IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > IEA: sostenere le rinnovabili per contrastare i cambiamenti climatici

IEA: sostenere le rinnovabili per contrastare i cambiamenti climatici

On line il Rapporto dell'Agenzia che indica le 5 politiche chiave da seguire per un futuro sostenibile del pianeta

Il nuovo Rapporto "World Energy Outlook Special Report on Energy and Climate Change" dell’Agenzia internazionale dell’Energia, sottolinea che il mondo è a un punto critico nei suoi sforzi per combattere i cambiamenti climatici ma, anche in preparazione al vertice della Cop 21 di Parigi del prossimo dicembre, è possibile arrivare già nel 2020 a una significativa diminuzione delle emissioni, purchè vengano sostenute le energie rinnovabili e siano gradualmente eliminate le sovvenzioni alle fonti fossili.


In particolare l’Agenzia evidenzia 5 azioni chiave che le nazioni devono sostenere:

  • Aumentare l‘efficienza energetica nell’industria, dell’edilizia e dei trasporti
  • Diminuire l’utilizzo delle centrali elettriche a carbone meno efficienti e proibirne la costruzione
  • Aumentare gli investimenti nelle tecnologie in energie rinnovabili nel settore elettrico dai 270 miliardi dollari nel 2014 a 400 miliardi dollari nel 2030
  • Eliminare gradualmente entro il 2030 le sovvenzioni ai combustibili fossili per gli utilizzatori finali
  • Ridurre le emissioni di metano nella produzione di petrolio e gas

L’AIE raccomanda che sia rispettato l’obiettivo di limitare l'aumento della temperatura media globale a 2 gradi Celsius al 2020 ripetto ai livelli preindustriuali.
Nel Report viene sottolineato il ruolo sempre più importante delle rinnovabili che nel 2014 hanno pesato quasi per il 50% della nuova potenza installata. 

 

I governi dei vari paesi per riuscire a limitare l'aumento delle emissioni da qui al 2030 dovrebbero prevedere tagli della CO2 più ambiziosi monitorandone i risultati. Proprio per questo la IEA propone una revisione ogni 5 anni per evidenziare i progressi ed eventualmente aggiustare il tiro.


Greenpeace in una nota esprime apprezzamento per l’analisi dell’Agenzia che riconosce il ruolo fondamentale delle rinnovabili e chiede a tutti i Paesi obiettivi più ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra.
"Siamo alle soglie di una nuova era energetica, e la IEA lo riconosce chiaramente. Il carbone farà presto parte del passato, seguito dal petrolio, sottolinea Luca Iacoboni, responsabile della Campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. Occorrono però maggiori sforzi da parte di tutti gli Stati. Concordiamo con la IEA, gli attuali impegni di riduzione delle emissioni presi in vista della Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici sono decisamente inferiori rispetto a quanto necessario per mantenere l’aumento di temperatura entro i 2°C, soglia limite indicata dalla scienza. Tutti i Paesi devono essere più ambiziosi, e gli impegni attualmente sul banco devono rappresentare il punto di partenza minimo. Come affermato dalla IEA, occorrono maggiori investimenti in energie rinnovabili, tecnologie già oggi economicamente convenienti, mentre bisogna porre fine ai sussidi alle fonti fossili. Ridurre le emissioni - conclude Iacoboni - è un’opportunità di business, e non solo un costo. Per questo dobbiamo lavorare tutti insieme per un futuro 100 per cento rinnovabile entro il 2050".

 

Scarica il rapporto World Energy Outlook Special Report on Energy and Climate Change (Inglese)

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/10/2017

Bozza Legge di Bilancio 2018, le novit per ledilizia

C'è la bozza della Legge di Bilancio 2018, prorogate le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione efficiente. Ma il "bonusverde"?    Rispetto a quanto vi abbiamo anticipato qualche giorno fa sulla ...

19/10/2017

Le citt italiane soffocate dallo smog

Pubblicati gli allarmanti dati sull'inquinamento delle nostre città da Legambiente che denuncia la mancanza di veri interventi sostenibili a lungo termine     E’ una vera emergenza quella di cui parla Legambiente nel report ...

19/10/2017

Provvedimenti delle Regioni per rinnovabili ed efficienza energetica

Le misure per diminuire i consumi, investire in rinnovabili e rispettare gli obiettivi europei grazie a interventi in efficienza energetica. Come si muovono le Regioni     Diverse Regioni hanno approvato bandi dedicati al ...

18/10/2017

Edifici ad alta efficienza energetica in UE entro il 2050

Il Parlamento Europeo chiede nuove misure per incentivare la riqualificazione efficiente degli edifici, infrastrutture di sostegno per i veicoli elettrici nei nuovi edifici, migliore monitoraggio del rendimento energetico degli ...

18/10/2017

Termostato 'smart': cosa vuol dire davvero?

I termostati utilizzano una tecnologia sempre più efficiente ed avanzata per garantire facile gestione e monitoraggio del riscaldamento e risparmi in bolletta   di Umberto Paracchini, Marketing & Communication Leader B2B EMEA at ...

17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...

16/10/2017

Posata la prima pietra del primo smart district di Milano

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire     Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo ...