IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > I sussidi alle fossili e gli attacchi alle rinnovabili

I sussidi alle fossili e gli attacchi alle rinnovabili

L’analisi del M5S sui tanti sussidi alle fonti fossili, a discapito delle energie green e dell'efficienza energetica

 

Il M5S ha pubblicato un documento in cui vengono analizzate le azioni che il Governo ha intrapreso a favore delle fonti fossili, ostacolando nei fatti, con il supporto dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeegsi), le nuove installazioni per la produzione di energia da fonte rinnovabile e gli interventi di efficientamento e risparmio energetico, nonostante i continui proclami a sostegno delle energie green.

 

Intanto, si legge nel comunicato del M5S i sussidi alle fonti fossili in Italia ammontano a 13 miliardi di euro e le recenti azioni del Governo non favoriscono di sicuro le rinnovabili. A livello comunitario la normativa chiede lo sviluppo di installazioni da fonte rinnovabile negli edifici verso obiettivi di efficienza energetica che garantiscano che i consumatori non paghino sull’energia prodotta in loco gli oneri di cui è invece gravata l’energia in bolletta.

 

Vediamo alcuni dei provvedimenti che il documento del M5S ha approfondito:

Il Milleproroghe ha dato il via libera alla riforma della bolletta domestica promossa dall’Autorità, in vigore dal 1 gennaio 2016, per cui di fatto gli oneri sono indipendenti dal consumo di energia prelevata dalla rete, quindi se si consuma meno energia non si paga meno, come sarebbe ovvio.  “Il principio della riforma riguarda lo spostamento degli oneri dalla componente della bolletta legata al consumo di energia prelevata dalla rete (c.d. variabile) alla componente fissa, in tal modo praticamente azzerando la convenienza della produzione in autoconsumo da fonte rinnovabile”. In questo modo naturalmente decade l’incentivo ad investire in sistemi efficienti e a minore consumo.

 

Nonostante la normativa (articolo 11, decreto legislativo 28/2011) obblighi ad installare gli impianti fotovoltaici per incentivare l’autoconsumo di energia, di fatto tale autoconsumo viene poi vietato dall’Articolo 5 della Delibera 539/2015 dell’Autorità per l’Energia che vieta l’impiego di Sistemi di Distribuzione Chiusi permessi invece dalla normativa europea. La norma impedisce il consumo in loco dell’energia prodotta sul tetto degli edifici commerciali, industriali e di servizi (ospedali, stazioni, aeroporti, etc.) quando all’interno degli stessi c’è più di un utente, cioè praticamente sempre.

 

Lo spalma-incentivi introdotto dal D.L. 91/2014, articolo 26, ha cambiato regole già in essere prevedendo nuove modalità di erogazione degli incentivi riconosciuti all’energia prodotta da impianti fotovoltaici di potenza incentivata superiore a 200KW. E' già stata fissata per il 6 dicembre la prima udienza per l'esame da parte della Corte Costituzionale della legittimità o meno dello spalma incentivi.

 

Sul Nuovo Conto Termico il M5S sostiene che ci siano troppe limitazioni al ricorso alle ESCO, che possono intervenire solo con contratti di prestazione energetica o di servizio energia, non si prevede la incentivazione della trasformazione degli edifici di privati in edifici a energia quasi zero; non si prevedono adeguate misure di aiuto alle pubbliche amministrazioni per lo svolgimento delle gare.

 

Nonostante un’interrogazione del luglio 2015 non sono ancora attuate le disposizioni che permettono ai produttori di energia da fonte rinnovabile, ed in generale ai piccoli impianti di produzione di energia, di garantire i servizi necessari alla stabilità ed al funzionamento delle reti, resi invece dagli altri produttori.

 

Nonostante le interroogazioni presentate prima dal M5S e poi da Ermete Realacci, non è stato attuato il Fondo Nazionale per interventi di Efficienza Energetica.

Sono inoltre bloccati i meccanismi di Fondo di Garanzia che dovrebbero sbloccare la capacità delle ESCO di dare sostegno finanziario.

 

Sulla mobilità elettrica il documento del M5S denuncia che non è stata ancora data attuazione alla Direttiva comunitaria in materia di mobilità elettrica, non sono state aggiornate le linee Guida del Ministero per le Infrastrutture riguardo la mobilità elettrica e nulla è stato previsto per la integrazione fra la mobilità elettrica e la produzione di energia da fonte rinnovabile.

 

C'è da segnalare anche il grave ritardo la pubblicazione del decreto per l’incentivazione degli impianti di produzione di energia rinnovabile diversa dal fotovoltaico che è in attesa del parere della commissione europea.

 

E poi bisognerebbe snellire la burocrazia, proporre un quadro normativo chiaro e completo in materia di teleriscaldamento, attuare le disposizioni per un processo di progressiva copertura del fabbisogno delle isole minori non interconnesse attraverso energia da fonti rinnovabili.

 

Il M5S sottolinea che l'Italia ha già raggiunto l'obbiettivo europeo del 17% "solamente perché abbiamo ridotto i consumi di energia. Riduzione dovuta non per gli interventi di efficienza energetica nel settore produttivo ma per la crisi economica. Il dato del 17% viene determinato dal rapporto tra i consumi e la produzione di energia rinnovabile. Ebbene dal 2010 al 2014 siamo passati da 187,8 mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) a 166".

Senza dimenticare che con la fine dei Conti Energia il fotovoltaico ha patito una crisi molto seria che non sappiamo quanto durerà, considerando che nei primi 11 mesi del 2015 si sono installati poco meno di 270 MW fotovoltaici.

 

 

 

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/01/2017

Dalla diffusione della micro-cogenerazione benefici economici e ambientali

Uno studio pubblicato dalla società Althesys analizza i benefici a livello economico, di risparmio energetico e diminuzione delle emissioni in ambiente che deriverebbero dalla crescita della microcogenerazione       La ...

17/01/2017

Lo smog soffoca le città italiane

L'ultimo Report di Legambiente lancia l'allarme, sono 32 le città in cui è stata superata la soglia di polveri sottili consentita dalla legge. Serve un piano nazionale che aiuti gli amministratori a intervenire ...

05/01/2017

Crescono le rinnovabili, diminuisce la dipendenza energetica

L'Istat ha pubblicato l'edizione 2016 dell’Annuario statistico italiano che traccia una fotografia dei principali settori in Italia, tra cui ambiente ed energia.     L’Istat ha pubblicato l’edizione 2016 dell’Annuario ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

23/12/2016

Progetto #greenlight, per l'efficienza energetica nelle gallerie

Investimento da 155 milioni di euro per il risparmio energetico nelle Gallerie gestite da Anas e l'aumento della sicurezza       Illuminazione efficiente, risparmio energetico e aumento della sicurezza nelle Gallerie della rete stradale di ...

23/12/2016

Via libera al piano energetico delle Marche che spinge sulle rinnovabili

Obiettivo del piano è la diminuzione del consumo regionale di energia del 20% e di portare al 25.8% il contributo delle energie rinnovabili     Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR ...

16/12/2016

Bill Gates lancia un fondo per le energie rinnovabili da 1 miliardo di dollari

Promosso da Bill Gates, insieme ad altri imprenditori illuminati, un fondo di investimento da un miliardo di dollari dedicato alle nuove tecnologie green  
Le due facce degli Stati Uniti rispetto alle energie rinnovabili e al futuro del ...

16/12/2016

Firmata una nuova direttiva UE per limitare le emissioni

La direttiva europea adottata fissa limiti più rigorosi per i cinque principali inquinanti ed entrerà in vigore il 31 dicembre 2016     Entrerà in vigore il prossimo capodanno la nuova direttiva europea, elemento ...