IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > G7 energia, salta l’accordo per l’ambiente

G7 energia, salta l’accordo per l’ambiente

Al termine del Summit per l’ambiente non è stato presentato un documento congiunto dai ministri perché gli USA stanno rivedendo le proprie politiche energetiche

 

 

Il ministro dello Sviluppo economico e presidente di turno del summit G7 Energia, Carlo Calenda, ha annunciato che al termine dei lavori del 9 e 10 aprile non c’è stata alcuna dichiarazione congiunta, a causa del rifiuto degli Stati Uniti, rappresentato al G7 Energia dal segretario di stato del dipartimento energia, Rick Perry, di sottoscrivere un testo in cui si facesse riferimento al cambiamento climatico.


Si fa dunque sentire la nuova politica per il clima introdotta da un “nostalgico” Trump, basata su un rilancio del carbone, la più importante fonte di emissioni di CO2 e intenzionato a rivedere le posizioni di Obama rispetto alla lotta ai cambiamenti climatici. Anche se, fanno notare gli economisti, le grandi imprese USA stanno invece investendo in maniera significativa nelle rinnovabili, a dispetto del loro Presidente.
E intanto Canada, Regno Unito e Francia hanno già annunciato che abbandoneranno completamente il carbone; a anche in Cina e India diminuiscono le centrali. Segno che il mondo sta andando dalla parte giusta.

 

Si mette dunque a rischio l’accordo per il clima firmato a Parigi due anni fa? Non è dato saperlo, certo diventa più difficile garantire il contenimento del rialzo delle temperature entro i 2°, mentre da tutti i fronti aumentano gli allarmi per la sopravvivenza stessa dell’ambiente, pensiamo allo scioglimento dei ghiacci o alla Grande Barriera Corallina australianalche sta diventando bianca a causa dell’aumento della temperatura dell’acqua, con conseguenze devastanti sull’ecosistema.

 

Luca Iacoboni, responsabile della campagna clima e energia di Greenpeace Italia ha evidenziato che per rispettare gli accordi di Parigi è necessario che il nostro paese, che ha la presidenza di turno del G7, dia l'esempio "non limitandosi a fare i compiti a casa ma facendo pressione su chi non sembra prendere sul serio i cambiamenti climatici".

 

Edoardo Zanchini, vice presidente di Legambiente vorrebbe un impegno maggiore del nostro governo verso le rinnovabili e ha commentato che "di fronte all’assenza di una dichiarazione congiunta in chiusura del G7 energia, stupisce che nelle sue dichiarazioni il ministro Calenda si soffermi unicamente su accordi in materia di gas, Gnl e gestione e ammodernamento della rete gas dell’Ucraina. La risposta al negazionismo di Trump non è il gas".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/05/2018

Scendono le emissioni CO2 e cresce il PIL

I dati pubblicati da Ispra con le prime stime per il 2018 confermano il disaccoppiamento tra crescita economica e calo di emissioni     Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha pubblicato l’inventario ...

16/05/2018

Le nuove norme Europee per l’ambiente

Il Parlamento Europeo lo scorso aprile ha varato le nuove norme per rendere le auto più pulite e sicure, e il nuovo pacchetto normativo sugli obiettivi di riciclaggio. Intanto il Consiglio Europeo approva gli obiettivi di riduzione delle emissioni e di ...

16/05/2018

Nel 2017 cresce del 10% la potenza da rinnovabili in Italia

Pubblicati i dati Anie Rinnovabili relativi al primo trimestre dell'anno: le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico raggiungono complessivamente circa 138 MW. I dati a consuntivo mostrano che la potenza da FER rispetto al 2016 è ...

15/05/2018

Gli impatti della riqualificazione degli edifici su clima e salute

C40 è un network ci città che nel mondo sono impegnate nella lotta ai cambiamenti climatici, collaborando in modo efficace e promuovendo azioni a sostegno della sostenibilità. Il Gruppo Rockwool tra i sostenitori del ...

15/05/2018

Nel quartiere di Soho, New York, c’è un grattacielo che pulisce l’aria

Per contrastare gli alti livelli di inquinamento atmosferico presenti nelle grandi città, lo studio di architettura Builtd, ha realizzato a New York un condominio di lusso rivestito con una particolare sostanza in grado di purificare l’aria ...

14/05/2018

I chiarimenti di Rete Irene sui limiti di spesa per ecobonus e sismabonus

Virginio Trivella - Coordinatore del Comitato tecnico scientifico di Rete Irene, ha analizzato la Circolare n. 7/E dell'Agenzia delle Entrate e offre utili chiarimenti sui limiti di spesa per la riqualificazione energetica degli edifici e per gli interventi ...

11/05/2018

Educare alla sostenibilità, l'esempio di Ecovillaggio Montale

Bambini e ragazzi devono imparare sin da piccoli la cultura della sostenibilità e del rispetto ambientale. Il quartiere bio Ecovillaggio Montale cerca di formare i giovani promuovendo varie attività sul campo     Le tematiche ...

10/05/2018

In crescita le emissioni di CO2 in Europa

L'Eurostat stima che nel 2017 le emissioni di CO2 derivanti dalla combustione di combustibili fossili siano aumentate dell'1,8% in Unione europea rispetto all'anno precedente.     L'Eurostat, ufficio statistico dell'UE, ha pubblicato le prime ...