IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il GSE presenta il Rapporto 2007 sulle fonti rinnovabili in Italia

Il GSE presenta il Rapporto 2007 sulle fonti rinnovabili in Italia

Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti fotovoltaici incentivati con il Conto Energia.

Il Presidente Carlo Andrea Bollino e l’Amministratore Delegato Nando Pasquali hanno presentato il Rapporto 2007 che illustra le attività del GSE nel campo delle fonti rinnovabili alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola.

Il Rapporto 2007 passa in rassegna le attività svolte dal GSE nel corso del 2007, con particolare riferimento ai meccanismi di incentivazione della produzione da fonti rinnovabili e della cogenerazione ad alto rendimento. GSE coglie l’occasione della presentazione del Rapporto per illustrare anche alcuni risultati conseguiti nel 1° semestre 2008 e l’avvio delle nuove attività ad esso assegnate.

Il Rapporto è suddiviso in 6 capitoli di cui di seguito si forniscono gli elementi salienti.

Cap. 1 - Lo scenario internazionale delle fonti rinnovabili nel settore elettrico

Il 2007 è stato un anno particolarmente significativo per le politiche europee in materia di promozione della sostenibilità in campo energetico, che ha registrato l’approvazione, nel Consiglio dei Ministri UE di primavera, del pacchetto integrato di azioni per il raggiungimenti di tre obiettivi al 2020 (riduzione del 20% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990, aumento al 20% della quota di energie rinnovabili a copertura del consumo interno lordo di energia, riduzione dei consumi finali del 20% rispetto ai livelli tendenziali previsti al 2020).

Il capitolo riporta anche una analisi comparativa dei meccanismi di sostegno per il raggiungimento degli obiettivi nazionali in alcuni Paesi ed una descrizione delle barriere amministrative, infrastrutturali, sociali e finanziarie interposte alla realizzazione degli investimenti in energie rinnovabili.

Cap. 2 - Lo scenario italiano delle fonti rinnovabili nel settore elettrico

L’analisi mette in evidenza che, pur a fronte di un aumento della potenza efficiente lorda degli impianti rinnovabili nell’ultimo decennio da circa 17.000 MW nel 1997 ad oltre 21.000 MW nel 2006, la quota di produzione elettrica italiana da fonti rinnovabili sul totale della produzione nazionale si è mantenuta intorno al 20%, causa l’aumento dei consumi e la riduzione negli anni della produzione idroelettrica, dovuto sia a ragioni ideologiche che a disposizioni legislative emanate per garantire il “minimo deflusso vitale” negli alvei.
La riduzione dell’apporto idroelettrico è stato compensato dal crescente apporto delle cosiddette nuove fonti rinnovabili (biomasse, eolico e solare).

Nel capitolo sono descritti il ruolo del GSE nella gestione degli strumenti di promozione della produzione elettrica delle fonti rinnovabili e le novità in materia introdotte dalla legge 24 dicembre 2007 n. 244 (Finanziaria 2008), con la revisione del meccanismo dei Certificati Verdi (CV) e l’introduzione di un meccanismo di incentivazione per gli impianti di piccola potenza, alternativo ai CV, basato sulla erogazione di una tariffa fissa.

Cap. 3 - L’energia ceduta al GSE e le attività di partecipazione al mercato

Fino allo scadere delle convenzioni che i produttori hanno stipulato in passato con Enel, GSE continuerà a ritirare l’energia prodotta dagli impianti incentivati dal meccanismo introdotto dal provvedimento CIP n. 6 del 1992.
A fine 2007 la potenza complessiva degli impianti c.d CIP6 che cedevano energia a GSE era pari a 7.641 MW per un totale di 374 convenzioni.
L’energia ceduta al GSE nel 2007 ha raggiunto i 46,6 TWh, di cui 38,3 TWh (82%) da fonti assimilate e 8,2 TWh (18% del totale) da fonti rinnovabili. Il prezzo medio complessivo di acquisto è stato pari a 112,3 €/MWh, differenziato in 97,7 €/MWh per le fonti assimilate e 179,9 €/MWh per quelle rinnovabili, quest’ultime destinatarie di un livello di incentivazione più elevato.

L’onere complessivo dell’energia CIP6, coperto tramite la componente A3 della tariffa, è risultato nel 2007 di 2.400 milioni di €, pari alla differenza tra il prezzo di acquisto (5.235 milioni di €) ed i ricavi per la vendita dell’energia e la regolazione dei CFD (2.835 milioni di €). Tale onere si ridurrà gradualmente nei prossimi anni fino ad annullarsi nel 2020, allo scadere di tutte le convenzioni.

Cap. 4 - Il sistema di incentivazione dell’energia fotovoltaica

L’innovativo meccanismo per la promozione dell’energia solare fotovoltaica, introdotto nel 2005 con un decreto attuativo del Ministro Claudio Scajola, prevede l’erogazione ventennale di un incentivo all’energia prodotta da impianti fotovoltaici collegati alla rete elettrica. Nel febbraio 2007 il meccanismo è stato aggiornato per apportarvi alcune modifiche ed integrazioni.

Con riferimento al primo Conto Energia a fine 2007 risultavano in esercizio 4.003 impianti per complessivi 49 MW di potenza. L’energia prodotta nel 2007 è stata pari ad oltre 10 milioni di kWh, cui è stato corrisposto un incentivo di 25,5 milioni di Euro.

Con il nuovo Conto Energia, a fine 2007 risultavano in esercizio 838 impianti per una potenza complessiva di 3,8 MW; l’energia corrispondente prodotta nel 2007 è stata pari a 1,3 milioni di kWh, con un incentivo di mezzo milione di Euro.

Per agevolare l’accesso all’incentivazione il GSE ha redatto due Guide, disponibili anche sul sito web: la prima (“Il nuovo conto energia”) rappresenta uno strumento di consultazione per coloro che intendono realizzare un impianto fotovoltaico e ricevere gli incentivi, la seconda (“Guida agli interventi validi ai fini del riconoscimento dell’integrazione architettonica del fotovoltaico”) agevola l’interpretazione di quanto previsto in merito alla maggiorazione degli incentivi per gli impianti integrati architettonicamente.

Cap. 5 - Il meccanismo dei Certificati Verdi e le attività del GSE

L’attività di qualifica degli impianti da fonte rinnovabile, necessaria per poter richiedere l’emissione i Certificati Verdi, è andata sensibilmente crescendo.
Il numero degli impianti qualificati è passato da 1.469 al 1° gennaio 2007 a 2.296 al 31 dicembre 2007, di cui 1.335 in esercizio e 961 a progetto.

Gli impianti qualificati in esercizio sono in larga parte idroelettrici (60%), mentre gli impianti qualificati a progetto sono soprattutto eolici (37%).
La tipologia di intervento più diffusa è quella della nuova costruzione di impianto (64% di quelli in esercizio e 80% di quelli a progetto).
Il quantitativo d’obbligo di produzione da fonte rinnovabile, da immettere per l’anno 2007, è stato determinato dal GSE in 5,8 miliardi di kWh corrispondenti al 3,05% di 190,7 miliardi di kWh.

A fronte di tale domanda i CV emessi nel 2006, di taglia unitaria pari a 50 MWh, hanno fatto riferimento a circa 6 miliardi di kWh derivanti sostanzialmente dalla fonte idroelettrica (35%), eolica (37%) e geotermica (14%). Nel 2007 il prezzo medio dei CV nel mercato organizzato dal Gestore del Mercato Elettrico è stato pari a circa 120 €/MWh (al netto di IVA), contro un prezzo di riferimento (massimo) dei CV del GSE pari a 125 €/MWh.

Cap. 6 - La promozione della cogenerazione e le attività del GSE

Il Decreto Legislativo n. 20/2007 ha introdotto nuove misure finalizzate a promuovere l’uso della cogenerazione ad alto rendimento (CAR), con la finalità di migliorare l’efficienza energetica e salvaguardare l’ambiente. In particolare il Decreto ha identificato il GSE quale soggetto attuatore delle misure introdotte per promuovere la CAR, attribuendogli anche le competenze in materia di rilascio della Garanzia di Origine all’elettricità prodotta da impianti CAR, ed ha introdotto la possibilità di operare in regime di “scambio sul posto” per gli impianti CAR di potenza fino a 200 kW.

Il Decreto ha anche identificato una serie di compiti in capo a soggetti diversi – tra cui ancora il GSE - per la raccolta di informazioni finalizzate a migliorare la conoscenza del mercato della cogenerazione per favorirne la diffusione.
Gli impianti che nell’anno 2007 il GSE ha riconosciuto di cogenerazione, per la produzione 2006, rappresentano una potenza installata di circa 8.600 MW elettrici, pari al 9,3% del totale parco di generazione italiano ed al 12,5% del solo parco termoelettrico.
Nel corso del 2006 gli impianti di cogenerazione hanno prodotto circa 46 miliardi di kWh elettrici e 39 miliardi di kWh termici, consumando combustibile per complessivi 11,2 Mtep, pari a 130 miliardi di kWh.

L’energia prodotta in cogenerazione è stata pari al 16% dell’intera produzione nazionale ed al 20% della produzione termoelettrica.
il ricorso alla cogenerazione ha fatto conseguire nel 2006 un risparmio del 28% rispetto all’energia che si sarebbe consumata producendo separatamente energia elettrica e calore (produzioni realizzate con rendimenti medi Eurostat), ottenendo un risparmio complessivo di circa 4,5 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio.

Per scaricare il Rapporto 2007 "Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici", clicca qui.

Fonte: GSE

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/10/2017

Bozza Legge di Bilancio 2018, le novit per ledilizia

C'è la bozza della Legge di Bilancio 2018, prorogate le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione efficiente. Ma il "bonusverde"?    Rispetto a quanto vi abbiamo anticipato qualche giorno fa sulla ...

19/10/2017

Le citt italiane soffocate dallo smog

Pubblicati gli allarmanti dati sull'inquinamento delle nostre città da Legambiente che denuncia la mancanza di veri interventi sostenibili a lungo termine     E’ una vera emergenza quella di cui parla Legambiente nel report ...

19/10/2017

Provvedimenti delle Regioni per rinnovabili ed efficienza energetica

Le misure per diminuire i consumi, investire in rinnovabili e rispettare gli obiettivi europei grazie a interventi in efficienza energetica. Come si muovono le Regioni     Diverse Regioni hanno approvato bandi dedicati al ...

18/10/2017

Edifici ad alta efficienza energetica in UE entro il 2050

Il Parlamento Europeo chiede nuove misure per incentivare la riqualificazione efficiente degli edifici, infrastrutture di sostegno per i veicoli elettrici nei nuovi edifici, migliore monitoraggio del rendimento energetico degli ...

18/10/2017

La componentistica fattore essenziale per l'affidabilit degli impianti fotovoltaici

Per l’affidabilità e l’efficienza del pannello fotovoltaico è importante considerare i materiali di cui è fatto e la componentistica     DuPont ha organizzato un convegno dedicato alle "Strategie di mitigazione ...

18/10/2017

Termostato 'smart': cosa vuol dire davvero?

I termostati utilizzano una tecnologia sempre più efficiente ed avanzata per garantire facile gestione e monitoraggio del riscaldamento e risparmi in bolletta   di Umberto Paracchini, Marketing & Communication Leader B2B EMEA at ...

17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...