e CO2 neutral, realizzato con approccio ecosostenibile e circondato da 10.000mq di parco     Sarà realizzato in tempi brevi a Salerno, nei quartieri Torrione e Sala Abbagnano che ...

13/03/2017

Il 2017 inizia con segno + per le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico

Pubblicato l'Osservatorio Anie Rinnovabili di gennaio 2017, nel complesso le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto circa 69 MW       Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto osservatorio sulle energie ...

10/03/2017

Innovativo processo per ridurre fino al 25% il costo di fabbricazione delle celle solari

Il progetto SOLNOWAT finanziato dall’UE, è dedicato allo sviluppo di un nuovo metodo di incisione a secco delle celle solari, in grado di diminuirne il costo fino al 25%     I ricercatori impegnati nel progetto ...

10/03/2017

Quali sono le prospettive per il fotovoltaico in Europa?

La domanda globale di energia solare nel 2016 è aumentata quasi del 50%, in Europa è scesa del 20%. L’UE può tornare leader del fotovoltaico?     Nel corso del vertice SolarPower 2017, che si è svolto il 7 e ...

08/03/2017

Record mondiale di efficienza dei moduli fotovoltaici a Perovskite

Realizzati dai ricercatori italiani moduli fotovoltaici a Perovskite con un’efficienza record a livello mondiale     
I ricercatori del Polo Solare Organico (CHOSE) dell’Università degli Studi di Roma “Tor ...

24/02/2017

Un albero naturale per l'energia fotovoltaica, eolica e idrica

Un'innovazione tutta italiana quella di Tree Life, dalla forma di albero, che produce energia eolica, idrica e fotovoltaica, integrandosi in ogni contesto ambientale     La produzione di energia da fonti rinnovabili negli ultimi anni ha ...

23/02/2017

Revamping degli impianti incentivati in conto energia, il GSE pubblica le procedure

Indicazioni per la gestione degli interventi di manutenzione e ammodernamento tecnologico su impianti fotovoltaici incentivati in Conto Energia       Il GSE ha pubblicato sul proprio sito le procedure per la manutenzione e ...