IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il fotovoltaico in Italia quale futuro dopo il 2011?

Il fotovoltaico in Italia quale futuro dopo il 2011?

Visto il momento di grande incertezza che sta vivendo il mondo del fotovoltaico, con l'approvazione nel Consiglio dei Ministri del decreto attuativo della Direttiva 2009/28/CE che fissa al 31 maggio il limite ultimo per la connessione alla rete degli impianti fotovoltaici che possono accedere agli incentivi previsti dal Terzo Conto Energia, si preannuncia particolarmente interessante il convegno "Il fotovoltaico in Italia quale futuro dopo il 2011?" organizzato il 18 maggio 2011 a Milano da MCE - MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT, con il coordinamento tecnico-scientifico di Politecnico di Milano - Energy & Strategy Group.
In questo quadro normativo ancora confuso, in attesa del decreto attuativo che conterrà i nuovi incentivi alle rinnovabili e che dovrebbe arrivare entro pochi giorni ai tavoli dei ministri dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, e dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, il Convegno si propone di presentare e dibattere, insieme alle principali associazioni del settore, gli scenari normativi e di mercato che si profilano all'orizzonte per le imprese del fotovoltaico in Italia, così da delineare il futuro di questa fonte rinnovabile nel nostro Paese.
Il Convegno sarà anche l'occasione per discutere i più recenti sviluppi relativi al prossimo sistema di incentivi, attesi già nelle prossime settimane, in termini di impatto che essi verosimilmente avranno sulle dinamiche di mercato e sulla filiera industriale. Un momento di confronto e di aggiornamento che sarà utile tanto per gli operatori del fotovoltaico quanto per le imprese interessate ad investire in questa fonte di energia rinnovabile.
 
Il fotovoltaico in Italia quale futuro dopo il 2011?
18 maggio 2011
Auditorium Stella Polare - Fiera Milano RHO
Registrati on line

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia